/Farinata col cavolo nero (Tr)

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

/Farinata col cavolo nero (Tr)

Messaggioda ila » 14 set 2007, 8:12

Questa é quella che fa mia nonna e le dosi sono queste se non ricordo male, comunque chiedo alla nonna per sicurezza e eventualmente modifico. E' un piatto che non solo le ho sempre visto fare in inverno, ma spesso c'é un giro di telefonate con zii e cugini in cui si avvisa che "domenica la nonna fa la farinata...'' quindi ci ritroviamo tutti a casa dei nonni, un piatto che in pratica ci riunisce tutti.

Ingredienti:
1/2 kg di fagioli borlotti
1/2 cipolla - sedano - carota
1/2 bicchiere di conserva di pomodoro
parte finale di un prosciutto toscano (mi raccomando)
2 cesti di cavolo nero
farina per polenta.

Si prendono i fagioli borlotti di quelli secchi (o freschi ma in questo caso si fanno rinvenire ben poco) e si mettono in acqua per circa 8 ore. Quindi possiamo metterli la sera prima.
Il mattino dopo si mettono a cuocere i fagioli in un bel tegame capiente con: molta acqua (serve molta acqua perché la riutilizzeremo nella preparazione), una piccola cipolla, un pezzetto di sedano, un pezzettino di carota (non troppo altrimenti i fagioli prendono un aroma dolciastro), 1/2 bicchiere di conserva di pomodoro e... il pezzo che non deve assolutamente mancare cioè il fondo di un prosciutto toscano salato mi raccomando, il prosciutto dolce non va bene.
Quando i miei nonni erano giovani esisteva l'arte dell'arrangiarsi ovvero se non c'era il pezzo di prosciutto o era troppo piccolo ci mettevano qualche altra parte saporita del maiale tipo una salsiccia spellata (anche questa dovreste cercarla toscana o romagnola...).
Si fanno cuocere un'oretta, comunque ci si accorge quando sono cotti perché sono abbastanza morbidi.
Adesso dobbiamo pulire il cavolo nero, bene bene, sotto l'acqua e togliendo le costole più dure.
Si mette in acqua e si scotta un po' come si fa con gli spinaci.
Quando è cotto si strizza formando delle palline e si tagliano grossolanamente.
Facciamo in una pentola un soffritto con una piccola cipolla, sedano, carota e olio d'oliva piuttosto abbondante perché, anche se l'ho chiamato soffritto, in realtà non friggono ma cuociono gli odori.
Dopo circa 3 minuti si aggiunge il cavolo e si fa rosolare bene, poi un po' di conserva di pomodoro (se la comprate al supermercato un 1/2 barattolo va bene) e un ramaiolo di acqua di cottura dei fagioli e si fa insaporire tutto.
A parte se prende un ramaiolo di fagioli cotti e si schiacciano con la forchetta, non tanto da ridurli in purea, e si uniscono al cavolo.
Possiamo poi aggiungere anche sale e peperoncino e si fa cuocere per circa 5 minuti e si aggiungono 3 ramaioli di acqua.
Il tutto si deve ben insaporire perché è questo che darà sapore alla farinata.
Si prepara la farina per la polenta e si aggiunge al cavolo tutta l'acqua dei fagioli (se ne aveste troppa ne metterete meno).
Quando bolle si inizia ad aggiungere la farina a pioggia mescolando per non far formare i grumi, deve poi cuocere a fuoco lento per 20 minuti circa, ma sta a voi vedere quando diventa soda e dipende da come la preferite se più o meno liquida.
Se insieme ai fagioli schiacciati ne volete mettere alcuni interi e qualche pezzettino di prosciutto salato cotto (quello cotto con i fagioli) va benissimo.

Vi chiederete cosa fare del prosciutto e dei fagioli avanzati... condite i fagioli con dell'ottimo olio di oliva e mangiateli con il prosciutto e pane toscano arrostito... un paradiso in terra, dopo vi consiglio una buona camminata perché non é proprio una ricetta leggera e poco calorica: i contadini ne mangiavano e lavoravano nei campi per tutto il giorno!!!
Sembra difficile ma é molto semplice, e poi le dosi non sono cosí fisse mianonna facendola da sempre va a occhio.
Immagine

Le mie FOTO
Il mio blog
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda Frabattista » 14 set 2007, 17:39

Ila il cavolo nero a piace moltissimo e questo piatto sembra davvero adatto per le giornate fredde ... quindi è una polenta saporitissima! pensa che non conoscevo per niente questa ricetta e ho pensato in un primo momento che fosse di farina di ceci!!!!!!! :oops:
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Messaggioda luvi » 14 set 2007, 18:20

:D in casa sono golosi di cavolo nero.. però ila appena arriva il freddo devi farla che voglio vedere com'è! :D
luvi
 

Messaggioda benedetta lugli » 16 set 2007, 21:40

Questa è la versione che si fa in casa mia, più semplice ma ugualmente ideale per le serate invernali.

Farinata

Lessare gr 250 di fagioli borlotti, messi a bagno la sera prima.
Lavare e privare delle coste dure, sfilandole, le foglie di due mazzi di cavolo nero, e tagliarle a listerelle.
Far appassire due porri tagliati a fettine in abbondante olio evo, unire il cavolo preparato e far stufare a fuoco dolce.
Aggiungere i fagioli lessati, passandone al passaverdura circa la metà insieme alla loro acqua di cottura; aggiustare di sale e far insaporire per qualche minuto.
Versare a pioggia la polenta gialla, girando per non fare grumi, mettendone la giusta quantità per ottenere una farinata densa (piuttosto soda) ma un po' meno della normale polenta.
Si serve con un C d'olio crudo e se avanza si può affettarla ed arrostire sulla brace o friggere in padella, e questa sì che è la sua morte! :D
Cucino per amore
Avatar utente
benedetta lugli
 
Messaggi: 403
Iscritto il: 27 nov 2006, 21:34
Località: firenze


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee