Glutine

Dubbi, consigli, attrezzi & c

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: Glutine

Messaggioda Danidanidani » 22 feb 2010, 18:56

stroliga ha scritto:Silvana,
avevam capito, era solo una mia puntualizzazione sul fatto che per fare omeopatia non si usano macchinette(i PC si,però);
poi ci puo' essere anche un omeopata che utilizza ANCHE mcchinette ma non è una pratica omeopatica.
Le altre puntualzzazioni sono per Dani che proprio è contraria all'omeopatia.

PS anch'io starei vlentieri a Palermo, nella tua cucina come un cagnolino ad aspettare che mi alunghi i tuoi carciofi :ahaha:


Licia,non è neanche giusto dire che sono contraria all'omeopatia.Diciamo che sono assai scettica (magari anche per ignoranza mia) e che penso che questa pratica abbia grossi limiti.Io non conosco la vita e l'attività ambulatoriale (se non di riflesso per i rapporti che avevo con i medici di base) ed ho sempre lavorato come medico a tempo pieno della struttura pubblica in reparto di medicina generale+pronto soccorso.Come tale ho prevalentemente trattato persone con patologie acute o iperacute o quelle affette da qualcosa di "incomprensibile",per cui dovevi scervellarti per arrivare a capo di qualcosa.Era questa in fondo la parte che mi ha sempre interessato di più:scervellarmi per collegare segni e sintomi e riuscire a mettere tutti i tasselli al posto giusto fino ad arrivare finalmente ad una conclusione diagnostica valida.E specialmente scervellarmi in gruppo con i miei colleghi.Per tornare ai limiti che io credo abbia l'omeopatia,penso a patologie tipo scompensi cardiaci,ictus,coma ipo o iperglicemico,pneumotorace,delirium tremens,broncopolmoniti e tante altre che comunemente giungevano in reparto per le quali immagino che non vi sia omeopatia che tenga...anche la medicina tradizionale si trova in difficoltà e spesso bisogna avere prontezza di riflessi e non avere timore di "esagerare" (a volte eh?) con i dosaggi dei farmaci per ottenere risultati.Evidentemente nel corso degli anni la mia convinzione sulla medicina tradizionale si è andata rafforzando,dato che toccavo con mano la validità delle terapie e nonostante gli inevitabili insuccessi.
Scusatemi per la lungaggine...potrei parlare ancora di più:ero e sono una appassionata della
medicina....tradizionale.
Licia,vengo anche io a Palermo e mi metto con te nella cucina di Silvana in fervida attesa... *smk* *smk* *smk* *smk* *smk*
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2803
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: Glutine

Messaggioda nicodvb » 23 feb 2010, 18:45

anavlis ha scritto:In questo, dopo un pò di tempo, do ragione a Daniele e a Licia. Esperienza personale, sono andata da un medico omeopata per dimagrire. Dopo un mese e €250, mi ha sottoposta ad una macchinetta e, secondo lui, ero intollerante alla carne di maiale e ai farinacei tutti. Per cui non dimagrivo perchè mangiavo questi elementi. Mi ha prescritto per un mese una dieta solo proteica (alla mia età la trovo folle) e mi eliminava i farinacei, sentenziando:VEDRA' CHE COSI' DIMAGRIRA'!!!!....gazie al cavolo! Ho pagato e sono scappata |^.^|
E' serio fare un esame obiettivo e si valuta l'intolleranza.
Dani.....mi perdoni? avevi ragione e te ne do atto! :scuse^ :scuse^ :scuse^ *smk*


sì, dimagrivi fino allo scheletro dopo essere passata in dialisi. se quello è un medico...
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3049
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Glutine

Messaggioda nicodvb » 23 feb 2010, 18:53

Iaiax: io al tuo posto non cercherei di eliminare il glutine, ma di cambiare il medico.
Detto questo ho letto anche io un estratto di una ricerca fatta in italia anni fa dalla quale risultava che dopo più di 24 ore di fermentazione tutto il glutine viene eliminato (credo trasformato in amminoacidi dall'attività proteolitica degli enzimi e dei lattobacilli). Recentemente ho letto su http://www.thefreshloaf.com articoli di celiaci che dicono di riuscire a mangiare il pane preparato in quel modo senza subire conseguenze.
Non so se questi dati hanno un vero fondamento scientifico, ti riporto solo un'eco di sentito dire a catena.


Mi chiedo anche come faccia a tenersi in forma un pane in cui tutta la struttura portante è collassata... ma le vie della lievitazione sono parecchie.
Se trovo i link te li mando.
Ultima modifica di nicodvb il 23 feb 2010, 19:26, modificato 1 volta in totale.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3049
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Glutine

Messaggioda nicodvb » 23 feb 2010, 19:14

eccoli, che faticaccia. La ricerca è qui:
http://www.foodnavigator.com/Science-Nu ... ntolerance

e un caso d'uso qui:
http://www.breadtopia.com/make-your-own ... t-page-12/
(cerca i commenti di Aubrey).
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3049
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Glutine

Messaggioda iaiax » 24 feb 2010, 12:21

Siete tutti così gentili, mi lasciate senza parole. Vado subito a leggere.
Sicuramente non ci sarà questa intolleranza. Ho parlato con il mio medico, mi ha spiegato un po' di cose.
Grazie ancora. : Love :
Claudia
Avatar utente
iaiax
 
Messaggi: 291
Iscritto il: 22 nov 2009, 23:16

Re: Glutine

Messaggioda iaiax » 25 feb 2010, 20:54

Claudia
Avatar utente
iaiax
 
Messaggi: 291
Iscritto il: 22 nov 2009, 23:16

Precedente

Torna a Carabattole e pignate

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee