Coltura lievito osmotollerante

creare, scoprire, sperimentare e sperimentarsi con pathos e senso estetico attraverso un cammino che parte dalle emozioni, dai sentimenti e dalla curiosità.

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 18 feb 2013, 19:48

Luciana_D ha scritto:Ho ripetuto il test. PH 6
Pero' ho un dubbio che io non lo esegua correttamente. Va atteso che la striscettina si asciughi prima di confrontarla?
La mia anche da asciutta e' rimasta la stessa :lol:
Da domani calo 20% e passo alla rossetto 400 spezzata : Chessygrin :

non saprei, mai usate.
La mia pm con queste dosi è assolutamente come una pm ordinaria: ha lo stesso odore e lo stesso sapore acidulo di prima, ovviamente con l'agiunta dello zucchero.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda CETTY » 18 feb 2013, 20:29

nicodvb ha scritto:Magari bisogna trovare una via di mezzo, come lo stato di sovreccitazione in cui si trova la mia pm in questo momento.
non so a che livello di acidità si trovi perché mi si è rotto il pHmetro, ma mi sembra di sentire ancora un po' di acidulo.
La tua quando la rinfrescavi con meno del 20% di zucchero come si comportava? e in quanto triplicava?

A me non è che freghi molto dei lattobacilli e degli acidi organici, ne faccio volentieri a meno, però è anche vero che senza di loro la pm è attaccabile. Poi non so neanche se è proprio vero: lo zuccheri crea pressione osmotica su tutti i microorganismi, p.e. le marmellate non si fanno con molto zucchero proprio per conservarle?

Poi sì, esistono dei microorganismi osmofili, ma non ne so niente. Adriano, Ettore ne sapete qualcosa? Abbiamo una microbiologa tra di noi?


Io mi sono fermata al 20% di zucchero e triplica in circa 5 ore a volte un pò di più.
Posso chiedervi che colore è il vostro osmo?
CETTY
 
Messaggi: 405
Iscritto il: 21 nov 2012, 7:48

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 18 feb 2013, 23:29

CETTY ha scritto:
nicodvb ha scritto:Magari bisogna trovare una via di mezzo, come lo stato di sovreccitazione in cui si trova la mia pm in questo momento.
non so a che livello di acidità si trovi perché mi si è rotto il pHmetro, ma mi sembra di sentire ancora un po' di acidulo.
La tua quando la rinfrescavi con meno del 20% di zucchero come si comportava? e in quanto triplicava?

A me non è che freghi molto dei lattobacilli e degli acidi organici, ne faccio volentieri a meno, però è anche vero che senza di loro la pm è attaccabile. Poi non so neanche se è proprio vero: lo zuccheri crea pressione osmotica su tutti i microorganismi, p.e. le marmellate non si fanno con molto zucchero proprio per conservarle?

Poi sì, esistono dei microorganismi osmofili, ma non ne so niente. Adriano, Ettore ne sapete qualcosa? Abbiamo una microbiologa tra di noi?


Io mi sono fermata al 20% di zucchero e triplica in circa 5 ore a volte un pò di più.
Posso chiedervi che colore è il vostro osmo?


il mio è color avorio. Con lo zucchero tende ad assumere una vaghissima tinta giallina.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 1 mar 2013, 13:07

Io che sono pazzo... ho scritto a Gobbetti :wink:
Chissà se mi manda il CIM :ahaha:
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Patriziaf » 1 mar 2013, 18:21

Si potrebbe avere un riepilogo per fare OSMO,o non vale la pena?Da come ne parlate mi sembra che abbia una resa migliore per i dolci...... thank you
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2638
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 1 mar 2013, 18:37

c'è poco da dire. Rinfresca la pm con dosi sempre crescenti di zucchero sciolto nell'acqua del rinfresco. Parti dal 5% rispetto alla farina del rinfresco e arriva al 20% , poi vediamo se vale la pena di andare oltre.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 1 mar 2013, 19:50

nicodvb ha scritto:Io che sono pazzo... ho scritto a Gobbetti :wink:
Chissà se mi manda il CIM :ahaha:

Chi e'? :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 1 mar 2013, 20:59

Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:Io che sono pazzo... ho scritto a Gobbetti :wink:
Chissà se mi manda il CIM :ahaha:

Chi e'? :D


Marco Gobbetti è un professore di Agraria dell'università di Bari che ha pubblicato molti studi sulla microflora della pasta madre, una vera autorità del settore.

Oggi ho assaggiato il pane fatto con Osmo: ha lo stesso sapore dolciastro di cui parlavi tu. È insolito, dolciastro e leggermente fermentato. Impossibile da descrivere bene.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Patriziaf » 1 mar 2013, 21:17

nicodvb ha scritto:c'è poco da dire. Rinfresca la pm con dosi sempre crescenti di zucchero sciolto nell'acqua del rinfresco. Parti dal 5% rispetto alla farina del rinfresco e arriva al 20% , poi vediamo se vale la pena di andare oltre.

quindi se il primo giorno faccio 50+50+25+2,5gr zucch,secondo giorno faccio 50+50+25+5gr zucch,terzo giorno arrivo al 10%?Si và avanti +5% o di più :|? thank you
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2638
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 1 mar 2013, 22:06

miky ha scritto:
nicodvb ha scritto:c'è poco da dire. Rinfresca la pm con dosi sempre crescenti di zucchero sciolto nell'acqua del rinfresco. Parti dal 5% rispetto alla farina del rinfresco e arriva al 20% , poi vediamo se vale la pena di andare oltre.

quindi se il primo giorno faccio 50+50+25+2,5gr zucch,secondo giorno faccio 50+50+25+5gr zucch,terzo giorno arrivo al 10%?Si và avanti +5% o di più :|? thank you

stabilizzati per qualche giorno sempre alla stessa percentuale di zucchero
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Patriziaf » 2 mar 2013, 9:46

Ok, grazie
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2638
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda susyvil » 19 mar 2013, 17:30

: Chessygrin :
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 19 mar 2013, 19:51

susyvil ha scritto:: Chessygrin :

Sei dei nostri :lol: : Chessygrin :
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda susyvil » 19 mar 2013, 20:41

[*]
Luciana_D ha scritto:
susyvil ha scritto:: Chessygrin :

Sei dei nostri :lol: : Chessygrin :

Sììììì ^danz^<>
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 22 mar 2013, 22:29

sia Osmo sia regular hanno pH 4.5, mentre lilì' di segale 3.8.
Più classico e più perfetto di così non si può :-P o :p: .
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 23 mar 2013, 6:40

nicodvb ha scritto:sia Osmo sia regular hanno pH 4.5, mentre lilì' di segale 3.8.
Più classico e più perfetto di così non si può :-P o :p: .

hai recuperato un phmetro ?
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 23 mar 2013, 10:24

Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:sia Osmo sia regular hanno pH 4.5, mentre lilì' di segale 3.8.
Più classico e più perfetto di così non si può :-P o :p: .

hai recuperato un phmetro ?


sì, l'ho preso da amazon.uk.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 23 mar 2013, 10:58

nicodvb ha scritto:
Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:sia Osmo sia regular hanno pH 4.5, mentre lilì' di segale 3.8.
Più classico e più perfetto di così non si può :-P o :p: .

hai recuperato un phmetro ?


sì, l'ho preso da amazon.uk.

:shock: Stavo guardando.prezzi alti :sad:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 23 mar 2013, 12:15

Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:
Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:sia Osmo sia regular hanno pH 4.5, mentre lilì' di segale 3.8.
Più classico e più perfetto di così non si può :-P o :p: .

hai recuperato un phmetro ?


sì, l'ho preso da amazon.uk.

:shock: Stavo guardando.prezzi alti :sad:


9 euro+spedizioni |^.^|
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 23 mar 2013, 13:37

nicodvb ha scritto:
Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:
Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:sia Osmo sia regular hanno pH 4.5, mentre lilì' di segale 3.8.
Più classico e più perfetto di così non si può :-P o :p: .

hai recuperato un phmetro ?


sì, l'ho preso da amazon.uk.

:shock: Stavo guardando.prezzi alti :sad:


9 euro+spedizioni |^.^|

Sgancia il link :lol: *smk*
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

PrecedenteProssimo

Torna a La bottega degli esperimenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee