La Cupeta della Valtellina

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

La Cupeta della Valtellina

Messaggioda natalia » 7 feb 2008, 19:46

Oggi sono stata a sciare e durante la pausa pranzo a base di panino e succo, ascoltavo la discussione di 3 tipe che parlavano di Cupeta; insomma, una delle 2 aveva portato una scorta fatta la settimana prima da dividere con le amiche.
Potete ben immaginare che dalla mia testolina si è accesa la lampadina, ma purtroppo non ho avuto la faccia tosta di chiedere la ricetta ad un' emerita sconosciuta :oops:

In ogni caso tornata a casa ho cercato la ricetta tra i miei libri e quaderni vari; ero sicura di averla però non l'ho trovata.
Allora ho cercato su Internet e ho trovato ricette della Cupeta provenienti da tutt' Italia...e io che credevo che fosse solo valtellinese :|? .
Non mi sono lasciata prendere dal panico e con mia somma gioia ho trovato la ricetta della mitica Bruna Cipriani, chiavennasca doc e una vera istituzione in ambito gastronomico; ora mia sorella è molto felice perchè la prossima volta che andremo a sciare avrà una bella merenda energetica.

Qualcuno di voi a qualche ricetta simile?
Io vedevo anche la versione solo mandorle e zucchero ma mi sa troppo di croccante.
Questa se mi verrà come quella che mangio solitamente in pasticceria è bella morbidosa.
Al più presto la prova


CUPETA DELLA VALTELLINA DI BRUNA CIPRIANI
Ingredienti (x 4 persone):
300 gr. di miele
100 gr. di zucchero
300 gr. di gherigli di noci spellate
2 fogli di ostia

In un tegame amalgamare il miele con lo zucchero, fino ad ottenere un composto piuttosto denso, avendo cura di rimestarlo per evitare che si attacchi e bruci. Nel frattempo, spellare e tritare finemente i gherigli di noce. Terminate entrambe le operazioni, unire le noci al miele zuccherato amalgamando bene il tutto. Disporre un foglio di ostia sulla lastra di marmo e farvi scivolare sopra il composto di miele e noci. Aiutandosi con il matterello, stenderlo fino ad uno spessore di circa 3 cm., coprire il tutto con il secondo foglio e tagliare a pezzetti.
SUGGERIMENTO: Per togliere la "pellicina" delle noci più facilmente, farle tostare in forno per circa 10 minuti.
Se la vita non ti sorride tu falle il solletico

Il mio Flickr
Avatar utente
natalia
 
Messaggi: 91
Iscritto il: 31 ago 2007, 8:17
Località: Chiavenna [Sondrio]

Re: La Cupeta della Valtellina

Messaggioda Rossella » 7 feb 2008, 19:50

natalia ha scritto:Non mi sono lasciata prendere dal panico e con mia somma gioia ho trovato la ricetta della mitica [b]Bruna Cipriani, chiavennasca doc[/b] e una vera istituzione in ambito gastronomico; .

è davvero brava Bruna Cipriani del forum di Coquinaria, :D , Natalia devi aggiungere il link alla ricetta :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: La Cupeta della Valtellina

Messaggioda Mariella Ciurleo » 8 feb 2008, 8:51

In Toscana esistono dei dolci simili che si chiamano copate!
Mariella
Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono (G. Gaber)
Avatar utente
Mariella Ciurleo
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 4 dic 2006, 8:28
Località: Roma (Q.re Talenti)

Re: La Cupeta della Valtellina

Messaggioda natalia » 8 feb 2008, 12:34

Se la vita non ti sorride tu falle il solletico

Il mio Flickr
Avatar utente
natalia
 
Messaggi: 91
Iscritto il: 31 ago 2007, 8:17
Località: Chiavenna [Sondrio]

Re: La Cupeta della Valtellina

Messaggioda Dida » 8 feb 2008, 16:13

Ho trovato questo in rete e mi sembra interessante.

La cupeta: una vecchia ricetta
La cupéta è un dolce tipico di Santa Lucia che viene preparato nel periodo natalizio. Ecco una sua ricetta antica che risale al 1730.
Preparazione: prendasi di miele il più scelto libbre cinque capace d’assai più, si faccia bollire gentilmente finché gettandole un poco in acqua il miele si appiglia; allora si leva dal fuoco e subito vi si aggiunge la metà, cioè due libbre e mezza, di noci grossamente ammaccate; e vi si mettano anche circa quattro soldi di pane di fromento grattato; ed oncia una e mezza in circa di pepe, od a grado altre spezierie in polvere e vi si marita con prestezza il tutto, ben dimenando finché sia vicino a raffreddarsi; caldetto però va disteso in tavola con sotto uno strato di ostie, alla grossezza solita del torrone tirandolo con il cucchiaio di legno, poi si copre con altre ostie; e sopra vi si pone un’asse moderatamente pesante per ben agguagliarlo; e prima che totalmente sia freddo, col coltello unto di butirro fresco si taglia in pezzetti a proprio piacimento; e si ripone ad aria asciutta acciò non rinvenga. Ma coppetta troppo volgare. Per farla civile ed onorevole conviene farla qual accennai alla moda del toron, senza pane grattato, e senza pepe; la metà sola di quella che è il miele sian le noci; e per ogni liretta d’onze 12 che sia il miele, si abbin sparecchiati due chiari d’ovo ben sbattuti, d'aggiungerli al suo tempo. Io mi diporto in tal guisa: fo bollir il miele a fuoco di carbone sempre dimenandovi dentro alla gagliarda, che non si possi alzar di bollore; facendole cascar una goccia in piatto di peltro subito che si può maneggiare senza che si attacchi alle dita; vi si aggiunga la metà dei chiara d’ovo, e proseguendo sul fuoco delicato a menare gagliardo sinché la goccia posta nel piatto a raffreddare va in pazzi al battervi sopra colla costa di un coltello; subito allora vi si mischiano le noci quelle spezierie che più gradiscono; a me va per umore la cannella garoffolata; basterà un’oncia per ogni peso di coppetta. Ben calda si stende sopra lo strato delle ostie, e si fa quanto già descrissi. La sua perfezione consiste nello spezzarsi sotto i denti. Le noci non abbino del rancido, il miele sia del più scelto.
(Cinzia Antonioli, Cinzia Rezzoli)

http://www.alberghierabormio.it/progett ... cupeta.htm
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2199
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Re: La Cupeta della Valtellina

Messaggioda natalia » 8 feb 2008, 16:39

eh si l'avevo letta anche io ieri ma mi sembrava un pò troppo retrò...ma simpaticissima :D
Se la vita non ti sorride tu falle il solletico

Il mio Flickr
Avatar utente
natalia
 
Messaggi: 91
Iscritto il: 31 ago 2007, 8:17
Località: Chiavenna [Sondrio]

Re: La Cupeta della Valtellina

Messaggioda zoster » 27 dic 2014, 15:22

<^UP^>

la chiamano anche " copeta valtellinese " oppure Cupèta
Avatar utente
zoster
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 276
Iscritto il: 30 nov 2006, 23:22
Località: Fabrica di cioccolato di Willy Wonka


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee