° Focaccia simil genovese

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° Focaccia simil genovese

Messaggioda patrizia A » 10 gen 2009, 18:13

Ho provato tante volte a fare la focaccia "genovese", questa ci si avvicina abbastanza. (I think)
Immagine
E' rimasta morbida pur essendo sottile.
Eccola la mia ricetta:
al mattino preparo una biga con 100 gr di manitoba, 100 gr acqua e 12 gr lievito (non verrà aggiunto altro lievito).formo una pastella e la metto in frigorifero chiusa ermeticamente in un contenitore.
Dopo dodici ore vi aggiungo 500 gr di caputo pizzeria ed acqua quanto basta a formare un impasto morbido. coprire e lasciare lievitare a temperatura ambiente per 12 ore.
Il mattino dopo metto nell'impastatrice:
600 gr lievitino
900 gr farina
600 acqua appena tipida
35 gr evo +35 gr strutto. (oppure 70 gr evo)
30 gr di sale.
L'impasto deve risultare molto morbido.Far lievitare 2 ore intervallato ogni 40 min. dalle pieghe del primo tipo di Adriano.
Foderare una teglia (la mia è 40x73 e la piccola 34x49) con la carta forno , ungerla bene e appiattire l'impasto delicatamente con i polpastrelli. Formare le fossette e mettere dentro qualche granello di sal grosso, e ricoprire con una miscela di acqua e olio (l'acqua il doppio dell'olio).
Coprire la teglia con pellicola e metterla a lievitare per due ore a 30°.in un altro post vi parlerò della cella di lievitaione fatta in casa
Immagine
Inforno a 230° statico per 10 min, spennello ancora con la miscela, e finisco di cuocere per altri 10 min. di cui gli ultimi 5 min ventilato. :D
Immagine
Ciao a tutte : Groupwave :
amico nuovo, vino nuovo: invecchierà e diverrà soave a bersi.
Avatar utente
patrizia A
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 26 set 2008, 9:35
Località: aosta

Re: Focaccia simil genovese

Messaggioda marple » 10 gen 2009, 18:40

Bella. Ha davvero un ottimo aspetto. Complimenti.
Scusa, cos'è che si intravede sotto la leccarda grande della focaccia cruda? :)
marple
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 31 dic 2008, 0:01

Re: Focaccia simil genovese

Messaggioda marple » 10 gen 2009, 18:42

:D Anzi, cotta. Cruda e cotta :D
marple
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 31 dic 2008, 0:01

Re: Focaccia simil genovese

Messaggioda cinzia cipri' » 10 gen 2009, 19:24

sembra buonissima!
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Focaccia simil genovese

Messaggioda Rossella » 10 gen 2009, 20:36

adoro le focacce... 26 ore di lievatazione non sono poche , che farina hai adoperato ? :|?
grazie!
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Focaccia simil genovese

Messaggioda patrizia A » 10 gen 2009, 20:38

marple ha scritto:Bella. Ha davvero un ottimo aspetto. Complimenti.
Scusa, cos'è che si intravede sotto la leccarda grande della focaccia cruda? :)



E' la mia cella di fermentazione casalinga fatta da mio marito su istruzioni trovate sul blog di ovosodo: "OpenWARM:istruzioni dettagliate" :clap:
http://ovosodo.blogspot.com/2007/12/ope ... liate.html

La mia è fatta con materiali di recupero (un vecchio termosifone elettrico), ma funziona bene e per la lievitazione dei panettoni mi è servita tantissimo : Yahooo :
amico nuovo, vino nuovo: invecchierà e diverrà soave a bersi.
Avatar utente
patrizia A
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 26 set 2008, 9:35
Località: aosta

Re: Focaccia simil genovese

Messaggioda patrizia A » 10 gen 2009, 21:03

Rossella ha scritto:adoro le focacce... 26 ore di lievatazione non sono poche , che farina hai adoperato ? :|?
grazie!



premetto che con i lievitati sono alle prime armi! prima per me la farina era una e basta.
adesso ho capito che poco lievito vuol dire lunga lievitazione e quindi farina adeguata.
primo lievito manitoba, secondo lievito caputo blu pizzeria ed infine per l'impasto una farina 0 un po' più debole.
il risultato è stato una focaccia bassa ma morbida e una mollica alveolata.
aspetto consigli ed eventuali bachettate :?
desidero imparare
amico nuovo, vino nuovo: invecchierà e diverrà soave a bersi.
Avatar utente
patrizia A
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 26 set 2008, 9:35
Località: aosta

Re: Focaccia simil genovese

Messaggioda Luciana_D » 11 gen 2009, 7:35

patrizia A ha scritto:
marple ha scritto:Bella. Ha davvero un ottimo aspetto. Complimenti.
Scusa, cos'è che si intravede sotto la leccarda grande della focaccia cruda? :)



E' la mia cella di fermentazione casalinga fatta da mio marito su istruzioni trovate sul blog di ovosodo: "OpenWARM:istruzioni dettagliate" :clap:
http://ovosodo.blogspot.com/2007/12/ope ... liate.html

La mia è fatta con materiali di recupero (un vecchio termosifone elettrico), ma funziona bene e per la lievitazione dei panettoni mi è servita tantissimo : Yahooo :

Ottima la tua focaccia ....magari non e' da improvvisare visto i tempi lunghi di lievitazione .......e fantastica la cella :D
L'avevo vista tempo fa sullo stesso sito da te lincato.Magari e' da provare a fare.
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11824
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee