Graffe e bomboloni - autori vari

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda Rossella » 25 ago 2008, 22:46

però. 8)) .rileggendo gli ingredienti , (la cucina molecolare mi ha distratta un pò ;-)) ) diminuirei un pò il lieivito di birra allungando i tempi di lievitazione(scusami ma è una cosa che tendo a fare spesso con i lievitati)cosa ne pensi?
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda ronniebbq » 26 ago 2008, 9:11

Rossella ha scritto:però. 8)) .rileggendo gli ingredienti , (la cucina molecolare mi ha distratta un pò ;-)) ) diminuirei un pò il lieivito di birra allungando i tempi di lievitazione(scusami ma è una cosa che tendo a fare spesso con i lievitati)cosa ne pensi?


.... sicuramente aumentando i tempi di lievitazione si dovrebbero ottenere testure differenti ....
se la paura è quella di percepirne il sapore ...state tranquilli ...
comunque proverò ....
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 245
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda Donna » 26 ago 2008, 10:02

Il ragazzo che vende questi prodotti poteva fornirmi conf di glugosio minimo di 1 Kg e io non sapevo che farne...ma se mi confermate che si puo' friggere... .ehmmm dubbio.... con questo metodo...

1) come posso tenere sottocontrollo la Temp del glugosio in cottura, devo giustamente utilizzare una friggitrice a temp controllata.....
2) quanto zucchero mi "assorbe" il bombolone che anche se non avra' olio, conterra' le calorie dovute alla presenza dello zucchero :|? :|?
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3322
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda alexs » 26 ago 2008, 10:22

guarda donna che il glucosio è molto pesante, io ne ho a casa una bottiglietta quelle dell'acqua e pesa guasi 8 hg e comunque è uno di quei prodotti che hanno la scadenza per legge ma è come il miele dura anni, per mantenere una temperatura costante ti devi per forza servire del termometro perchè una volta che hai fatto bollire il glucosio cristallizza quindi quando hai terminato la frittura la parte restante la devi buttare (credo) e poi per riempire la friggitrice sai quanti kg ce ne vogliono e poi non credo che anche la friggitrice stessa sia più utilizzabile dopo che ci hai messo il glucosio, ci sono dei termometri appositi per la cottura dello zucchero
sorridi al mondo e vedrai che anche lui ti sorriderà!

il mio nuovo blog dove si nutre il cuore e la panza....
Avatar utente
alexs
 
Messaggi: 295
Iscritto il: 17 ago 2008, 19:08
Località: Ancona

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda Mariella Ciurleo » 26 ago 2008, 10:26

Io sono quella delle domande :roll:
Il glucosio anìdro sarebbe quello in polvere?
Quanto ne occorre per friggere?
Poi, una volta fritto, c'è la possibilità di riutilizzarlo?

Grazie e un bacio *smk*
Mariella
Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono (G. Gaber)
Avatar utente
Mariella Ciurleo
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 4 dic 2006, 8:28
Località: Roma (Q.re Talenti)

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda ronniebbq » 26 ago 2008, 10:44

Donna ha scritto:Il ragazzo che vende questi prodotti poteva fornirmi conf di glugosio minimo di 1 Kg e io non sapevo che farne...ma se mi confermate che si puo' friggere... .ehmmm dubbio.... con questo metodo...

1) come posso tenere sottocontrollo la Temp del glugosio in cottura, devo giustamente utilizzare una friggitrice a temp controllata.....
2) quanto zucchero mi "assorbe" il bombolone che anche se non avra' olio, conterra' le calorie dovute alla presenza dello zucchero :|? :|?



Che dubbio hai ? "FRIGGERE" osserva le foto ...e poi non finisce qui vi posterò le altre ricette con questo tipo di cottura .....
Per la temp o utilizzi un termometro a sonda che arrivi almeno a 220 °C altrimenti ti regoli a okkio ... non deve imbrunire ...altrimenti sei troppo alta di temperatura .
Come ho già detto prima - forse ti è sfuggito- :-) lo zucchero non penetra...

Mariella Ciurleo ha scritto:Io sono quella delle domande
Il glucosio anìdro sarebbe quello in polvere?
Quanto ne occorre per friggere?
Poi, una volta fritto, c'è la possibilità di riutilizzarlo?


Si quello in polvere reperibile - mi dicono- nei supermercati ma lo trovi con + facilità nei vitamin store ( i negozi per i palestrati )
Io ne ho usato circa 250g chiaramente se lo mette in una padella di diametro 28 /30 non va bene ci vuole un pentolino antiaderente di piccolo /medio diametro
io tendo sempre a non riutilizzare mai nulla ...è vero che in cucina non si butta via nulla....
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 245
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda Donna » 26 ago 2008, 10:46

Perche' dici che lo zucchero non penetra?
e' una sensazione..dovuta all'apparenza visto che hai provato a farli....oppure c'e' una ragione "scientifica"?

Scusa non e' per metterti in difficolta', e' solo curiosita'......
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3322
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda ronniebbq » 26 ago 2008, 12:04

Donna ha scritto:Perche' dici che lo zucchero non penetra?
e' una sensazione..dovuta all'apparenza visto che hai provato a farli....oppure c'e' una ragione "scientifica"?

Scusa non e' per metterti in difficolta', e' solo curiosita'......


.....sai che sei curiosa .......hahahahhhaah :lol: :lol: :lol: :lol:

certamente esiste una spiegazione scentifica ...
te la faccio breve ....altrimenti dovremmo parlare della composizione chimica bruta del glucosio e fruttosio ( che si diversificano solamente dalla diversa posizione degli atomi all'interno delle molecole) C6-H12-O6 carboidrati composti da 6 atomi di carbonio 12 di idrogeno e 6 di ossigeno .....
Ci sono delle reazioni che avvengono solo al di sopra dei 140°C - reazione di MAILLARD, le proteine e i carboidrati si spezzano in parti un po' più semplici e che poi si vanno a ricomporre in una grandissima varietà di molecole diverse..molte di esse sono aromi nuovi e piacevolissimi. L'esempio sono le patatine fritte ... un'altro esempio acqua, farina e lievito ...quella massa molliccia che messa in forno sprigiona piacevolissimi profumi...
quindi si innescano a 140°C ma sono efficienti a circa 160°C ....tornando al glucosio direi che è perfetto per questi tipi di reazioni comincia a fondere a 160-190°C
Concludendo il glucosio avvolge l'alimento che stiamo cuocendo formando una patina che contrasterà l'uscita di acqua e aromi, e lo zucchero stesso incontrerà grandi difficoltà nel penetrare all'interno dell'alimento tendendo a depositarsi su uno strato sottilissimo sopra la sua superfice ....

Allora ...chiaramente tutte queste considerazioni non le ho certo scoperte io .... anzi se ci fosse un chimico magari ci spiegherebbe meglio ....
le ho e le sto semplicemente studiando mettendole in pratica , , , , ,
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 245
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda anavlis » 26 ago 2008, 14:54

Mi interessa molto questo argomento della frittura nello "zucchero" e mi piacerebbe ricollegarlo anche a quanto detto, in passato, sulla frittura. Scoprire, confrontare, è certamente un arricchimento :wink:

http://www.panperfocaccia.eu/forum/viewtopic.php?f=5&t=5267&start=0&st=0&sk=t&sd=a
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10426
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda ronniebbq » 26 ago 2008, 15:11

Ho azzardato tra le virgolette il metodo FRITTURA.... perchè la ricetta originale prevede la frittura in olio
ma in realtà si tratta di un tipo di cottura ... la cottura negli zuccheri
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 245
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda Donna » 26 ago 2008, 15:48

ronniebbq ha scritto:quindi si innescano a 140°C ma sono efficienti a circa 160°C ....tornando al glucosio direi che è perfetto per questi tipi di reazioni comincia a fondere a 160-190°C
Concludendo il glucosio avvolge l'alimento che stiamo cuocendo formando una patina che contrasterà l'uscita di acqua e aromi, e lo zucchero stesso incontrerà grandi difficoltà nel penetrare all'interno dell'alimento tendendo a depositarsi su uno strato sottilissimo sopra la sua superfice ...., , , , ,



La reazione e' chiara, me la devo andare a studiare....quello che non mi e' chiaro e' come la cucina molecolare spieghi il fatto che una sostanza liquida non venga assorbita dal bombolone ma piuttosto formi una patina attorno ad essa.....
ronniebbq ha scritto:
Allora ...chiaramente tutte queste considerazioni non le ho certo scoperte io .... anzi se ci fosse un chimico magari ci spiegherebbe meglio ....
le ho e le sto semplicemente studiando mettendole in pratica , , , , ,

cerchero' chiarimenti tra i miei amici chimici.....mi incuriosiscono ste' cose....
Ultima modifica di Donna il 26 ago 2008, 17:07, modificato 1 volta in totale.
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3322
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda ronniebbq » 26 ago 2008, 16:08

Ok
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 245
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda anavlis » 26 ago 2008, 18:12

La reazione e' chiara, me la devo andare a studiare....quello che non mi e' chiaro e' come la cucina molecolare spieghi il fatto che una sostanza liquida non venga assorbita dal bombolone ma piuttosto formi una patina attorno ad essa.....


Ho ripescato quanto era stato scritto da Ettore sulle fritture perchè in fondo, mi pare di capire, che accade la stessa cosa "la patina che non consente alla sostanza in cui si frigge di penetrare" sia che si tratti di olio, strutto, zucchero.

Ronni ci devi scusare se continuamo a scervellarci e a chiederti cose...ma solo così si assimilano concetti nuovi, almeno lo sono per me :)
Proverò, sperimentare è fondamentale :saluto:
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10426
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda elisabetta » 27 ago 2008, 10:15

Molto interessante questo topic, mi metto alla ricerca del glucosio in polvere.Adoro i bomboloni e l'idea di friggerli senza sentire l'unto dell'olio mi piace non poco.
Altra domandina:ma col glucosio si possono friggere anche verdure, carni ecc?
Avatar utente
elisabetta
 
Messaggi: 1155
Iscritto il: 26 nov 2006, 17:02
Località: vico equense

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda ronniebbq » 27 ago 2008, 12:28

Certamente ....ma ...
pensa sempre alla reazione che si ottiene .....quella di MAILLARD
se hai un po' di pazienza te le posto....
esiste anche un ristorante che fa munù molecolare ....i costi sono un po' altini .... 95/100 € senza il vino ...
La cucina è chimica.... quando capisci cosa avviene nella pentola ....cominci a vedere le cose diversamente ....
...la cottura della pasta non è altro che una gelificazione .....
R. P . Ronnie
L'esperienza è la somma di tutti i nostri errori passati :
e gli errori non identificati restano delle verità alternative ..... Oscar Wilde

www.grillemall.it
www.barbecueadomicilio.it
Avatar utente
ronniebbq
 
Messaggi: 245
Iscritto il: 25 ago 2008, 21:39
Località: MILANO - Monza -

Re: BOMBOLONI "fritti" nello zucchero

Messaggioda ZeroVisibility » 27 ago 2008, 12:42

ronniebbq ha scritto:esiste anche un ristorante che fa munù molecolare


Per gli eventuali interessati delle nostre parti....
"Anteprima" di Chiuduno (BG)


ma, anche nel Varesotto c'e uno chef particolarmente vocato per l'utilizzo di tecniche di questo tipo..
Trattasi di Matteo Pisciotta dell'Osteria del Sass a Besozzo (VA)
Ettore
"guida poco...che devi bere"
Avatar utente
ZeroVisibility
 
Messaggi: 1061
Iscritto il: 15 lug 2007, 20:02
Località: milano nord/ovest

Re: °Le Graffe di Adriano Contisio

Messaggioda mariafatima » 8 gen 2009, 21:19

Si possono riempire con crema pasticciera come i bomboloni?
mariafatima
 
Messaggi: 339
Iscritto il: 14 apr 2007, 15:26
Località: San Pietro in Lama (Lecce)

Re: ° Le Graffe di Adriano Contisio

Messaggioda cinzia cipri' » 8 gen 2009, 23:39

scusate ma non si chiamano krapfen? :|?
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: ° Le Graffe di Adriano Contisio

Messaggioda marple » 8 gen 2009, 23:40

Sono davvero belle. Potrei farle tonde, senza buco ed ottenere dei krapfen?
marple
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 31 dic 2008, 0:01

Re: ° Le Graffe di Adriano Contisio

Messaggioda Luciana_D » 9 gen 2009, 8:40

marple ha scritto:Sono davvero belle. Potrei farle tonde, senza buco ed ottenere dei krapfen?

Io dico di si :)
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

PrecedenteProssimo

Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee