Farina integralissima

Dubbi, consigli, attrezzi & c

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Farina integralissima

Messaggioda Luciana_D » 2 ott 2009, 20:33

Della serie:credevo fosse amore invece era un calesse :lol:
La mia manitoba si e' rivelata una superintegrale (granary)

Immagine

A vostro avviso posso usarla per i soliti pani che faccio? oppure :?
Consigliatemi qualcosa *smk*
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Farina integralissima

Messaggioda Sandra » 2 ott 2009, 21:24

Scusa ma se é manitoba e tu non vuoi i resuidi di chicchi perche' non la setacci?In altri casi la userai cosi' ovvio!! :D
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8435
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Farina integralissima

Messaggioda cinzia cipri' » 2 ott 2009, 22:04

io, spesso, faccio il pane e aggiungo i semi vari perche' ne vado matta! (e poi fanno bene a tante cose :P )
Secondo me puoi farlo benissimo
Prova a vedere come reagisce con il piu' riuscito dei tuoi pani.
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: Farina integralissima

Messaggioda Luciana_D » 3 ott 2009, 6:16

Sandra ha scritto:Scusa ma se é manitoba e tu non vuoi i resuidi di chicchi perche' non la setacci?In altri casi la userai cosi' ovvio!! :D

Sandra non e' una manitoba dichiarata ma e' comunque una farina di forza .Il suo contenuto di proteine e' 14,7gr.
ha fibre e semi.
Per il pane passi ma per il panettone e pandoro devo pensarci :lol:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Farina integralissima

Messaggioda giornalista.cuoco » 3 ott 2009, 10:00

Luciana_D ha scritto:
Sandra ha scritto:Scusa ma se é manitoba e tu non vuoi i resuidi di chicchi perche' non la setacci?In altri casi la userai cosi' ovvio!! :D

Sandra non e' una manitoba dichiarata ma e' comunque una farina di forza .Il suo contenuto di proteine e' 14,7gr.
ha fibre e semi.
Per il pane passi ma per il panettone e pandoro devo pensarci :lol:

Ovviamente potrebbe anche essere una manitoba (cioè una farina ricavata da grani della qualità north spring, ricavata nel Manitoba, in Canada), perché la varietà del grano e la forza non c'entrano niente con l'abburattamento. Dal colore però non mi sembra una farina integrale (ma potrebbe essere un effetto della foto: in realtà è scura?), bensì una farina tipo 0 con aggiunta di semi (in ogni caso i semi sono aggiunti, perché macinando il chicco intero viene appunto una farina integrale, non una farina con semi).
Comunque, se fosse integrale o comunque poco raffinata, vedi un po' se setacciandola ti si separa la crusca dal resto (spesso la crusca si stacca dalla farina e non passa per le maglie del setaccio). In tal caso usi la farina setacciata per fare i dolci lievitati (o altri lievitati che richiedono l'uso o per i quali preferisci farina bianca) e conservi la crusca per altri usi.
Francesco
giornalista.cuoco
 
Messaggi: 394
Iscritto il: 17 ago 2009, 0:56

Re: Farina integralissima

Messaggioda Luciana_D » 3 ott 2009, 10:55

giornalista.cuoco ha scritto:
Luciana_D ha scritto:
Sandra ha scritto:Scusa ma se é manitoba e tu non vuoi i resuidi di chicchi perche' non la setacci?In altri casi la userai cosi' ovvio!! :D

Sandra non e' una manitoba dichiarata ma e' comunque una farina di forza .Il suo contenuto di proteine e' 14,7gr.
ha fibre e semi.
Per il pane passi ma per il panettone e pandoro devo pensarci :lol:

Ovviamente potrebbe anche essere una manitoba (cioè una farina ricavata da grani della qualità north spring, ricavata nel Manitoba, in Canada), perché la varietà del grano e la forza non c'entrano niente con l'abburattamento. Dal colore però non mi sembra una farina integrale (ma potrebbe essere un effetto della foto: in realtà è scura?), bensì una farina tipo 0 con aggiunta di semi (in ogni caso i semi sono aggiunti, perché macinando il chicco intero viene appunto una farina integrale, non una farina con semi).
Comunque, se fosse integrale o comunque poco raffinata, vedi un po' se setacciandola ti si separa la crusca dal resto (spesso la crusca si stacca dalla farina e non passa per le maglie del setaccio). In tal caso usi la farina setacciata per fare i dolci lievitati (o altri lievitati che richiedono l'uso o per i quali preferisci farina bianca) e conservi la crusca per altri usi.

Provero' a setacciarla perche' oltre ai semi c'e' anche crusca.
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri


Torna a Carabattole e pignate

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee