/ Crespelle al gorgonzola, noci e miele di castagno

Ricette

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

/ Crespelle al gorgonzola, noci e miele di castagno

Messaggioda Mapi » 17 gen 2007, 17:17

Queste le ho "inventate" una sera che avevo fame, poco tempo e alcune crespelle già pronte in frigo.

Per 4 persone:
8 Crepes (preparate con la vostra ricetta abituale, io uso quella di Elena Di Giovanni), 150 g di gorgonzola (dolce o piccante, dipende dai gusti), 500 ml latte, 25 g farina, 25 g burro, sale, 1 pera abate, miele di castagno q.b., gherigli di noce.

Preparare una besciamella con 1/2 l di latte, 25 g di farina, 25 g di burro e un pizzico di sale. Quando si è addensata aggiungervi metà del gorgonzola e farlo sciogliere.
Tagliare a cubetti la pera e farla rosolare in padella con una noce di burro, poi salarla leggermente.
Ridurre a dadini il gorgonzola rimanente e farcire ogni crespella con dadini di gorgonzola, dadini di pera, un cucchiaino di miele di castagno, qualche gheriglio di noce spezzettato e due cucchiaiate di besciamella al gorgonzola. Ripiegare le crespelle in 4 e adagiarle a mano a mano su una pirofila imburrata. Ricoprirle con la besciamella rimasta e passare tutto in forno a gratinare.

Dimenticavo... sono speciali se si usano crespelle preparate con la farina di grano saraceno anziché la 00. :)
Ultima modifica di Mapi il 18 gen 2007, 9:30, modificato 1 volta in totale.
La gente non vuole trovare solo la pappa pronta, vuole anche essere imboccata.

Maria Pia Bruscia
http://www.laapplepiedimarypie.blogspot.com
Avatar utente
Mapi
 
Messaggi: 149
Iscritto il: 4 dic 2006, 10:21

Messaggioda fabrizio » 18 gen 2007, 12:29

buone devono essere! Posso avere anche la rice delle crespelle?? Grazie!
fabrizio
 
Messaggi: 97
Iscritto il: 27 nov 2006, 14:35
Località: milano / napoli

Crespelle

Messaggioda Mapi » 18 gen 2007, 13:59

Come dicevo prima, io mi trovo molto bene con la ricetta di Elena Di Giovanni. Sostituendo la farina bianca con quella di grano saraceno si ottengono quelle che in Francia vengono chiamate "galettes" e che vengono usate per i ripieni salati.

Ma lasciamo la parola a Elena:

CREPES
Per ottenere circa 25-30 pezzi, occorrono g 200 di farina, 4 uova, mezzo litro di latte, g 50 di burro e un pizzico di sale. Uno dei requisiti irrinunciabili della pasta per le crespelle è che sia priva di grumi. Per avere questo risultato, bisogna cominciare a lavorarla ponendo in una ciotola la farina e mescolandola bene, preferibilmente con una frusta, con circa metà del latte
Quando la farina ha assorbito il latte e il composto è piuttosto liscio, si uniscono tutte le uova e si continua a battere con la frusta per amalgamarle e sciogliere eventuali piccoli grumi. Solo allora si unisce il resto del latte, continuando a battere bene il tutto con la frusta finché il composto diventa colante.
Quando lo si versa nella padella per la cottura, infatti, deve potervi scorrere velocemente e coprirne tutto il fondo. A questo punto, il composto viene salato, eventualmente aromatizzato con una grattatina di noce moscata (di solito non serve per piatti dolci), quindi lo si copre e lo si lascia riposare per un'oretta. Quest'attesa lo rende più consistente.
Al momento della cottura, si aggiunge al composto il burro (50g) fatto fondere a fuoco basso nella padella che serve per cuocere le crespelle; in questo modo non è più necessario ungerla durante la cottura
Le crepes ti consiglio di non farle troppo grandi, di farle nella padellina antiaderente e di non utilizzare il burro o quanto meno di utilizzarne veramente poco ed eventualmente una volte pronte le crepes passale nella carta da fritti in modo da asciugarle bene dal grasso del burro.
Elena Di Giovanni Macerata
La gente non vuole trovare solo la pappa pronta, vuole anche essere imboccata.

Maria Pia Bruscia
http://www.laapplepiedimarypie.blogspot.com
Avatar utente
Mapi
 
Messaggi: 149
Iscritto il: 4 dic 2006, 10:21


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee