° Nodini aromatici allo zatar (timo) e ricotta

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

° Nodini aromatici allo zatar (timo) e ricotta

Messaggioda amarisca » 26 nov 2006, 11:45

NODINI AROMATICI ALLA RICOTTA

Immagine

330 g di farina 00
170 g di farina Manitoba
70 g di latte tiepido
130 g d'acqua tiepida
1 cubetto di lievito di birra
100 g di yogurt denso
un cucchiaino colmo di zucchero
una bella presa di sale
130 g di ricotta
50 g di pistacchi (non salati) tritati
50 g di pancetta affumicata
un cucchiaio di parmigiano
zatar (timo libanese)
sale, pepe nero
un uovo

Sciogliere il lievito nel latte tiepido. Impastarlo quindi con le due farine, l'acqua, lo yogurt, lo zucchero, infine aggiungere il sale. Lavorare finchè l'impasto non è liscio ed elastico (io ho usato l'impastatrice).

Coprire e lasciar lievitare per circa un'ora al caldo.
Amalgamare la ricotta con i pistacchi tritati grossolanamente, la pancetta a pezzettini minuscoli, il parmigiano, sale, pepe e abbondante zatar.

Riprendere l'impasto, sgonfiarlo senza lavorarlo e dividerlo in dieci-undici pezzi.
Appiattire ciascun pezzo sulla spianatoia infarinata, tirandolo con le dita fino a formare un rettangolo lungo e stretto.

Spargere su tutta la lunghezza del rettangolo, lasciando un bordo tutt'intorno, una cucchiaiata di ricotta, quindi chiudere a salame accavallando bene i lembi e sigillando anche le punte.

Tirare il salamino ottenuto allungandolo con delicatezza fino ad ottenere una lunghezza che consenta di annodarlo.
Porre su una placca da forno i nodini, ben distanziati, spennellarli con l'uovo sbattuto, cospargerli di zatar e lasciarli lievitare per altri 45-50 minuti.
Preriscaldare il forno a 210 gradi e cuocere i nodini per 12-13 minuti.

Giovanna Esposito
amarisca
 
Messaggi: 180
Iscritto il: 25 nov 2006, 20:44
Località: orta nova

Messaggioda biarob » 27 nov 2006, 10:33

Grazie Giovanna , bella ricetta!
Una domanda , se non dovessi trovare lo zatar (che non conosco)posso usare il timo di casa mia? :?
roberta
Avatar utente
biarob
 
Messaggi: 240
Iscritto il: 27 nov 2006, 8:07
Località: scanzorosciate (bg)

Messaggioda biarob » 27 nov 2006, 12:42

Lisa ha scritto:
biarob ha scritto:Grazie Giovanna , bella ricetta!
Una domanda , se non dovessi trovare lo zatar (che non conosco)posso usare il timo di casa mia? :?


Giovanna è ancora in vacanza (fino a domani :wink: )
Lo zatar lo trovi anche all'Esselunga, scaffale etnico, in bustine trasparenti, puoi usare anche il timo ma aggiungi anche un po' di sesamo.
Per la composizione dello zatar chiedi a Typone, io non mi ricordo tutti gli ingredienti :D

Grazie Lisa , lo cercherò alla Esselunga ! :lol:
roberta
Avatar utente
biarob
 
Messaggi: 240
Iscritto il: 27 nov 2006, 8:07
Località: scanzorosciate (bg)

Messaggioda rosanna » 29 nov 2006, 15:13

esselunga a napoli come si fa? ho telefonato in turchia e me lo mandano :lol:
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 5126
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Messaggioda Sandra » 30 nov 2006, 0:01

E' mai possibile che una a quest'ora, dopo aver mangiato una lepre in salmi'dai vicini, si metta a cercare la composizione dello zathar.Non potevo aspettare lumi da Typone, la curiosita' era tanta.
Lo Zathar libanese è un misto di timo , sesamo e sommaco.

Lo zathar siriano , è un misto di:anice verde, cannella, coriandolo, cumino, sesamo grigliato , timo e sommaco.

Il sommaco Nome latino:Rhus Coriaria L.è un arbusto spontaneo in Sicilia ed in medio Oriente e i romani gia' lo utilizzavano.Si usano i semi contenuti nelle bacche rosse.
E' meglio che vada a letto.Aspettiamo Typone!!!Sandra
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 9016
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee