CROSTATINE DI FRUTTA

Ricette di pasticceria

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, anavlis

Re: CROSTATINE DI FRUTTA

Messaggioda rosanna » 18 mag 2010, 1:30

etta le uova sono 2 e poi c'e' il latte. Silvana anche a me e' sembrata un po' dolce :wink: calero' , facendo le proporzioni della ricetta iniziale, a 160 gr. La consistenza di questa frolla sia da cruda che da cotta mi ha soddisfatto.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 5129
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: CROSTATINE DI FRUTTA

Messaggioda anavlis » 18 mag 2010, 5:17

Rosanna, puoi dirci la tecnica che usi per la preparazione di gusci? ci farà qualche dritta che puoi darci, i tuoi sono PERFETTI!
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10914
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: CROSTATINE DI FRUTTA

Messaggioda elisabetta » 18 mag 2010, 10:22

Lo zucchero si può diminuire,anche se vedo ricette famose(tipo Etoile o di Montersino)che ne mettono 250 gr per 500 gr di farina.Non scenderei al di sotto di 150/160 gr.
Avatar utente
elisabetta
 
Messaggi: 1243
Iscritto il: 26 nov 2006, 17:02
Località: vico equense

Re: CROSTATINE DI FRUTTA

Messaggioda rosanna » 18 mag 2010, 15:42

silvana io faccio quasi sempre la sabbiatura cioe' taglio il burro freddo di frigo a pezzetti piccoli e lo unisco alla farina, sfrego le mani velocemente. Poi sbatto i tuorli con lo zucchero ( qui con aggiunta di latte) piu' aromi ed unisco i due composti. Viene una frolla elastica, perfetta. Quest'ultima di elisabetta ha pure bisogno di poco riposo in frigo.

ImmagineImmagine

nella seconda foto la farina e' unita al burro, ma considera che col freddo viene ..meglio , piu' sottile

l'esito finale e' questo

Immagine



Dopo il riposo in frigo stendo la pasta alt. max 4 mm. fra due fogli di carta forno o plastica
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 5129
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: CROSTATINE DI FRUTTA

Messaggioda anavlis » 18 mag 2010, 17:43

Grazie Elisabetta, ascolto i tuoi consigli :D
Debbo dire che, pur essendo palermitana (penso alla dolcissima cassata) preferisco tenermi un poco sotto con lo zucchero. E' solo un gusto personale. Nel mio gelo di anguria, soprattutto quando è naturalmente dolce, aggiungo pochissimo zucchero, mi piace sentire il frutto, la cannella, il gelsomino...Domenica ho mangiato il gelo di anguria di una rinomata pasticceria e sentivo lo zucchero e il gelsomino, che certamente non ha fatto sbocciare nell'acqua la sera prima, perchè questi odori artificiali sono molto pregnanti. C'era pure troppo amido! Capisco che una pasticceria deve anche pensare alla conservazione prolungata della mancata vendita e zucchero, amido, aiutano molto.

Rosanna, grazie anche a te per il passo passo. Sono stata poco chiara, come procedi alla cottura dei gusci? metti i famosi fagioli?
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10914
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: CROSTATINE DI FRUTTA

Messaggioda rosanna » 19 mag 2010, 0:34

silvana, cartaforno e fagioli ed anche tanti, che dopo dodici minuti tolgo e faccio appena dorare x altri tre minuti . Spalmo marmellata di albicocche o mandarini nel guscio delle tartellette ancora calde e, se mi sono anticipata, aspetto anche un giorno per proseguire con crema e frutta.
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 5129
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: CROSTATINE DI FRUTTA

Messaggioda cinzia cipri' » 19 mag 2010, 5:43

anavlis ha scritto:Grazie Elisabetta, ascolto i tuoi consigli :D
Debbo dire che, pur essendo palermitana (penso alla dolcissima cassata) preferisco tenermi un poco sotto con lo zucchero. E' solo un gusto personale. Nel mio gelo di anguria, soprattutto quando è naturalmente dolce, aggiungo pochissimo zucchero, mi piace sentire il frutto, la cannella, il gelsomino...Domenica ho mangiato il gelo di anguria di una rinomata pasticceria e sentivo lo zucchero e il gelsomino, che certamente non ha fatto sbocciare nell'acqua la sera prima, perchè questi odori artificiali sono molto pregnanti. C'era pure troppo amido! Capisco che una pasticceria deve anche pensare alla conservazione prolungata della mancata vendita e zucchero, amido, aiutano molto.

Rosanna, grazie anche a te per il passo passo. Sono stata poco chiara, come procedi alla cottura dei gusci? metti i famosi fagioli?


in pasticceria usano il preparato per il gelo...
l'ho scoperto lo scorso anno.
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6999
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Precedente

Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee