focaccia di recco

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

focaccia di recco

Messaggioda hadassa » 22 ott 2007, 14:01

Credo che questa non ci sia, e mi sembra un peccato, perché è buonissima ed una volta presa la mano, e facile e veloce (anche perché non chiede lievitazione).

La ricetta è delle Simili: ne ho provato altre, ma questa è perfetta…. anche se non vi verrà mai come l’originale, che vuole un formaggio tipico che si trova solo da quelle parti (qui sostituito con lo stracchino), e il forno a legna.

250 gr di farina
125 g di acqua
25 gr di olio EVO
3 gr di sale
300 gr di stracchino (io ne metto 400gr)
1-2 cucchiai di latte

Impastare velocemente i primi 4 ingredienti; verrà un impasto morbido; formare due filoncini e fare riposare coperti per 10-15 minuti (l’inverno io li metto sotto una pentola scaldata, come si fa per la pasta strudel); nel frattempo battere lo stracchino con un cucchiaio di legno, aggiungendo un po’ di latte se fosse troppo denso. Stendere la pasta formando due rettangoli sottili fino a coprire il fondo di una teglia 30x40; stendere il primo sul fondo, coprire con lo stracchino lasciando liberi i bordi, coprire con il secondo rettangolo e sigillare bene; spennellare con olio e bucare in più punti la superficie con un coltello (i fori devono risultare ben evidenti). Infornare a 210-220 per 15-20 min.

Io ne faccio sempre doppia dose, usando 400 gr di formaggio per dose (quindi 800 gr in tutto), e mi vengono due teglie del fornetto (cm 35x30) + un teglia di diametro 22 cm;

La cosa più importante è fare la pasta sottilissima; più è sottile, meglio è; per facilitare quest’opera, è importante non rilavorare affatto la pasta dopo il riposo, e stenderla ruotandola: cioè: si appiattisce con il matterello, poi si fa ruotare di 90°, si appiattisce ancora, e così via sempre aiutandosi con la farina per non fare attaccare l’impasto alla spianatoia ed al matterello; poi, per stenderla sulla teglia, arrotolarla sul matterello; ho letto anche che c’è chi consiglia di abbondare con il sale, per fare una sfoglia ancora più sottile, essendo il sale nemico del glutine, ma io non ho mai provato.

Un’ultima cosa: io non buco la sfoglia con il coltello, ma – come ho visto fare a Genova – la “strappo” in più punti con le mani.

Scusatemi se mi sono dilungata un po’ con le spiegazioni, ma sono piccoli accorgimenti per rendere l’opera più facile.


qui tutta la produzione
Immagine


qui una fetta (stecchita di frigo, sorry ... altrimenti sarebbe morbida e fumante!)

... bugia! non mi carica le altre foto ... che metterò dopo!
Fratelli umani, lasciate che vi racconti com'è andata. J Littel
hadassa
 
Messaggi: 95
Iscritto il: 8 dic 2006, 9:29

Messaggioda elisabetta » 22 ott 2007, 15:13

Grazie per la ricetta, adoro questo tipo di focaccia:la pasta è facile da stendere?
Avatar utente
elisabetta
 
Messaggi: 1155
Iscritto il: 26 nov 2006, 17:02
Località: vico equense

Messaggioda stroliga » 23 ott 2007, 13:11

Io la faccio così
pasta di pane con l'aggiunta di poco olio,
la divido in due pani (parto con 300 gr di farina),
li stendo a sfoglia sottile,
la prima sfoglia la allargo sulla teglia rettangolare da forno ben oliata e poi la rigiro in modo da oliarne entrambi i lati,
stendo la crescenza a tocchetti (sarebbe meglio la "prescinseua", ma viene buona ugualmente ),
stendo la seconda sfoglia a coprire la prima e saldo bene i bordi cercando di non creare bolle d'aria,
ricopro abbondantemente con una emulsione di latte ed olio EVO e poi salo largamente;
in forno a 200 fino a cottura (circa 20-25 minuti),
se si formano bolle bucarle con una forchetta.
Immagine
****************************
Licia
“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto, ma da quelle che non avete fatto.
Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele.
Esplorate. Sognate. Scoprite.” (Mark Twain)

“Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non sarà sprecato: è quello il posto in cui devono stare.E adesso metteteci sotto le fondamenta.” David Thoreau
Avatar utente
stroliga
 
Messaggi: 1274
Iscritto il: 14 lug 2007, 8:27
Località: Bugliaga dentro - VCO

Messaggioda hadassa » 24 ott 2007, 9:00

per Elisabetta: si, la pasta è molto facile da stendere

per Roberto: questa è proprio la ricetta delle Simili

Immagine
Immagine
Fratelli umani, lasciate che vi racconti com'è andata. J Littel
hadassa
 
Messaggi: 95
Iscritto il: 8 dic 2006, 9:29

Messaggioda Rossella » 24 ott 2007, 9:32

hadassa ha scritto:per Elisabetta: si, la pasta è molto facile da stendere

per Roberto: questa è proprio la ricetta delle Simili



grazie :D
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda luvi » 24 ott 2007, 13:11

:D che bontà , non so se è simile all'originale ma è buonissima!
ecco la mia foto
Immagine
luvi
 

Messaggioda ZeroVisibility » 24 ott 2007, 19:16

oh....erano troppo belle le vostre foto....non ce l'ho fatta a starmene con le mani in mano...
ho dovuto farla anch'io..
Trooooopooo buonaaaa!!! 8)) 8))

Immagine

Ho usato la ricetta base delle Simili, ma prima di infornare( come diceva Stroliga) ho pennellato il tutto con un'emulsione di olio e latte e una spolverata leggera di Fleur de sel.
Mia figlia ha stragradito!! :wink:
ettore
Ettore
"guida poco...che devi bere"
Avatar utente
ZeroVisibility
 
Messaggi: 1061
Iscritto il: 15 lug 2007, 20:02
Località: milano nord/ovest

Messaggioda Rossella » 24 ott 2007, 20:05

Ricordo di avere mangiato più volte a Recco questa focaccia fantastica, con la cucina a vista ricordo che il pizzaiolo stendeva la pasta utilizzando la tecnica della pasta dello strudel usava prima il mattarello e poi tirandola dolcemente sul dorso con le nocche delle mani quasi chiuse a pugno, per evitare che si rompesse, la pasta diventava sottilissima quasi trasparente, una volta chiusa la pasta veniva tagliata sul bordo della teglia, quindi non veniva rincalzata, cosi nessun bordo, questo al fine di evitare che il bordo diventasse croccante.
alcune notizie qui :wink:
Ultima modifica di Rossella il 24 ott 2007, 20:10, modificato 1 volta in totale.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda luvi » 24 ott 2007, 20:07

:D un'epidemia...
luvi
 

focaccia ligure

Messaggioda valentina.. » 26 gen 2008, 11:31

non sono ligure, quindi non so se sia una ricetta tradizionale(se qualcuno ne sa di più, illuminatemi) :|?
però è molto buona:

300g farina 00
3 cucchiai olio
acqua tiepida
500g stracchino o crescenza
sale, latte

preparare la pasta unendo alla farina l'olio, un pizzico di sale e aggiungendo acqua fino a che non prende consistenza. formare una palla. Stendere metà della pasta ottenendo una sfoglia sottile, e metterla in una teglia rettangolare ben unta d'olio.
sciogliere il formaggio con un bicchiere di latte tiepido e spalmarlo sulla pasta. stendere la pasta restante, ricoprire la base e sigillare i bordi. spennellare la superficie con mezzo bicchiere di latte unito ad un cucchiaio d'olio e un pizzico di sale.
cuocere in forno già caldo a 180 gradi per mezzora.
(niente foto, se la sono pappata troppo in fretta...)
:lol:
Avatar utente
valentina..
 
Messaggi: 127
Iscritto il: 30 nov 2007, 18:45
Località: Padova

Re: focaccia ligure

Messaggioda valentina.. » 26 gen 2008, 14:20

ooops! :oops:
scusate, non avevo visto che c'era altrimenti mi sarei accodata agli altri messaggi del 3D..
e ho anche sbagliato stanza mi sa...
se chi di dovere vuole spostare..
scusate
Avatar utente
valentina..
 
Messaggi: 127
Iscritto il: 30 nov 2007, 18:45
Località: Padova

Re: focaccia di recco

Messaggioda amalia » 19 feb 2008, 23:15

hadassa ha scritto:Credo che questa non ci sia, e mi sembra un peccato, perché è buonissima ed una volta presa la mano, e facile e veloce (anche perché non chiede lievitazione).

La ricetta è delle Simili: ne ho provato altre, ma questa è perfetta…. anche se non vi verrà mai come l’originale, che vuole un formaggio tipico che si trova solo da quelle parti (qui sostituito con lo stracchino), e il forno a legna.

250 gr di farina
125 g di acqua
25 gr di olio EVO
3 gr di sale
300 gr di stracchino (io ne metto 400gr)
1-2 cucchiai di latte

Impastare velocemente i primi 4 ingredienti; verrà un impasto morbido; formare due filoncini e fare riposare coperti per 10-15 minuti (l’inverno io li metto sotto una pentola scaldata, come si fa per la pasta strudel); nel frattempo battere lo stracchino con un cucchiaio di legno, aggiungendo un po’ di latte se fosse troppo denso. Stendere la pasta formando due rettangoli sottili fino a coprire il fondo di una teglia 30x40; stendere il primo sul fondo, coprire con lo stracchino lasciando liberi i bordi, coprire con il secondo rettangolo e sigillare bene; spennellare con olio e bucare in più punti la superficie con un coltello (i fori devono risultare ben evidenti). Infornare a 210-220 per 15-20 min.


Grazie della ricetta, è la prima che provo ed è venuta benissimo :)
amalia
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 9 feb 2008, 16:26

Re: focaccia di recco

Messaggioda Rossella » 21 giu 2008, 8:01

:wink:


guardate con quale maestria la signora maneggia la pasta della focaccia di Recco

Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: focaccia di recco

Messaggioda germana » 25 giu 2008, 13:46

Io la faccio con la ricetta di Vittoria Traversa de Zena :

Per una teglia rettangolare da pizza, circa 30x40.

Impastare in una ciotola larga 300 g farina manitoba (ma le nonne usavano farina normalissima... de Zena), 100 g acqua tiepida, 50 g latte, 30 g olio evo, sale.
Deve venire una pasta morbida e non appiccicosa. Dividere in due parti, ungerle e mettere a riposare sotto una ciotola (scaldata in inverno).

Scaldare il forno al massimo possibile perché andrebbe cotta nel forno a legna che va a 350 gradi circa.
Al momento di cuocere la focaccia ungere bene la teglia, tirare una parte della pasta prima con il matterello e poi aiutandosi con pugni e braccia infarinate fino ad ottenere una sfoglia sottile ma assolutamente priva di buchi.
Adagiarla nella teglia facendola sbordare da tutti i lati
Coprire la sfoglia di pezzi di stracchino grandi come una noce. Ce ne vuole un pane da mezzo chilo.
Stendere la seconda sfoglia molto sottile, quasi trasparente e adagiarla sulla prima coprendo lo stracchino. Fare sbordare anche questa.
Passare il mattarello sui bordi della teglia per tagliare la pasta eccedente e nello stesso tempo saldare le due sfoglie.
Inumidire il tutto con un’emulsione di acqua/olio (non affogare, inumidire), pizzicare la superficie della pasta per fare 2 o 3 buchi da dove uscirà il vapore e infornare per 15 minuti. La superficie deve essere dorata e arrostita in qualche punto.
Servire caldissima e colante stracchino bollente .
Viene così:
Avatar utente
germana
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 6 giu 2008, 12:16
Località: Cremona

Re: focaccia di recco

Messaggioda Judas » 12 set 2009, 12:15

La ricetta che seguo io è quella della "Manuellina" di Recco, ritenuta la madre di questa ricetta.

Niente di più semplice di:

(dosi riferite alla leccarda rettangolare del forno)

300g di farina forte
120g di acqua
45g di olio
e soprattutto NIENTE SALE

Impastare molto bene fino ad avere una pasta soda e non appiccicosa, spezzare in due parti uguali, avvolgere in pellicola e lasciar riposare per un paio d'ore, in questo modo la pasta si rilasserà e sarà più facile da lavorare.

Passate le due ore prendere una delle due parti e stenderla fino a renderla trasparente, chi è capace dovrebbe utilizzare la tecnica dello strudel, gli altri possono benissimo utilizzare il mattarello. Appoggiare la sfoglia sulla leccarda leggermente unta in modo che la sfoglia sbordi e ricoprirla di pezzetti di crescenza/stracchino, 500g in tutto, e una spolverata di sale fino. Non serve spalmare il formaggio basta fare tanti piccoli mucchietti.
Stendere la rimanente pasta, coprire la focaccia e tagliare con una rotella la pasta che avanza ai bordi. E' fondamentale non rimboccare o arrotolare la pasta ai lati, quindi tagliate senza pietà e, se come me non volete rischiare che il formaggio esca, ripassate i bordi con una forchetta, tipo raviolo.
Ora iniziano le cose importanti, per prima cosa è necessario fare i "camini" per fare uscire vapore e formaggio. In corrispondenza di tutti i mucchietti di formaggio strappate con le mani la pasta, dev'esserci un bel taglio, poi ricoprite la focaccia con un giro d'olio (poco, senza esagerare) e una spolverata di sale.
La seconda cosa importante è il forno.. la tradizione impone il forno a legna, con temperature simili a quelle per la pizza napoletana. Chi ce l'ha beato lui!
Chi ha il fornetto ferrari può usare quello, io mi arrangio con un forno a gas, lo metto a temperatura massima (275°) e metto la teglia sul ripiano più basso (sarà 3cm dal fondo).

In questo modo la focaccia è pronta in 5/10 minuti al massimo, controllate che il fondo sia ben colorito e croccante e sfornate. Se avete usato il metodo "raviolo" a questo punto dovete ritagliare e buttare i bordi (nella foto non l'avevo ancora fatto).

Buon appetito!

Immagine
Judas
 
Messaggi: 61
Iscritto il: 19 mag 2009, 8:09

Re: focaccia ligure

Messaggioda Donna » 12 set 2009, 12:31

Stupenda questa focaccia, ci faccio sempre dei figuroni in ufficio.
Qui non la conosce nessuno :wink:
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3322
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: focaccia ligure

Messaggioda Judas » 12 set 2009, 12:36

Beati i tuoi colleghi allora!

: Thumbup :
Judas
 
Messaggi: 61
Iscritto il: 19 mag 2009, 8:09

Re: focaccia ligure

Messaggioda Clara » 12 set 2009, 14:10

Grazie Guido, bella esecuzione :D
Non ho mai fatto questa famosa focaccia :oops: devo rimediare al più presto :D
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6377
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Re: focaccia ligure

Messaggioda Luciana_D » 12 set 2009, 17:52

Bella !!!!!!!!!!!!!!! :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: focaccia di recco

Messaggioda Clara » 26 feb 2012, 15:11

L'ho fatta tempo fa usando la ricetta delle Simili e per stenderla la tecnica della signora del video nella pagina precedente,
prima mattarello e poi le nocche delle mani, e ci sono riuscita :=:! l'ho stesa benissimo :shock:
ed è venuta buona buona , corrispondente :D
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6377
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Prossimo

Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee