gratin di patate de Il mirto e la rosa

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

gratin di patate de Il mirto e la rosa

Messaggioda cinzia cipri' » 10 mar 2015, 20:59

d7344bae01d1d1909dd8a0aca76a14d7.jpg
Quando anni addietro lavoravo al Mirto e la Rosa (a Palermo), osservavo con devozione mistica le creazioni di Nino e Mario, i due chef di questo ristorante ex vegetariano.
Il couscous alle verdure di Mario era, secondo me, ineguagliabile, cosi’ come i funghi ripieni e altre sue specialita’.
Ma Nino aveva una ricetta tanto banale, quanto speciale…il gratin di patate.
Il cantante Franco Battiato veniva appositamente in quel ristorante per poterlo gustare ed io ne capisco benissimo il motivo…
Quando voglio un antipasto o un secondo d’effetto e semplice da realizzare, penso subito a questo gratine e ieri era l’occasione giusta per riprovarlo.
A voi la ricetta non ricetta.
Non vi do’ dosi precise perche’, in teoria, sarebbe bello fare molti strati di patate, ma io non supero mai i tre, altrimenti diventa pesante (secondo me)

Quindi, diciamo che per sei persone ci vorrebbero 1 kg di patate e mezzo kg di cipolle, sale, pepe e un buon pugno di parmigiano reggiano per ogni strato.
Tagliate a fettine sottili le patate e adagiatele su una teglia da forno unta d’olio e burro.
Fate il primo strato, sovrapponendo leggermente le patate.
Salate, pepate e poi mettete le cipolle, meglio se frullate (ma la versione originale le vorrebbe tagliate con la mandolina proprio come le patate: io non amo masticare la cipolla, quindi la trito) e un pugno di parmigiano.
Fare un altro strato di patate come il primo e ripetere fino a terminare patate e cipolle.
Infornare a 200° per circa 30 minuti o fino a doratura del lato superiore.
Se decidete di superare i tre strati, consiglio di sobbollire leggermente le patate per evitare che rimangano crude all’interno.
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: gratin di patate de Il mirto e la rosa

Messaggioda Donna » 11 mar 2015, 20:51

Questa goduria non ha ancora avuto alcun commento? Lo faccio io e....lo cucino!
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3323
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: gratin di patate de Il mirto e la rosa

Messaggioda rosanna » 11 mar 2015, 20:58

Cinzia niente grassi ?
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4413
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: gratin di patate de Il mirto e la rosa

Messaggioda cinzia cipri' » 12 mar 2015, 8:31

c'è il burro!
E' un piatto in carta al Mirto e la rosa da più di vent'anni!
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: gratin di patate de Il mirto e la rosa

Messaggioda Patriziaf » 13 mar 2015, 8:41

Piace anche a me, ai miei le cipolle |^.^|
lo faccio metà e metà :lol:
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2635
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: gratin di patate de Il mirto e la rosa

Messaggioda Dida » 13 mar 2015, 17:25

Che bella ricetta, la metto in elenco tra quelle da provare.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2200
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee