Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda Frabattista » 13 nov 2015, 16:45

DSC_8515 copia.jpg


Ingredienti:

2 bicchieri di polenta bianca precotta con poco più di un bicchiere d'acqua, o seguendo le dosi consigliate per una polenta soda
3/4 Filetti di pesce (orata, scorfano, gallinella, o altro a piacere)
5 cucchiai da minestra di salsa di pomodoro oppure una 8/10 pomodorini dolci
5 fiori di zucca (facoltativi)
mezzo bicchiere di vino bianco già sfumato
un cucchiaino di prezzemolo o un ciuffo di basilico
uno spicchio di aglio
olio evo, sale qb

1) Preparo la polenta, con il pesce preferisco quella bianca, la stendo uniformemente alta circa uno o due centimetri in una teglia rivestita di carta forno unta, la rosolo in forno e ricavo crostini. In alternativa stendo la polenta su un piano leggermente unto, ricavo i crostini e li rosolo sulla piastra. Mi aiuto a spianare la polenta con una paletta di silicone.

2) Sfiletto, o faccio sfilettare dal pescivendolo, il pesce: in questo caso 2 filetti di un'un'orata e un filetto di scorfano. Dell'orata ho portato a casa lisca e testa che mi serve per il brodo di pesce; in genere lo congelo per usi futuri. Faccio stufare in padella qualche rondella di porro e uno spicchio di aglio, aggiungo un po' di passata, i filetti di pesce tagliati a dadi, un pizzico di sale, il vino che avevo fatto sfumare in precedenza, poi quando il ragout è quasi pronto un cucchiaino di prezzemolo e, nel caso siano ancora disponibili, qualche fiore di zucca tagliato a striscioline; per ultimo tolgo lo spicchio di aglio e giro un filo d'olio al momento di spegnere il fuoco

3) Dispongo il ragout sui crostini e l'antipasto è pronto!

Note:
A) non a tutti piace l'abbinamento pesce fiori di zucca, in questo caso si omettono senza tanti problemi, oppure per il gusto di alcuni è meglio abbinare pesce con fiori di zucca saltando il pomodoro. Se avessi avuto disponibilità di basilico lo avrei usato al posto del prezzemolo, ovviamente mettendolo in ultimo.

B) La ricetta è liberamente tratta dalla rivista on line Agrodolce nella quale viene dato come ingrediente da abbinare al pesce i pomodorini che avrei usato volentieri se li avessi trovati ancora dolci. Io li avrei spaccati e asciugati un po' al forno così da aggiungerli brevemente al pesce poco prima di spegnere il fuoco.

DSC_8502 copia.jpg
DSC_8510 copia.jpg


E' una ricetta veloce che è piaciuta e ha fatto anche bella figura!!! <hay
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Re: Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda miao » 13 nov 2015, 17:02

Molto sfiziosa e semplice da fare , appena trovo il pesce buono adatto e fresco la faro' adesso la salvo grazie Stefania, *smk*
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3590
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda rosanna » 13 nov 2015, 17:20

Semplice e gustosissima ! Sai che non conosco la polenta bianca ? La ricetta mi attira , vado subito a cercare la polenta da Naturasi :-P o :p ^fleurs^
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4406
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda titione06 » 13 nov 2015, 17:54

mi piace molto : Thumbup :
Christiane
titione06
 
Messaggi: 882
Iscritto il: 25 nov 2010, 18:04
Località: BIOT in FRANCIA

Re: Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda anavlis » 13 nov 2015, 18:50

Un'idea molto carina : Thumbup : :clap: :clap: adoro i fiori di zucca e li vedo bene con il pesce. La polenta bianca di cosa è fatta? la sconosco. la vedrei anche grigliata, che ne pensi?
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10414
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda politiz29 » 13 nov 2015, 19:12

Silvana, la polenta bianca a differenza di quella gialla.... è fatta col mais : Chessygrin :

per il resto, oltre a questa ricetta ottima con i crostini al forno io vi consiglio una cosa spaccafegato che potrebbe sfiziarvi, fare i crostini friggendoli in olio.
Attenzione devono essere ben asciutti all'esterno prima di tuffarli nell'olio, provare per credere, diventano di una croccantezza unica con un cuore morbido e ustionante all'interno
Ma vi pare che si debba fare una vita mangiando da malato... per morire sano???Immagine

Immagine

Meglio l'ira del leone... che l'amicizia delle iene
saluti, Tiziano (il leone)
prima legge universale della termodinamica di Mancuso: kill shfortunat, a pingghia 'ngul pur assttat
Avatar utente
politiz29
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 15 mar 2010, 11:51
Località: Pordenone

Re: Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda Frabattista » 13 nov 2015, 19:47

Mi fa piacere che questa ricettuzza vi invogli! :-)

La polenta bianca come dice Politz è sempre mais, io non la conoscevo fino a quando da ragazza l'ho mangiata preparata dalla mamma di mia cognata ferrarese doc, servita con la tinca al forno e poi in seguito anche da mia suocera metà veneta e metà ferrarese. A casa di mia madre invece, in Romagna, non sapevano nemmeno che esisteva. Qui si usa volentieri con il pesce. Comacchio nella nostra provincia, pur essendo un territorio da sempre isolato tra le valli, che ha tradizioni gastronomiche tutte sue, risente in qualche modo dell'influsso della vicina Ravenna e l'anguilla viene sempre accompagnata da fette abbrustolite di polenta gialla.

Silvana questi crostini andrebbero proprio grigliati, ma mi sono dovuta arrangiare perchè dovevo preparare un certo numero di questi antipasti in poco tempo così alcuni li ho passati al forno e altri li ho abbrustoliti: meglio decisamente i secondi inoltre la polenta era stata appena preparata e non è stato facile staccarli dalla piastra di ghisa (quella ondulata)

ahh dimenticavo .... fritti dovrebbero essere divini, ma bisogna controllare la quantità d'olio nel ragout: molto poco mentre quelli che ho preparato tenevano conto che avrebbero condito una polenta decisamente "magra" : Chessygrin :
Avatar utente
Frabattista
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 6 gen 2007, 15:52
Località: Ferrara

Re: Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda anavlis » 13 nov 2015, 20:31

Grazie per i chiarimenti *smk* la polenta mi piace molto e la mangio sempre volentieri! anche se non conosco bene i passaggi per preparare una buona polenta e vado sul precotto :result^
Mi devo impegnare di più! mia figlia, ormai nordista, la prepara molto bene (dopo qualche spatascio) sta affinando il gusto e cerca delle buone farine di mais. Sarà la mia maestra.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10414
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Crostini di polenta con ragout di pesce in tre mosse

Messaggioda Clara » 13 nov 2015, 21:07

Bella ricetta, grazie Stefania . Con la polenta bianca mi hai riportato agli anni della mia infanzia, e un po' di nostalgia anche, quando si andava a trovare i parenti in Veneto, in provincia di Venezia e Treviso , nelle loro fattorie, e ricordo il paiolo di rame sul fuoco con appunto la polenta bianca.
E' particolare in effetti, meno gustosa e più delicata della comune polenta gialla, poco diffusa. Io qui l'ho vista raramente.

riporto da http://cuciniere.blogspot.it/2007/06/po ... ianca.html

Nelle cucine del Veneto (soprattutto nelle province di Venezia, di Treviso e di Padova) quasi quotidianamente fino a poche decine d'anni fa si celebrava il rituale della preparazione della Polenta, dove per Polenta si intendeva esclusivamente la Polenta Bianca. E' questo uno dei misteri gastronomici che non hanno ancora trovato una risposta, infatti in tutta Italia e anche in parte del Veneto, quando si dice Polenta non è neanche necessario specificare se Gialla o Bianca, data la predominanza della prima. Uno dei suoi tipici accostamenti, come vogliono le tradizioni della mia famiglia, è quello con il Baccalà in umido o con quello bianco!

La Polenta Bianca si ottiene dalla macinazione della parte vitrea della cariosside del mais bianco una varietà più rara e più costosa di quella gialla. La stessa nonna Giorgia (nata nel Veneto vicino a Venezia, ma cresciuta in Brianza) si ricorda infatti che la sua famiglia non perse l'abitudine di usare la polenta bianca preparandola però solo in alcune circostanza, quando l'occasione richiedeva sul desco un companatico di maggiore prestigio della comune polenta gialla, più facile da trovare qui il Lombardia. La Polenta Bianca, oltre ad un profumo meno deciso della rispettiva gialla, è più delicata e più rispettosa del piatto che a lei viene accompagnato e da lei quindi esaltato. Mentre dal punto di vista nutrizionale, i valori quasi si equivalgono tra la Polenta Bianca e quella Gialla. Altra differenza tra i due tipi di Polenta la possiamo riscontrare nel tipo di grana. Solitamente la grana della Farina Bianca è inferiore a quella della Farina Gialla.
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6370
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee