Fatto anch'io:Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda nicodvb » 17 gen 2012, 23:07

Luciana_D ha scritto:Il mio impasto era di 1125 ;-))

e guarda come ti è venuto da urlo! *smk*
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Luciana_D » 18 gen 2012, 19:36

nicodvb ha scritto:Rifatto per l'ennesima volta. Stavolta è lievitato molto prima: 8 ore la prima lievitazione e 9 la seconda. merito della pm?
Niente perdita di burro e lievitazione intorno ai 22°.

Nico,adoro fare la rompi, specialmente con te ;-))
Mi spieghi perche' fai lievitare a 22*?
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Etta » 18 gen 2012, 20:16

A me spiega invece come fai a farlo lievitare,se non metto 28 gradi,la pasta non si solleva neanche a mori'.
Avatar utente
Etta
 
Messaggi: 1058
Iscritto il: 5 lug 2007, 14:04
Località: Milano

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda nicodvb » 18 gen 2012, 20:22

Etta ha scritto:A me spiega invece come fai a farlo lievitare,se non metto 28 gradi,la pasta non si solleva neanche a mori'.

credo che sia semplicemente questione di ritmo. Se lo rinfreschi sempre nello stesso modo e sempre nello stesso ambiente a temperatura costante lui si adatta (orrore!!! se mi sentisse Darwin mi frusterebbe, ma giusto per spiegarmi... :lol: ) e mostra i muscoli nelle stesse condizioni.
Fallo anche tu, Paola, e vedrai! Una puntina di malto in ogni impasto aiuta pure parecchio!
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Etta » 24 gen 2012, 15:07

Vedo che sei tornato Nico,comunque lo dice pure Pina che per lievitare bisogna porre l'impasto a 28-30 gradi....
Avatar utente
Etta
 
Messaggi: 1058
Iscritto il: 5 lug 2007, 14:04
Località: Milano

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda nicodvb » 24 gen 2012, 15:10

A quella temperatura spesso mi si è sciolto il burro. Se a me lievita anche al "fresco" perché dovrei correre il rischio e metterlo al caldo?
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Luciana_D » 24 gen 2012, 18:14

A mio avviso 30* sono troppi ma 27-28 perfetti.
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Luciana_D » 27 nov 2012, 14:55

<^UP^>
Rossellaaaaaaaaa
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda PierCarla » 28 nov 2012, 10:57

Ok va bene. Mi sono letta tutto. Non ho il pirottone di carta, forse ne ho ancora qualcuno ma di quelli bassi da veneziana.
Prima cerco il pirottone, poi (forse) ci provo.
Sono una domanda e lo so che l'avete detto migliaia di volte, ma in quanto deve triplicare il LM per poi essere usato nell'impasto?
Avatar utente
PierCarla
 
Messaggi: 861
Iscritto il: 23 nov 2006, 12:42
Località: prov. Bergamo

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda nicodvb » 28 nov 2012, 11:10

PierCarla ha scritto:Ok va bene. Mi sono letta tutto. Non ho il pirottone di carta, forse ne ho ancora qualcuno ma di quelli bassi da veneziana.
Prima cerco il pirottone, poi (forse) ci provo.
Sono una domanda e lo so che l'avete detto migliaia di volte, ma in quanto deve triplicare il LM per poi essere usato nell'impasto?


massimo 4 ore e senza riscaldarla.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Luciana_D » 28 nov 2012, 13:03

PierCarla ha scritto:Ok va bene. Mi sono letta tutto. Non ho il pirottone di carta, forse ne ho ancora qualcuno ma di quelli bassi da veneziana.
Prima cerco il pirottone, poi (forse) ci provo.
Sono una domanda e lo so che l'avete detto migliaia di volte, ma in quanto deve triplicare il LM per poi essere usato nell'impasto?

Come detto da Nico :D se poi lo fa in 3 e' meglio.
Tu lo rinforzi,lo rinfreschi per 7gg di seguito,bagnetto,legatura,panettone,visibilio ,wow :clap:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda CETTY » 28 nov 2012, 14:03

Ciao ho bisogno di un vostro consiglio, ho letto che il lm dopo ilrinfresco lo legate per tre volte , quando si vuole fare il panettone, sempre 2-1-2 . in questo caso manitoba lo conte pura o miscelata con altra farina? Prima utilizzavo farina molino rossetto,adesso lavorando tutto il giorno e fuori zona non ho molto tempo per pasticciare per cui non mi conviene acquistare ancora la farina per panettoni. Grazie
CETTY
 
Messaggi: 405
Iscritto il: 21 nov 2012, 7:48

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Rossella » 28 nov 2012, 14:14

CETTY ha scritto:Ciao ho bisogno di un vostro consiglio, ho letto che il lm dopo ilrinfresco lo legate per tre volte , quando si vuole fare il panettone, sempre 2-1-2 . in questo caso manitoba lo conte pura o miscelata con altra farina? Prima utilizzavo farina molino rossetto,adesso lavorando tutto il giorno e fuori zona non ho molto tempo per pasticciare per cui non mi conviene acquistare ancora la farina per panettoni. Grazie



lo rinfreschi per 7gg di seguito, con le seguenti proporzioni : 1LM + 1/2 acqua + 1farina ( 100 lm + 50 GR. acqua - farina stesso peso del LM), seguirà il bagnetto, di seguito la legatura, con farina forte. Io mi trovo benissimo con la caputo rossa.
Il giorno che decidi d'iniziare, eseguirai tre rinfreschi giornalieri, naturalmente deve essere utilizzata la stessa farina che utilizzerai per il panettone.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Patriziaf » 28 nov 2012, 16:21

Forse non c'entra niente in questo momento,ma vorrei sapere se possibile,come faccio a legare il mio lievito madre che di solito faccio rinfrescare in acqua tiepida, così in 30' minuti mi viene a galla?Il mio lievito ha circa 50 gg, è giovane ma mi dà dei buoni risultati.Please Video....... :clap:scusate ma voglio fare anche io un panettone e non capisco perchè non si può rinfrescare più velocemente in questo modo.
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2635
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda nicodvb » 28 nov 2012, 16:27

puoi provare a metterlo in acqua dopo averlo legato. Ciò che non strozza rinforza, o no? : Yahooo :
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Patriziaf » 28 nov 2012, 16:31

Grazie Nico,però io mi chiedevo perchè bisogna aspettare 4 ore o nel sacco o nel barattolo in frigo, se cresce velocemente in acqua?
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2635
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda nicodvb » 28 nov 2012, 16:43

Mikly, io scherzavo. Non so niente di quella tecnica e non ho la minima intenzione di provarla.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Patriziaf » 28 nov 2012, 16:45

:sad: :|?
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2635
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Rossella » 28 nov 2012, 17:26

miky ha scritto:Grazie Nico,però io mi chiedevo perchè bisogna aspettare 4 ore o nel sacco o nel barattolo in frigo, se cresce velocemente in acqua?

Non ho esperienza a proposito, ho trovato una dispensa che potrebbe esserti utili :saluto:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Il Panettone di Leonardo Di Carlo

Messaggioda Luciana_D » 28 nov 2012, 18:42

nicodvb ha scritto:puoi provare a metterlo in acqua dopo averlo legato. Ciò che non strozza rinforza, o no? : Yahooo :

:lol: tu sei matto
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

PrecedenteProssimo

Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee