° LAVASH - pane dell'Armenia °

Altrove e dintorni, ricette dall'estero

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: LAVASH - pane dell'Armenia

Messaggioda Alga » 7 lug 2008, 21:39

Grazie Licia, proverò a rifarle cambiando il tipo di farina.
Ti farò sapere.
Ciao
Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di fare, incominciala. L'audacia ha in se' genio, potere e magia.Incomincia adesso.
(Johann Wolfgang Goethe)
Avatar utente
Alga
 
Messaggi: 110
Iscritto il: 15 apr 2008, 13:40
Località: Milano Ovest

Re: LAVASH - pane dell'Armenia

Messaggioda jane » 8 lug 2008, 16:31

stroliga ha scritto:fatte :P
forse dovevo tenere il fuoco più basso e forse non usare l'olio per ungere la ciotola per la lievitazione che forse è responsabile delle bruciacchiature...... da perfezionare .....
500 gr di manitoba
600 gr acqua
5 gr lievito di birra
5 gr di sale
un cucchiaino zucchero di canna



voglio provare ma la quantità di acqua mi sembra curiosa, 600 g :|?
e manitoba è la farina :|? :oops: :oops:
grazie *smk*
Immagine
Avatar utente
jane
 
Messaggi: 1119
Iscritto il: 16 ott 2007, 21:45
Località: France, Isère, vicino a Vienne

Re: LAVASH - pane dell'Armenia

Messaggioda stroliga » 8 lug 2008, 17:02

jane ha scritto:
voglio provare ma la quantità di acqua mi sembra curiosa, 600 g :|?
e manitoba è la farina :|? :oops: :oops:
grazie *smk*


:shock:
500 gr di manitoba (io ho usato o caputo rossa o farina 0 per pizza) e 600 gr di acqua :shock: :shock: :shock:
ma chi ha scritto sta cavolata? :>:< :>:< :>:<

Alga :scuse^ :scuse^ :scuse^
sono 290 gr di acqua per 500 gr di manitoba :scuse^ :scuse^ :scuse^
se qualche anima pia può correggere, grazie .
****************************
Licia
“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto, ma da quelle che non avete fatto.
Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele.
Esplorate. Sognate. Scoprite.” (Mark Twain)

“Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non sarà sprecato: è quello il posto in cui devono stare.E adesso metteteci sotto le fondamenta.” David Thoreau
Avatar utente
stroliga
 
Messaggi: 1274
Iscritto il: 14 lug 2007, 8:27
Località: Bugliaga dentro - VCO

Re: LAVASH - pane dell'Armenia

Messaggioda Rossella » 8 lug 2008, 17:15

se qualche anima pia può correggere, grazie .

fatto!
ho modificato cosi come Elena ha scritto nelle dosi riportate da lei: 500 farina forte, ma va bene una caputo rossa, o a una farina 0 per pizze, e 290 gr. di acqua.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12649
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: LAVASH - pane dell'Armenia

Messaggioda jane » 8 lug 2008, 20:32

Grazie Licia e Rossella. :D Vi faro vedere :saluto: *smk*
Immagine
Avatar utente
jane
 
Messaggi: 1119
Iscritto il: 16 ott 2007, 21:45
Località: France, Isère, vicino a Vienne

Re:

Messaggioda mfachin » 19 ago 2008, 7:01

Sorry, ma cosa si intende per "una tazza di farina" in termini di peso?
Grazie......

Eledigi ha scritto:Ed ecco la ricetta, semplice semplice, presa dal libro "Flatbreads and Flavors. A Baker's Atlas" (metto nel thread bibliografia estera).

LAVASH

Ingredienti:
1 tazza abbondante di acqua, 8 gr di lievito di birra, 1 cucchiaino di miele scuro o di zucchero di canna, 3-4 tazze di farina forte, un cucchiaino colmo di sale.

Sciogliere il lievito e il miele (o zucchero) in una ciotola. Iniziare ad aggiungere la farina impastando, fino poi a completo assorbimento. Verso la fine delle aggiunte di farina mettere anche il sale.
Impastare a lungo, anche a mano, per circa 10 minuti.
L'impasto deve essere liscio, lucido e abbastanza morbido.
Porre in una ciotola unta di olio a lievitare, coperto, per circa 2 ore.

Riprendere e dividere in circa 8 pezzi.
Tenerne fuori due e lasciare gli altri nella ciotola, coperti. Stendere con il matterello i due pezzi, alternandoli. Cosi facendo, dice il libro da cui ho preso l'idea che la maglia glutinica ha modo di stabilizzarsi per poi di nuovo essere sottoposta a œsforzo è
mfachin
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 18 ago 2008, 14:28

Re: Re:

Messaggioda Rossella » 19 ago 2008, 7:13

mfachin ha scritto:Sorry, ma cosa si intende per "una tazza di farina" in termini di peso?
Grazie......



ciao...
stroliga ha pesato e riportato:

stroliga ha scritto:fatte :P
forse dovevo tenere il fuoco più basso e forse non usare l'olio per ungere la ciotola per la lievitazione che forse è responsabile delle bruciacchiature...... da perfezionare .....
500 gr di farina forte
290 gr acqua
5 gr lievito di birra
5 gr di sale
un cucchiaino zucchero di canna
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12649
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Precedente

Torna a Specialità dal mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee