/ Come ricavare la forza della farina

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

/ Come ricavare la forza della farina

Messaggioda M.Giovanna » 20 apr 2007, 11:03

Allora parlando con un amico rappresentate di prodotti per gelateria e pasticceria che vende anche farina è uscito fuori l'argomento della forza e di come da una manitoba tagliata con farina 00 si possa ricavare il vario W, cosa che spesso già faccio come suggerito in alcune ricette di Adriano. Ora la mia domanda è: con che percentuale di farina 00 posso tagliare una manitoba che si aggiri intorno ai 400/450 W per avere le varie "forze"? Sarebbe bello riuscire a fare una tabella.......
M.Giovanna
 
Messaggi: 269
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:36

Messaggioda Rossella » 27 apr 2007, 22:11

Porto su!
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda M.Giovanna » 5 mag 2007, 16:14

Riporto su anch'io! :wink:
M.Giovanna
 
Messaggi: 269
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:36

Messaggioda Adriano » 5 mag 2007, 16:25

io ritengo sia un errore pensare di poter stilare una tabella do questo tipo. Sono del parere che non convenga stravolgere radicalmente le caratteristiche di una farina, ma al massimo ammorbidirla o rinforzarla con piccoli tagli, utilizzando farine non esageratamente diverse.
Avatar utente
Adriano
 
Messaggi: 618
Iscritto il: 14 dic 2006, 21:17


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee