Ignoranza culinaria e santità di nicodvb

Dubbi, consigli, attrezzi & c

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Ignoranza culinaria e santità di nicodvb

Messaggioda giornalista.cuoco » 25 ott 2009, 23:31

Facendo una ricerca su Google riguardante altro, mi sono imbattuto in una discussione su Cookaround in cui una utente, che tanto si dà le arie da esperta ma evidentemente non conosce un'acca, ha provato a fare il panettone adoperando farina per dolci (cioè per torte! :roll: ) e il forno a microonde ( :shock: ) per accelerare la lievitazione. E ho visto come le rispondeva il nostro condiviso bravissimo nicodvb, che ha veramente una pazienza da vendere, anche se questa tizia una volta tanto gliela stava facendo perdere.
A volte mi chiedo come si faccia a essere così ignoranti. Perché qui non si tratta di non saper cucinare e di non sapere cos'è la forza delle farine ‒ cose legittime e per niente deprecabili ‒, ma di essere sprovvisti delle più elementari nozioni di chimica, biologia e fisica, in base a cui bisognerebbe conoscere la distinzione tra cottura convenzionale (che si basa sul banale trasferimento di calore dovuto all'immissione dell'alimento in una camera dotata di una o più fonti di calore, prodotto da resistenze elettriche ovvero da fiamme alimentate da gas o materiale combustibile) e cottura a microonde. E, soprattutto, di chiudere la porta all'apprendimento, perché nonostante la continua esposizione a un medium in grado di fornire numerose nozioni in materia si commettono errori così grossolani e lo si dice pure candidamente, con tanto di spocchia e presunzione. Se poi a certe persone si fa notare, con garbo, che quello che hanno fatto non sta né in cielo né in terra... si offendono pure : Fuck You : Questa è l'ignoranza che non riesco a tollerare, che non è semplice mancanza di conoscenza, cosa di cui siamo inevitabilmente tutti vittime, ma totale impenetrabilità ad essa, cioè rifiuto assoluto di acquisire nozioni, riconoscere i propri limiti e confrontarsi con gli altri in maniera costruttiva e non solo per scambiarsi complimenti.
D'altronde, la differenza tra Internet e i cosiddetti vecchi media è che a questi ultimi siamo esposti passivamente (anche se, come ampiamente dimostrato dalla sociologia, la comunicazione può essere solo apparentemente unilaterale, perché in realtà si basa su processi rituali), mentre le applicazioni di Internet richiedono una partecipazione attiva dei fruitori. Che vale a dire anche un altro tipo di intelligenza...

Perdonatemi per lo sfogo.
Francesco
giornalista.cuoco
 
Messaggi: 394
Iscritto il: 17 ago 2009, 0:56

Re: Ignoranza culinaria e santità di nicodvb

Messaggioda nicodvb » 28 ott 2009, 13:27

Mio carissimo,
mi sorprendo sempre anche io sia della pazienza che ho dimostrato in moltissime occasioni su cook (e che nella vita quotidiana non applico assolutamente nella stessa misura, al punto che a rileggendo i miei interventi finisco per non riconoscere me stesso) sia del rifiuto totale di apprendimento che certa gente mostra.
Purtroppo il rincoglionimento generare di cui abbiamo parlato in molte occasioni spinge alcune persone a pretendere con arroganza delle semplificazioni estreme che non è possibile fare. Tristissimo constatare che non c'è rimedio per queste persone, ormai spacciate.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Ignoranza culinaria e santità di nicodvb

Messaggioda Luciana_D » 28 ott 2009, 13:58

nicodvb ha scritto:Mio carissimo,
mi sorprendo sempre anche io sia della pazienza che ho dimostrato in moltissime occasioni su cook (e che nella vita quotidiana non applico assolutamente nella stessa misura, al punto che a rileggendo i miei interventi finisco per non riconoscere me stesso) sia del rifiuto totale di apprendimento che certa gente mostra.
Purtroppo il rincoglionimento generare di cui abbiamo parlato in molte occasioni spinge alcune persone a pretendere con arroganza delle semplificazioni estreme che non è possibile fare. Tristissimo constatare che non c'è rimedio per queste persone, ormai spacciate.

Il popolo delle scorciatoie esistera' sempre.Arrenditi! :(
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Ignoranza culinaria e santità di nicodvb

Messaggioda kiki100 » 26 nov 2009, 21:43

giornalista.cuoco ha scritto:Facendo una ricerca su Google riguardante altro, mi sono imbattuto in una discussione su Cookaround in cui una utente, che tanto si dà le arie da esperta ma evidentemente non conosce un'acca, ha provato a fare il panettone adoperando farina per dolci (cioè per torte! :roll: ) e il forno a microonde ( :shock: ) per accelerare la lievitazione. E ho visto come le rispondeva il nostro condiviso bravissimo nicodvb, che ha veramente una pazienza da vendere, anche se questa tizia una volta tanto gliela stava facendo perdere.
A volte mi chiedo come si faccia a essere così ignoranti. Perché qui non si tratta di non saper cucinare e di non sapere cos'è la forza delle farine ‒ cose legittime e per niente deprecabili ‒, ma di essere sprovvisti delle più elementari nozioni di chimica, biologia e fisica, in base a cui bisognerebbe conoscere la distinzione tra cottura convenzionale (che si basa sul banale trasferimento di calore dovuto all'immissione dell'alimento in una camera dotata di una o più fonti di calore, prodotto da resistenze elettriche ovvero da fiamme alimentate da gas o materiale combustibile) e cottura a microonde. E, soprattutto, di chiudere la porta all'apprendimento, perché nonostante la continua esposizione a un medium in grado di fornire numerose nozioni in materia si commettono errori così grossolani e lo si dice pure candidamente, con tanto di spocchia e presunzione. Se poi a certe persone si fa notare, con garbo, che quello che hanno fatto non sta né in cielo né in terra... si offendono pure : Fuck You : Questa è l'ignoranza che non riesco a tollerare, che non è semplice mancanza di conoscenza, cosa di cui siamo inevitabilmente tutti vittime, ma totale impenetrabilità ad essa, cioè rifiuto assoluto di acquisire nozioni, riconoscere i propri limiti e confrontarsi con gli altri in maniera costruttiva e non solo per scambiarsi complimenti.
D'altronde, la differenza tra Internet e i cosiddetti vecchi media è che a questi ultimi siamo esposti passivamente (anche se, come ampiamente dimostrato dalla sociologia, la comunicazione può essere solo apparentemente unilaterale, perché in realtà si basa su processi rituali), mentre le applicazioni di Internet richiedono una partecipazione attiva dei fruitori. Che vale a dire anche un altro tipo di intelligenza...

Perdonatemi per lo sfogo.

hihihi, conosco la vicenda... :?
kiki100
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 16 dic 2008, 15:10

Re: Ignoranza culinaria e santità di nicodvb

Messaggioda nicodvb » 27 nov 2009, 0:06

Ciao Diana!
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Ignoranza culinaria e santità di nicodvb

Messaggioda Riccardo Frola » 14 dic 2009, 18:08

nicodvb ha scritto:Mio carissimo,
mi sorprendo sempre anche io sia della pazienza che ho dimostrato in moltissime occasioni su cook (e che nella vita quotidiana non applico assolutamente nella stessa misura, al punto che a rileggendo i miei interventi finisco per non riconoscere me stesso) sia del rifiuto totale di apprendimento che certa gente mostra.
Purtroppo il rincoglionimento generare di cui abbiamo parlato in molte occasioni spinge alcune persone a pretendere con arroganza delle semplificazioni estreme che non è possibile fare. Tristissimo constatare che non c'è rimedio per queste persone, ormai spacciate.




Quoto tutto a pieni Voti : Thumbup : : Thumbup : : Thumbup : : Thumbup : : Thumbup : : Thumbup :
....alcuni Chef trasformano un gusto in un piatto.....
......altri Chef trasformano un piatto in un gusto.......
(R.Frola)
Avatar utente
Riccardo Frola
 
Messaggi: 361
Iscritto il: 29 mag 2008, 16:44
Località: Genova Ovest Sampierdarena


Torna a Carabattole e pignate

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee