Il mio primo pane: problemucci

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Il mio primo pane: problemucci

Messaggioda neofitavioletta » 18 mag 2012, 14:52

Ce l'ho fatta! Ho fatto il mio primo pane con pasta madre!!!!!!
E' venuto molto buono, ma ho solo due intoppi:

1) la mollica risulta un po' troppo umida per i miei gusti (anche se intorno è venuta un'ottima crosta). Considera che lo cuocio con lo SfornaTutto De Longhi mettendolo prima a 200 per dieci minuti con calore sopra e sotto e poi il resto del tempo (un'oretta in totale) a 180 ventilato.
2) lo lascio lievitare per circa 6-7 ore dentro la carta da forno, ma mi si appiccica alla carta (l'ho preferita al panno di cotone altrimenti avrei dovuto buttarlo) e si spappola un po' come forma.

Grazie mille per le dritte!;-)
neofitavioletta
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 12 apr 2012, 8:33

Re: Il mio primo pane: problemucci

Messaggioda Lolly » 18 mag 2012, 23:22

Scusami, non posso rispondere alle tue domande perchè sono alle prime armi con la pasta madre. Avrei una domanda da farti: ho letto i tuoi precedenti messaggi, dove scrivevi delle difficoltà che stavi incontrando con la produzione della pasta madre...dato che io ho gli stessi problemi che descrivevi tu (poco aumento di volume e tardata maturazione del lievito), mi puoi dire come hai risolto? Hai ricominciato da capo o, dai e dai, sei riuscita a spuntarla?
Grazie per la risposta.

Lory
Lolly
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 11 mag 2012, 13:34

Re: Il mio primo pane: problemucci

Messaggioda anavlis » 19 mag 2012, 20:30

Prova a fare qualche pane seguendo una tra le tante ricette di pane che trovi sul forum. Essendo ricette già verificate, possiamo seguirti meglio per poterti consigliare :D Ci dai poche indicazioni, non conosciamo la ricetta che hai eseguito, che farina hai usato, se fai una prima lievitazione e la seconda dopo avere formato il pane...perchè hai deciso di utilizzare il forno ventilato?
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10430
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Il mio primo pane: problemucci

Messaggioda anavlis » 19 mag 2012, 20:33

Lolly ha scritto:Scusami, non posso rispondere alle tue domande perchè sono alle prime armi con la pasta madre. Avrei una domanda da farti: ho letto i tuoi precedenti messaggi, dove scrivevi delle difficoltà che stavi incontrando con la produzione della pasta madre...dato che io ho gli stessi problemi che descrivevi tu (poco aumento di volume e tardata maturazione del lievito), mi puoi dire come hai risolto? Hai ricominciato da capo o, dai e dai, sei riuscita a spuntarla?
Grazie per la risposta.

Lory


Da quanto tempo esegui i rinfreschi? e ogni quanto? Occorre pazienza, magari ha solo bisogno di tempo :D
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10430
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Il mio primo pane: problemucci

Messaggioda Lolly » 19 mag 2012, 22:50

Ormai sono due settimane che ho iniziato. C'è stato un momento, dopo circa una settimana, che sembrava fossi sulla strada giusta (notevole aumento di volume), ma poi la mia pasta è regredita: ora aumenta sì, ma in 8/10 ore e si raddoppia solamente. La sto tenendo a temperatura ambiente, in una ciotola di vetro coperta con pellicola un po' bucherellata, dentro il forno spento. La rinfresco generalmente ogni 48 h, a volte mi è capitato di lasciarne passare solo 24. Sbaglio qualcosa?
Lolly
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 11 mag 2012, 13:34

Re: Il mio primo pane: problemucci

Messaggioda anavlis » 20 mag 2012, 8:04

Prova ad aggiungere mezzo cucchiaino di yogurt bianco - sceglilo buono che abbia più ceppi di fermenti lattici - nel rinfresco e quando cresce lo rinfreschi nuovamente ma senza yogurt. Praticamente gli fai 2 rinfreschi nelle 24 ore e il primo con lo yogurt.
Vediamo che accade :D
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10430
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Il mio primo pane: problemucci

Messaggioda maria rita » 20 mag 2012, 11:00

Aggiungerei un paio di cose a quanto detto da Silvana. Il lievito mi pare ancora immaturo, aiutalo con lo yogurt. Se hai fretta di ottenere un pane piú alveolato puoi anche pensare ad una lievitazione mista finché la pasta madre non è pronta aggiungendo del lievito di birra, per es. 10 gr. per chilo di farina. Sapere che forza hanno le farine che usi é fondamentale, una 00 normale da crostate per es. non va bene per il pane perché non si forma una adeguata maglia glutinica. Non avvolgerei nella carta da forno, io infarino l' asse di legno e copro con pellicola da alimenti poggiata con leggerezza e poi copro col panno, quando tolgo la pellicola mi aiuto con la spatola facendo ben attenzione a non strappare l' impasto. Per la crosta passo il pane appena formato nella semola di grano duro: aiuta la formazione della crosta e la manipolazione del pane. Non bisogna poi farlo passare di lievitazione altrimenti tende a collassarsi anche la pagnotta.
Spero di esserti stata utile, facci sapere.
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee