/ Menù a base di polenta

Ricette

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

/ Menù a base di polenta

Messaggioda Mapi » 29 gen 2007, 10:03

Menu a base di polenta

Antipasto: crostoni di polenta al lardo
Portata principale: polenta con brasato e bruscitt
Dolce: polenta in terrina al cioccolato.


Crostoni di polenta al lardo Fare un piccola polenta (a seconda delle persone che ci sono a cena) a fine cottura unisco del burro, un po' di parmigiano, aghi di rosmarino e foglie di salvia tritate finemente. Quando il tutto è tiepido faccio dei crostoni che appoggio su una placca coperta da carta forno e sopra ogni crostone metto delle fettine sottilissime di lardo. Faccio gratinare leggermente e servo come antipasto. millaetopo http://www.prezzemoloefinocchio.it

polenta con brasato e bruscitt
Ho preparato una polenta molto abbondante con della farina di mais bramata e l'ho accompagnata con il brasato di Rosetta e i Bruscitt:

BRASATO col BAROLO almeno per 6 persone
1, 200 kg di carne per brasato (arrosto della vena oppure cappello del prete), Olio extra vergine d'oliva, Brodo di carne, Sale e pepe.
Per la marinata: 1 bottiglia di vino Barolo, 2 cipolle, 2 carote, 1 costa di sedano, chiodi di garofano, un pezzo di cannella, foglie di alloro, un rametto di rosmarino, timo , 4 spicchi d'aglio
In una terrina grandina, mettere la carne e sopra sistemare le cipolle, le carote ed il sedano tagliati a pezzetti.
L'alloro, il timo, l'aglio, rosmarino e le spezie (vanno sempre aggiunti a discrezione e a gusto).
Coprire con il Barolo.
Per una notte lasciare riposare la carne nella marinata, poi toglierla, asciugarla e brasarla in un tegame con l'olio e il burro a fuoco piuttosto vivave, finchè si è formata la crosticina.
Unire il vino della marinata con tutte le verdure, gli odori e le spezie e abbassare il fuoco. Salare e pepare. Il vino deve restringersi piano piano
controllando di tanto in tanto la carne, rivoltandola e bagnandola col liquido di cottura.
Quando il vino si è ristretto, se necessario, unire il brodo di carne poco per volta e sino a fine cottura della carne.
Se volete fette precisine, lasciate raffreddare la carne, altrimenti tagliatela ancora calda e cospargetela con il loro sughetto e il tutto deve essere servito caldo. Rosetta Bragheri Milano

Bruscitt kg 1, 5 carne di manzo di tagli diversi, ben pulita da grasso, nervetti e pelletiche, 100 g pancetta salata non affumicata (io ho usato del lardo :D ), 100 g burro, vino Barbera, semi di finocchio, sale, pepe.

Sul tagliere e servendosi di un coltello affilato, tagliare la carne a pezzettini minutissimi, non più grandi di un chicco di mais (non si deve assolutamente usare il tritacarne, nè tanto meno la carne trita del macellaio). Mettere sul fondo di una pentola di grosso spessore (l'ideale è una pentola di ghisa smaltata o di terracotta) 75 grammi di burro a pezzetti, la carne, la pancetta tritata, sale e pepe a piacere. La pancetta può essere sostituita da un battuto di lardo con poco aglio. Avvolgere in un ritaglio di tela bianca un cucchiaino di semi di finocchio ('l'erba bonà degli antichi ricettari lombardi), legare con uno spago e mettere anche questo nella pentola. Coprire con il coperchio, mettervi sopra un peso e porre sul fuoco a fiamma bassissima, tenendovela per almeno tre ore. Ogni tanto mescolare con un cucchiaio di legno e, se asciugasse troppo, aggiungere altro burro (non brodo nè acqua, per carità!); se invece sembrasse troppo liquida, scoperchiare il recipiente e far asciugare. Trascorso il tempo, togliere l'involto con i semi di finocchio, versare nella pentola un bicchiere di Barbera e farlo evaporare scoperto e a fiamma vivace per due o tre minuti, poi coprire, abbassare la fiamma e continuare la cottura per circa 20 minuti: non si deve avvertire più l'aroma aspro del vino. I Bruscitt si servono con la polenta o con fette di pane mescià, prodotto cioè con farina bianca e gialla, e si accompagnano, naturalmente, ad una bottiglia di Barbera. Come si vede la carne è di manzo, tagliata al coltello, e guai a metterci pomodoro o brodo o altro. (Sergio Salomoni, Cernusco sul Naviglio)

Polenta in terrina al cioccolato
(4 persone) latte g 300 - panna fresca g 200 - farina gialla g 150 - cioccolato fondente g 150 - una scatola di pere sciroppate - zucchero - vanillina - sale - Maraschino - salsa vaniglia. Conto calorie: kcal 560 (KJ 2343) a porzione

Preparate la polenta con il latte, g 300 di acqua, la farina, un pizzico di sale, 2 cucchiai di zucchero, una bustina di vanillina; dopo 50' di cottura, versate la polenta in uno stampo alto, fatela raffreddare quindi tagliatela a fette sottili che sistemerete a strati in uno stampo rettangolare rivestito di pellicola. Alternate gli strati di polenta con fette di pere sciroppate e salsa di cioccolato (il fondente sciolto con la panna fresca e un goccio di Maraschino). Coprite lo stampo, tenetelo in frigorifero per 6 ore, quindi sformate la terrina; servitela a fette con un velo di salsa vaniglia pronta. (C.I.)
Siccome eravamo 7, ho raddoppiato le dosi.
La gente non vuole trovare solo la pappa pronta, vuole anche essere imboccata.

Maria Pia Bruscia
http://www.laapplepiedimarypie.blogspot.com
Avatar utente
Mapi
 
Messaggi: 149
Iscritto il: 4 dic 2006, 10:21

Rebecchini di Gerusalemme

Messaggioda Typone » 31 gen 2007, 8:13

Molto semplice, questo antipasto della tradizione ebraica:

Polenta gialla
Filetti di acciuga
Olio evo
sale

Fare polenta in acqua poco salata e stenderla su 1 cm di spessore.
Lasciarla raffreddare.
Sciogliere i filetti di acciuga in un pentolino con un goccio di olio evo.
Ritagliare nella polenta dei dischetti della misura di un bicchierino da liquore.
Spalmare un pò di acciuga sciolta su un dischetto e coprirlo con un altro dischetto.
Continuare fino ad esaurimento degli ingredienti.
Friggere delicatamente i rebecchini in olio caldo.
Servire immediatamente.

T.
Typone
 


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee