Macarons detti "parisiens"

Ricette di pasticceria

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, anavlis

Re: Macarons detti "parisiens"

Messaggioda miky » 12 apr 2015, 20:39

Congelati solo i gusci,grazie dei consigli Manoela.
Patrizia
Avatar utente
miky
 
Messaggi: 2114
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Macarons detti "parisiens"

Messaggioda anavlis » 13 apr 2015, 11:13

miky ha scritto:Silvana lho rimacinata insieme allo zucchero a velo.


Interessante! mi spieghi meglio questo passaggio? il rischio è quello che la farina butti l'olio :|? l'hai tenuta in freezer? Da noi la farina di mandorle è troppo grossolana per fare i macarons, i francesi usano una farina di mandorle molto più polverizzata.

Hai trovato un'ottima soluzione per renderla più fine :clap: :clap: :clap:
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 8968
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Macarons detti "parisiens"

Messaggioda manoela » 13 apr 2015, 13:35

La farina di mandorle deve essere messa in forno 10 minuti ad asciugare. Quando è fredda mischi zucchero e farina e triti ad impulsi. Se hai il bimby ci vuole un attimo.
Poi devi setacciare ed è pronto il TPT (nome della miscela di zucchero e farina di frutta secca)
:wink:
manoela
 
Messaggi: 54
Iscritto il: 4 apr 2009, 22:34

Re: Macarons detti "parisiens"

Messaggioda anavlis » 13 apr 2015, 14:05

manoela ha scritto:La farina di mandorle deve essere messa in forno 10 minuti ad asciugare.


Per asciugare la temperatura è 50° vero? thank you
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 8968
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Macarons detti "parisiens"

Messaggioda manoela » 13 apr 2015, 20:42

fino ai 70/80° va bene
Considera che l'umidità è la nemica maggiore dei macarons quindi l'asciugatura farina è indispensabile, soprattutto se si usa la tecnica della meringa francese. Con la meringa italiana i risultati sono più garantiti
manoela
 
Messaggi: 54
Iscritto il: 4 apr 2009, 22:34

Re: Macarons detti "parisiens"

Messaggioda miky » 13 apr 2015, 20:49

anavlis ha scritto:
miky ha scritto:Silvana lho rimacinata insieme allo zucchero a velo.


Interessante! mi spieghi meglio questo passaggio? il rischio è quello che la farina butti l'olio :|? l'hai tenuta in freezer? Da noi la farina di mandorle è troppo grossolana per fare i macarons, i francesi usano una farina di mandorle molto più polverizzata.

Hai trovato un'ottima soluzione per renderla più fine :clap: :clap: :clap:


nessun passaggio in forno.
avevo una farina di mandorle anche abbastanza "sporca", nel senso che c'erano piccoli rimasugli di pellicine.
Ho setacciato prima la farina, e poi l'ho frullata nel tritatutto del ken insieme allo zucchero a velo,che era stato ricavato poco prima
dallo zucchero semolato, perchè non avevo neanche un pochino di zucchero a velo :lol:
quindi semplicemente zucchero semolato ridotto a velo e farina ridotta a velo insieme allo zucchero :lol: :lol: tutto sempre risetacciato per amalgamarli.
Ho avuto un bel pò da fare :lol:
Patrizia
Avatar utente
miky
 
Messaggi: 2114
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Macarons detti "parisiens"

Messaggioda anavlis » 14 apr 2015, 7:49

grazie per le informazioni *smk* la polverizzazione della farina di mandorle è fondamentale per la buona riuscita di questo dolcetto : Thumbup :
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 8968
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Precedente

Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee