/ La mia pizza con lievito madre.

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

/ La mia pizza con lievito madre.

Messaggioda cilantro » 31 ago 2007, 13:29

Vi metto le foto della pizza che ho cotto ieri.

Immagine

Immagine
Cilantro
cilantro
 
Messaggi: 193
Iscritto il: 8 apr 2007, 16:12
Località: Napoli

Messaggioda cilantro » 31 ago 2007, 13:38

Allora vi dico che come sapore e' molto buona, anche se con il mio lievito madre io sento una puntina di acido che non avverto quando la faccio con poco lievito.
Cmq io l'ho preparata il giorno prima, fatta lievitare fuori al caldo e poi ho fatto i panelli e messi a riposare in frigo fino al giorno dopo.
La pizza si e' cotta a spazzi, cioe' era bella cotta lungo il bordo e un po' piu' in mezzo, al centro invece in certi punti era cotta ed in altri ancora umida.
Imputo questo inconveniente a due problemi.
Secondo me il paniello con LM va fatto rilievitare bene dopo averlo steso in teglia.
Inoltre il forno non era propri caldo.
La seconda pizza, infatti poi e' venuta molto piu' cotta e secca.
Della seconda non ho la foto, perche' la macchinetta mi si era scaricata e mio marito era affamato :D .
Sta pizza non la preferisco a quella che faccio di solito, ma e' una questione di abitudine, perche' ad es mia cugina che mangia pizze fatte solo di LM non gradisce altro.
Secondo me questo imapsto e' piu' adatto per una pizza di scarole o friarielli.
Non ce la vedo tanto per una pizza margherita :roll: .
Questo sempe secondo me eh.
Sbaciuzz e buona pizza a tutti.
Che da lunedi ritorno a dieta soccalifera :cry: :cry: .
Cilantro
cilantro
 
Messaggi: 193
Iscritto il: 8 apr 2007, 16:12
Località: Napoli

Messaggioda bollicina » 31 ago 2007, 21:35

Cilantro ti si è pure gonfiato il cornicione o sbaglio? Non mi pare affatto male, io in teglia non l'ho mai fatta col lievito madre.
Il problema dell'acidità è tipico del lievito madre, mia nonna lo faceva lievitare solo 6 ore per il pane che era veramente fantastico e si conservava a lungo.In questo modo l'acido non si sentiva, perchè invece con lunghe lievitazioni alla componente acida del lievito si unisce quella della maturazione spinta . Per ovviare e usare tempi lunghi occorre metterne pochissimo.
A dire il vero io so il contrario e che cioè col LN è meglio fare la seconda lievitazione più breve, almeno mia nonna faceva così.Comunque se è troppo acido forse potresti farci un lavaggio o bagnetto, almeno per il crisceto così si fa, non so se anche per il lievito madre.
Scusami, ma che cos'è la dieta soccalifera? Sembra quasi una tortura :lol:
Ciao bella :D
bollicina
 

Messaggioda cilantro » 31 ago 2007, 22:48

Cos'e' la dieta socccalifera :shock: ?
Una tortura :shock: :shock: ??????
Noooooooo molto ma molto di piuuuuuuu :twisted: :evil:
D:Do eccomi in attesa di incominciare.
Cilantro
cilantro
 
Messaggi: 193
Iscritto il: 8 apr 2007, 16:12
Località: Napoli

Messaggioda maria rita » 1 set 2007, 13:48

Il mio Lm eraa cido quando non era ancora ben maturo, adesso non ha retrogusto, lo uso anche per la treccia, il panettone e la colomba. Prova a fargli un bagnetto con acqua e zucchero rinfrescandolo ogni giorno per un certo periodo: dovrebbe perderlo. Parti con piccole quantità perchè così riduci lo scarto
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Messaggioda cilantro » 1 set 2007, 15:28

Grazie Maria Rita provero' col bagnetto, ma come hai detto tu con piccole quantita' perche' di recente mi sono ritrovata con quantita' industriali di lm :shock: che poi ho dovuto buttare :cry: .
Cilantro
cilantro
 
Messaggi: 193
Iscritto il: 8 apr 2007, 16:12
Località: Napoli


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee