(GPF) pasta al forno della nonna

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

(GPF) pasta al forno della nonna

Messaggioda hadassa » 23 lug 2007, 15:47

La nonna non è la mia, ma quella della mia amatissima amica Annamaria, che tanti anni fa mi regalò un robottino da cucina e (preziosissimo) un quadernetto con le sue ricette, piantando i semini di questa passione

E' fantastica

300 gr di penne lisce
40 gr di olive nere
4 cucchiai di capperi sottosale sciacquati
800 gr di pomodorini fiaschetta
2 pizziconi di origano
pangrattato
olio

Lessare la pasta molto al dente (3-4 minuti); scolarla e porla in un recipiente con le olive snocciolate, i capperi, l'origano, olio, pangrattato, 3/4 dei pomodori fatti a pezzetti; mescolare e porre in una pirofila unta; ricoprire con i restanti pomodori tagliati a metà, ponendo la parte tagliata sulla pasta; cuocere a 220° per circa 30 min (i pomodori devono annerire leggermente)
Servire a temperatura ambiente ( ... considerato l'argomento del giorno .... ma è buona anche tiepida)

Avvertenza: gli ingredienti devono essere buoni; lo so che è una regola generale, ma questa ricetta mi sembra più sensibile di altre
Fratelli umani, lasciate che vi racconti com'è andata. J Littel
hadassa
 
Messaggi: 95
Iscritto il: 8 dic 2006, 9:29

Re: (GPF) pasta al forno della nonna

Messaggioda Typone » 23 lug 2007, 17:12

hadassa ha scritto:Avvertenza: gli ingredienti devono essere buoni; lo so che è una regola generale, ma questa ricetta mi sembra più sensibile di altre

Quest'avvertenza è fondamentale secondo me: i condimenti semplici devono sempre essere di ottima qualità...

T.
Typone
 


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee