Dolci di Carnevale...

Ricette di pasticceria

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, anavlis

Messaggioda Dida » 30 gen 2007, 14:13

Voilà.

CASTAGNOLE

Ingredienti:
5 uova freschissime 3 cucchiaiate rase di zucchero semolato due cucchiaiate di olio evo due cucchiaiate di grappa bianca secca farina bianca 00 q.b. sale fine olio di soia per friggere o strutto
In una ciotola sbattere le uova con lo zucchero e quando saranno bianche e spumose aggiungere l'olio e incorporarlo perfettamente. Unire un pizzico di sale, la grappa e tanta farina quanta ne basta per ottenere un impasto morbido. Spolverizzarsi le mani di farina e formare delle palline grandi come una noce. Portare ad ebollizione abbondante acqua e gettarvi poche palline per volta. Appena vengono a galla scolarle e metterle ad asciugare su un telo doppio. In una padella stretta e profonda mettere a scaldare abbondante olio di soia. Quando è bello caldo (fare la prova stecchino) mettere a cuocere 4 o 5 palline per volta: non metterne di più perché gonfiano riempiendo la pentola. Le castagnole ci mettono un po†a cuocere e sono pronte quando sono gonfie.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2895
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Messaggioda elisabetta » 30 gen 2007, 15:38

E' la stessa ricetta delle zeppole di San Giuseppe, somiglia molto alle sfince sicliane, solo che la crema di ricotta o anche nutella o crema pasticcera va siringata dentro.

Zeppole ripiene


250 gr di acqua
220 gr di farina 00
80 gr di burro o strutto
1 cucchiaino da caffè di sale
5 uova da 65 gr
limone gratt.
Portare ad ebollizione l'acqua col burro e il sale, versare la farina e girare velocemente, far asciugare sul fuoco per 1 minuto.Far raffreddare la pasta e unire le uova, uno per volta, mescolando con la frusta K.Unire il limone grattugiato.La pasta deve risultare densa come una crema pasticcera soda, aggiungere l'ultimo uovo poco per volta, nel caso fosse già ottimale, metterne metà.Friggere a cucchiaiate con l'olio di arachidi o strutto non bollente, aumentare a metà cottura la fiamma.Dopo averle tolte dall'olio, raffreddarlo unendo altro olio freddo, poi ripetere l'operazione.
Riempire le zeppole con crema ricotta(quella dei cannoli)con una siringa o con nutella o crema zabaione.Spolverizzare con zucchero semolato o a velo.
Ultima modifica di elisabetta il 14 feb 2007, 9:31, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
elisabetta
 
Messaggi: 1243
Iscritto il: 26 nov 2006, 17:02
Località: vico equense

Messaggioda Maria Francesca » 1 feb 2007, 14:47

La mia ricetta:

CHIACCHERE DOC

250 gr di farina 00
30 gr di burro
2 uova
20 gr di zucchero
2 cucchiai di grappa
1 bust. vanillina
1 pizz. di sale

olio per friggere
zucchero al velo

Impastare, come al solito, passarle alla nonna papera, sottilissime, darle la forma e friggerle poco per volta in olio profondo, attenzione, cuociono subito. Scolarle su carta assorbente, e sistemarli su di un vassoio, spolverizzando con tanto zucchero al velo!!!!
:wink:
Avatar utente
Maria Francesca
 
Messaggi: 171
Iscritto il: 25 nov 2006, 23:54
Località: Pizzo

Messaggioda ddaniela » 1 feb 2007, 14:51

Dal libro dei dolci dell'alto adige:
(vorrei provare a cuocerli in forno, che ne dite?)


SGONFIOTTI DI MELE e cannella

500g FARINA
35g LIEVITO DI BIRRA
¼ litro latte
60g burro
60g zucchero
sale
scorza di limone
2 uova
400g mele
70g uva sultanina
zucchero e cannella

Setacciare la farina e formare la fontana. Mescolare il lievito con il latte e un cucchiaino di zucchero, versarlo nella fontana e spolverare di farina. Lievitare 15 minuti. Aggiungere il burro fuso raffreddato, lo zucchero, un pizzico di sale, la scorza di limone e le uova al lievito e lavorare tutto. Far lievitare, poi lavorare di nuovo e rilievitare. Dividere la pasta in due parti uguali e stenderle in due rettangoli. Mettete su ogni rettangolo le mele a pezzetti e l'uvetta e arrotolatelo su se' stesso. Ritagliare dai rotoli delle fette di circa 1, 5-2 cm di spessore e far lievitare un po'. Friggere in olio bollente e servire spolverizzate di zucchero e cannella.
Avatar utente
ddaniela
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:03

Messaggioda Rossella » 1 feb 2007, 15:01

ddaniela ha scritto:Dal libro dei dolci dell'alto adige:
(vorrei provare a cuocerli in forno, che ne dite?)


SGONFIOTTI DI MELE e cannella

500g FARINA
35g LIEVITO DI BIRRA
.

per incominciare diminuirei drasticamente il lievito :shock: per il forno non lo so, puoi provarli entrambi e poi ci racconti ;-))
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14278
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda ddaniela » 1 feb 2007, 15:07

Rossella ha scritto:
ddaniela ha scritto:Dal libro dei dolci dell'alto adige:
(vorrei provare a cuocerli in forno, che ne dite?)


SGONFIOTTI DI MELE e cannella

500g FARINA
35g LIEVITO DI BIRRA
.

per incominciare diminuirei drasticamente il lievito :shock: per il forno non lo so, puoi provarli entrambi e poi ci racconti ;-))


lo sai che con me sfondi una porta aperta :(

Quando li ho fatti la prima volta (fritti) ho seguito le dosi ma ora li farei anche io con molto meno lievito 8)
Avatar utente
ddaniela
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:03

Messaggioda Rossella » 1 feb 2007, 15:13

ddaniela ha scritto:
Rossella ha scritto:
ddaniela ha scritto:Dal libro dei dolci dell'alto adige:
(vorrei provare a cuocerli in forno, che ne dite?)


SGONFIOTTI DI MELE e cannella

500g FARINA
35g LIEVITO DI BIRRA
.

per incominciare diminuirei drasticamente il lievito :shock: per il forno non lo so, puoi provarli entrambi e poi ci racconti ;-))


lo sai che con me sfondi una porta aperta :(

Quando li ho fatti la prima volta (fritti) ho seguito le dosi ma ora li farei anche io con molto meno lievito 8)

ecco cosi ci racconti la differenza :P
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14278
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Eledigi » 1 feb 2007, 15:50

Arrivo...

LA CICERCHIATA DI NONNA GINA

Ingr. 250 gr di miele, 150 gr di zucchero, 100 gr di mandorle tostate a pezzi. Per l'impasto: 2 cucchiai di olio di oliva, 3 cucchiai di liquore all'anice, 2 cucchiai di zucchero, 2 uova, 1 limone, 2-3 etti di farina circa.
In una terrina sbattere le uova intere, aggiungere l'olio, il liquore, la scorza del limone grattugiata e lo zucchero. Unire a poco a poco la farina necessaria per ottenere un impasto compatto ma morbido. Da questo impasto ricavare dei filoncini di circa 1 cm di larghezza, da cui tagliare col tagliapasta dei piccoli gnocchetti (come una nocciola). Friggerli in olio bollente finche'si gonfiano e diventano appena dorati. Scolarli e asciugarli bene. Versare il miele e lo zucchero in una capace pentola, far sciogliere su fiamma bassa. Quando il composto e' sciolto unire tutte le palline e le mandorle e amalgamare sempre tenendo sul fuoco la pentola. Versare in uno stampo col buco, meglio se foderato con carta da forno unta di olio, e dare la forma premendo bene per far aderire. Lasciar raffreddare e sformare, cospergendo se si vuole con poco zucchero a velo. Et voilà!

Questa da uno speciale della Cucina Italiana:
Nodi allo yogurt
Ingredienti: 350 gr. di farina; 150 gr. di yogurt (io uso quello bianco cremoso); 100 gr. di zucchero; 3 tuorli; lievito in polvere; buccia di limone grattugiata; zucchero a velo; olio; sale.
Lavorate nell'impastatrice munita di frusta a gancio, la farina con i tuorli, lo zucchero, lo yogurt, un cucchiaino di lievito, la buccia di limone e un pizzico di sale. Trasferite poi la pasta sulla spianatoia, lavoratela brevemente, quindi fatela riposare 30 e, successivamente tiratela con la macchinetta in sfoglia molto sottile che taglierete a strisce da annodare. Friggete i nodi nell'olio bollente (io spesso uso lo strutto), quindi scolateli su carta assorbente e spolverizzateli di zucchero a velo.


E queste di casa mia:
LIMONCINI O ARANCINI
Ingred. 1 uovo, 1 bicchiere di latte, 20 gr di lievito di birra, 1 cucchiaio di zucchero, 1 spruzzatina di mistra', 350 gr di farina circa (per un impasto sodo da tirare a sfoglia).
Per il ripieno: scorza di 1-2 limoni grattugiati (a seconda della grandezza), 1 bicchiere di zucchero.
Impastare tutti gli ingredienti per la pasta e stenderla con il matterello. Quando e' stesa cospargere con il ripieno (viene una specie di poltiglia) arrotolare il tutto e lasciar lievitare coperto con un panno. Infine, tagliare delle rondelle di circa 1 cm e friggere in olio bollente. Una volta fritte e scolate, cospargere di zucchero a velo.
Avatar utente
Eledigi
 
Messaggi: 299
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:05
Località: Macerata

Messaggioda Eledigi » 1 feb 2007, 15:53

Dimenticavo queste di Patrizia Cencioni, messe anni fa su cucinait.
Io le trovo ottime:
CIAMBELLINE ALLA RICOTTA.

è una ricetta della nonna....imparate a fare da piccolina.....sono deliziose"anche perchè piene di ricordi!!!"3uova intere 3 etti di ricotta (pecora è + saporita) la buccia di 1 limone grattugiato, 1lievito x dolci, 2/3cucchiai di zucchero, farina 00 quanta ne prende per ottenere un impasto che non si appiccica alle mani.Impastare velocemente gli ingredienti e far riposare il composto x almeno 30' formare dei cordoni e poi delle ciambelline, prepararle tutte così da farle riposare un pò e poi friggerle in olio caldo abbondante e spolverizzare con una miscela di zucchero a velo + zucchero grezzo.Buon appetito!!!ciao Patrizia
Avatar utente
Eledigi
 
Messaggi: 299
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:05
Località: Macerata

Messaggioda Eledigi » 1 feb 2007, 15:56

Mio modestissimo parere: i fritti di Carnevale sono quasi tutti meglio fritti. Le uniche che forse, dico forse, sono buone anche al forno sono alcune chiacchiere. Quelle ad impasto piuttosto panoso, per intenderci.
Altro modesto parere: spesso friggere con lo strutto da' risultati migliori, fritti più asciutti.
Anche negli arancini/limoncini, volendo, si può diminuire un po' il lievito, ma secondo me va bene cosi'. Si gonfiano bene in cottura e rimangono morbidi.
Avatar utente
Eledigi
 
Messaggi: 299
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:05
Località: Macerata

Messaggioda Typone » 15 feb 2007, 11:19

"Orecchie di Amman", dolce della tradizione ebraica per la festa di PURIM
che sarebbe il carnevale.

ORECCHIE DI AMMAN

Ingredienti:
4 uova - 100gr di olio vegetale - 1 cucchiaino di zucchero - cannella - qualche fetta di mele - 1 bicchierino di liquore o di vino - farina in proporzione.

Impastate bene il tutto e fate una pasta morbida e liscia che stenderete col matterello a sfoglia sottile.
Friggete subito le orecchie di Amman in olio caldo e abbondante.
Appena cotte spolverate di zucchero a velo.

Ricetta di: http://www.jewishlife.it
Typone
 

Messaggioda Danidanidani » 15 feb 2007, 13:18

Typone ha scritto:"Orecchie di Amman", dolce della tradizione ebraica per la festa di PURIM
che sarebbe il carnevale.

ORECCHIE DI AMMAN

Ingredienti:
4 uova - 100gr di olio vegetale - 1 cucchiaino di zucchero - cannella - qualche fetta di mele - 1 bicchierino di liquore o di vino - farina in proporzione.

Impastate bene il tutto e fate una pasta morbida e liscia che stenderete col matterello a sfoglia sottile.
Friggete subito le orecchie di Amman in olio caldo e abbondante.
Appena cotte spolverate di zucchero a velo.

Ricetta di: http://www.jewishlife.it


Ho delle versioni simili (più zucchero e niente cannella, con scorza di limone grattugiata), ma tutte senza mele.E non ho capito:le mele si amalgamano alla pasta e poi il tutto si spiana col matterello? tagliate sottilissime o come? Grazie Daniela :? :?
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 3214
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Messaggioda Typone » 15 feb 2007, 13:41

Mah...non so cosa ci fanno 'ste mele...Non ne parlano né Claudia Roden né Edda Servi Machlin nei loro libri. Boh...

T.
Typone
 

Messaggioda Eledigi » 16 feb 2007, 8:48

Io credevo invece che si facessero principalmente proprio cosi', con un procedimento simile a quello dei bingé, anche perché spesso, per lo meno nelle mie zone, vengono farcite.
Buonissime!!!
Ne mangio a chili.
Dida, ho fatto la tua ricetta con l'uvetta e la trovo ottima!!
Avatar utente
Eledigi
 
Messaggi: 299
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:05
Località: Macerata

Messaggioda Dida » 16 feb 2007, 9:09

Grazie Elena, anche a me piacciono molto con l'uvetta.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2895
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Messaggioda elisabetta » 19 feb 2007, 14:59

Metto anche la mia ricetta di chiacchiere, piaciute molto ai miei figli, al punto che Fabio mi ha detto: e non cambiare più la ricetta!!


Chiacchiere

300 gr di farina
20 gr di amido di mais
1 uovo da 70gr
20 gr di burro
35 grdi zucchero
6 gr di sale
limone gratt.
1 bicchierino di grappa
vino bianco 1 bicchierino circa(q.b. ad ottenere un impasto duro)
1 pizzico ammoniaca

Lavorare tutti gli ingredienti, impastando bene fino ad ottenere un impasto
consistente e non molle.Far riposare per un'ora.
Stendere la pasta con la Imperia, passandola più volte per le varie trafile, infarinando ogni volta.Per ultimo passarle alla trafila n°4, tagliare a strisce e friggere in olio abbondante per pochi minuti, spolverizzare con zucchero a velo.
Avatar utente
elisabetta
 
Messaggi: 1243
Iscritto il: 26 nov 2006, 17:02
Località: vico equense

Messaggioda Maria Francesca » 19 feb 2007, 15:00

Dida ha scritto:Grazie Elena, anche a me piacciono molto con l'uvetta.


Fatti, anch'io sabato, buoni. L'unica cosa che ho riscontrato è che si sono scuriti un pò in cottura, ho provato a cuocerli di meno, ma all'interno rimanevano crudi, sarà stato quel cucchiaio di zucchero nell'impasto che se non sbaglio serve proprio a questo!!!!! :wink:
Avatar utente
Maria Francesca
 
Messaggi: 171
Iscritto il: 25 nov 2006, 23:54
Località: Pizzo

Messaggioda lella » 19 feb 2007, 16:07

Metto anche la mia ricetta delle castagnole, i miei dolci di carnevale preferiti

CASTAGNOLE LELLA

Ingredienti:
400 farina 00
100 zucchero
60 burro
1 uovo + 2 tuorli
1 limone non trattato
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale
2 cucchiai di grappa
zucchero al velo
olio per friggere

Preparazione:
Montare le uova con lo zucchero fino a renderle spumose, aggiungere la farina setacciata con il lievito, la scorza grattugiata di limone, il burro sciolto, la grappa e il sale e lavorare fino ad ottenere una pasta della consistenza di una frolla morbida.
Prelevare piccoli pezzi di pasta , formare dei cilindretti di circa 2, 5cm di diametro, poi tagliare tronchetti di circa 2cm. Arrotolare ogni pezzo tra le mani e praticare un taglietto sulla superficie (con le forbici). Con questa dose si ottengono circa 90 castagnole.
Friggere in olio profondo poche palline per volta e quando saranno gonfie e dorate farle asciugare su carta da cucina.
Spolverizzare di zucchero al velo.
lella garbellotto
lella
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 25 nov 2006, 20:51
Località: pioltello(mi)

Messaggioda Lucy » 20 feb 2007, 11:27

ciao, ti metto la ricetta di mia suocera, che fa dei "FIOCCHI" (da noi si chiamano così) buonissimi:
2 uova; 4 cucchiai di zucchero; 1 limone grattugiato; 50 gr. burro fuso; 1 bicchiere di latte; 1 bustina di lievito vanigliato, farina quanta ne prende. E' logico che se vuoi dei dolci gonfi e morbidi non devi eccedere con la farina, e quindi praparare dei tagli dallo spessore un po' alto. Friggi e poi spolvera con zucchero e se vuoi passa sopra archems (si scrive così?!).
Se ho tempo stasera li faccio. :lol: :lol: :lol: :lol: D:Do :-P<^
Lucy
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 19 dic 2006, 10:50
Località: Arezzo

Crostoli di Carnevale

Messaggioda Frabattista » 20 feb 2007, 15:33

Crostoli di Carnevale
Si tira una normale sfoglia all' uovo circa 1 uovo per etto di farina, si sfoglia quanto più sottile, si taglia a rettangoli e vi si praticano dei tagli senza arrivare a al fondo del rettangolo, si sovrappongono le strisce così ottenute formando i crostoli.
Si friggono in un padellino piccolo ma colmo di olio 1 o 2 alla volta: la cottura deve essere veloce, i crostoli di semplice pasta all'uovo sono molto delicati, vanno cotti in olio fondo, rigirati velocemente, non deve aumentare troppo la temperatura perché si scuriscono in fretta. I crostoli cotti al punto giusto devono essere di un giallo oro chiaro, presentarsi molto bollosi ed essere particolarmente friabili
Non essendo dolci ed avendo un sapore delicato, vanno spolverati abbondantemente di zucchero a velo vanigliato, con la panna montata non zuccherata diventano irresistibili.

Immagine

Ho preparato anche le castagnole di Dida! Ho seguito le istruzioni anche se ero incerta sulla consistenza della pasta, le ho lessate poi fritte: nell'insieme ricordano le castagnole che faceva la mia vicina di casa ma è diversa la consistenza: quelle di Dida sembrano davvero bignè fritti, si formano bolle all'interno, sono abbastanza asciutte e quelle cotte meglio presentavano una consistenza uniforme.
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 985
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Prossimo

Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee