gateau destrutturato (da un'idea di Gabriele Bozio)

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

gateau destrutturato (da un'idea di Gabriele Bozio)

Messaggioda cinzia cipri' » 29 nov 2008, 10:05

Immagine

Immagine

Ricetta presa da A Tavola, numero di Novembre 2008, pag.106

L'autore che cito nel titolo della ricetta, altri non e' che lo chef direttore di Boscolo Etoile Academy. Nel mese di Novembre 2008, ha rivisitato delle ricette della tradizione, affidando all'arte della presentazione l'innovazione del piatto.
Ogni mese mi commuovo davanti alle sue creazioni, sempre belle, sempre perfette. Non ho mai osato provare a ripeterlo, ma questo piatto lo conosco, ero perplessa sulla bellezza della presentazione (riproposta da me), ma conscia che la bonta' non sarebbe stata intaccata. E cosi' ci ho provato...

Ingredienti per 5 monoporzione
per il gateau
400 g di patate a pasta gialla
50 g di prosciutto cotto, in una fetta
60 g di Caciocavallo (ho usato ragusano)
30 g di pancetta steccata affettata sottile
10 g di formaggio grana o parmigiano grattugiato
20 g di burro
20 g di pangrattato
4 g di sale
2 g di pepe nero

per la fonduta:
200 ml di panna fresca
100 ml di latte intero fresco
50 g di formaggio grana grattugiato
2 g di pepe nero

per la finitura:
125 g di mozzarella di bufala
20 g di grana grattugiato
20 ml di olio evo
qualche ramoscello di timo
30 g di pangrattato

Lessate le patate per circa 30 minuti. Sbucciatele e pestatele grossolanamente con una forchetta (io ci ho dato dentro col pestacarne).
Tagliate a cubetti il prosciutto e passatelo in padella. Aggiungetelo alla patata assieme al formaggio (caciocavallo + grana) grattugiato e regolate di sale e pepe a piacere.

Disponete trasversalmente la fetta di pancetta in stampi da savarin imburrati (purtroppo io avevo solo quelli da budino), spennellate con burro e pangrattato le pareti rimaste scoperte e, con l'aiuto di una sac a poche, riempiteli della miscelta di patata. Rispolverate con un altro po' di pangrattato e infornate a 200° per 10 minuti (o fino a doratura).

Lasciate raffreddare, sformate i timballini su carta da forno (poggiatela sulla teglia!!!) e copritela di mozzarella di bufala (nel savarin, riempite il savarin). Infornate ancora per altri 5 minuti circa.

Nel mentre preparate la fonduta. Mettete in una casseruola tutti gli ingredienti e lasciate che si squaglino bene. Quando saranno sciolti, lasciate condensare fino a consistenza desiderata e infine frullate col mixer per avere una crema ben liscia.

Preparate il piatto mettendo un savarin in un angolo, aggiungete uncucchiaio di fonduta, una fetta di pancetta rosolata, un po' di sablee o pangrattato tostato e un ramoscello di timo.
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: gateau destrutturato (da un'idea di Gabriele Bozio)

Messaggioda ugo » 30 nov 2008, 9:38

Bel lavoro!
:saluto: Ugo
Ciò che esisteva ai tempi di Careme,esiste ancor oggi ed esisterà per quanto tempo sarà dato alla cucina di vivere.
A.Escoffier Novembre 1902
Avatar utente
ugo
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 11 gen 2008, 17:43

Re: gateau destrutturato (da un'idea di Gabriele Bozio)

Messaggioda cinzia cipri' » 30 nov 2008, 9:54

grazie ugo :fiori:
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: gateau destrutturato (da un'idea di Gabriele Bozio)

Messaggioda maria rita » 30 nov 2008, 11:24

Che meraviglia! Buonissima pure
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee