/ Focaccia alle erbe (Piergiorgio Giorilli)

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

/ Focaccia alle erbe (Piergiorgio Giorilli)

Messaggioda ila » 17 dic 2007, 18:49

Questa l'ho presa dal libro ''Snack and food spuntini e stuzzichini'' di Piergiorgio Giorilli.
Metto la ricetta originale, io l'ho seguita alla lettera come dosi e tempi di lievitazione, ma non avendo il ken e le celle di lievitazione mi sono adattata, cioe' al posto del ken ho usato i ganci per impastare che sono in dotazione con le fruste elettriche, e per le temperature ho messo in luoghi caldi e con temperature costanti.

Ingredienti per una teglia di 60x40
Per l'impasto

700 gr di farina
50 gr di farina integrale
400 gr di acqua
20 gr di lievito
10 gr di malto
40 gr di olio di oliva
15 gr di sale
100 gr di prezzemolo fresco
100 gr di erba cipollina
10 gr di maggiorana fresca (ho messo quella secca)

Per la salamoia

30 gr di acqua
30 gr di olio l'oliva
10 gr di sale

Ho impastato gli ingredienti dell'impasto nell'ordine classico che uso cioe' acqua lievito malto un pochina di farina il sale le erbe e la restante farina e ho impastato a lungo con i ganci, i tempi del libro sono 4 minuti a velocita' 1 e 5 minuti a velocita' 2.
Lasciar puntare l'impasto per 15 minuti, poi pesare dei pezzi da 1100/1300 gr per teglie di 60x40, posarli sulle tavole e lasciarli riposare per 15/20 minuti poi stendere la pasta nelle teglie ben oliate e lasciar lievitare per circa 20 minuti in cella a 28 gradi.
Distribuite la salamoia omogeneamente quindi schiacciare con le dita e formare delle cavita'. Mettere nuovamente in cella per 50/60 minuti. Infornare in forno a platea (io non so che forno sia e ho usato quello normale che abbiamo tutti :wink: ) a 230 gradi per 18 minuti.

Per ora e' in lievitazione, a quanto pare abbiamo lasciato la digitale a Pistoia, io credevo che l'avesse presa Simo e lui credeva la prendessi io...insomma vi diro' l'impressione alla vista e al gusto se vi fidate di me.
Ora vi chiedo cosa e' un forno a platea? Nelle prime pagine del libro ho visto ci sono delle spiegazioni magari c'e' scritto dopo leggo... :D
Immagine

Le mie FOTO
Il mio blog
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda ila » 17 dic 2007, 21:54

Allora la focaccia e' stata cotta e mangiata, ottima! Ovviamente se viene utilizzato il ken o altra impastatrice verra' anche meglio ma l'uso dei ganci e' risultato positivo.
Molto morbida sembrava che avessi aggiunto all'impasto un pochina di patata, profumata, insomma da rifare sicuramente.
Questa e' la prima volta che la faccio e non ne ho una di riferimento per confrontare la morbidezza o il sapore ma sono molto contenta di questa prova.
Rileggendo la ricetta ho visto che non mi e' chiaro se e' per due teglie o per una. Io ho usato meta' dosi e ho fatto una teglia ma non ho le misure precise di questa...se ritrovo il metro la misuro e domani ve lo dico.
Immagine

Le mie FOTO
Il mio blog
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda Barbara » 18 dic 2007, 9:58

Grazie Ila!
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda sandra manghi » 18 dic 2007, 11:28

Ciao, grazie per la ricetta.
Solo per dirti che non so esattamente che cosa sia il "forno a platea", so che al corso per pizzaiolo che ho frequentato ho imparato che la base del forno si chiama platea, e il sopra si chiama cielo. I forni professionali ti danno la possibilità di regolare le temperature indipendentemente.
Sandra
sandra manghi
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 12 nov 2007, 10:24
Località: Milano


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee