Coltura lievito osmotollerante

creare, scoprire, sperimentare e sperimentarsi con pathos e senso estetico attraverso un cammino che parte dalle emozioni, dai sentimenti e dalla curiosità.

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Gaudia » 21 set 2010, 15:01

Maria Santissima, per me parlate turco; non riesco più a seguirvi :?
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 21 set 2010, 17:43

Immagine

Nico,la foto l'ho scattata 20' fa ed era gonfio con cupola sopra ma spostando il barattolo devo avergli dato uno scossone.
Si e' sgonfiato :(

L'andamento lo vedi.
Forse e' il caso di rinfrescare ancora a 15% prima di aumentare?
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 21 set 2010, 17:44

in 4 ore e mezza è quasi triplicato, mi sembra in forma. Io sfiderei la sorte :D, però devi anche tener conto del pregresso. Se lo vedi molto rallentato fai bene a tenere costante lo zucchero, se invece il rallentamento è piccolo secondo me fai bene a salire.
Ultima modifica di nicodvb il 21 set 2010, 17:49, modificato 1 volta in totale.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 21 set 2010, 17:47

Avrai visto che all'aumentare della percentuale di zucchero l'impasto diventa sempre più molle; andrà sempre peggio e non oso immaginare cosa sarà al 30%. Non so se riuscirai a tenerlo sodo con quella percentuale, fammi sapere come lo trovi.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 21 set 2010, 17:52

nicodvb ha scritto:Avrai visto che all'aumentare della percentuale di zucchero l'impasto diventa sempre più molle; andrà sempre peggio e non oso immaginare cosa sarà al 30%. Non so se riuscirai a tenerlo sodo con quella percentuale, fammi sapere come lo trovi.

Infatti.L'ho trovato notevolmente piu' idratato del solito.
Per reagire attende 90' buoni se non due ore e poi scatta in avanti :lol:
Domani allora ripeto aumentando a 20%


Con gli scarti oggi ho fatto una focaccia integrale/ceci di Antonino Esposito.Poi ve la mostro :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 21 set 2010, 21:45

Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:Avrai visto che all'aumentare della percentuale di zucchero l'impasto diventa sempre più molle; andrà sempre peggio e non oso immaginare cosa sarà al 30%. Non so se riuscirai a tenerlo sodo con quella percentuale, fammi sapere come lo trovi.

Infatti.L'ho trovato notevolmente piu' idratato del solito.
Per reagire attende 90' buoni se non due ore e poi scatta in avanti :lol:
Domani allora ripeto aumentando a 20%


Con gli scarti oggi ho fatto una focaccia integrale/ceci di Antonino Esposito.Poi ve la mostro :D


poi? quando? dai, dicci tutto! e del sapore!
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 22 set 2010, 7:11

nicodvb ha scritto:
Luciana_D ha scritto:
nicodvb ha scritto:Avrai visto che all'aumentare della percentuale di zucchero l'impasto diventa sempre più molle; andrà sempre peggio e non oso immaginare cosa sarà al 30%. Non so se riuscirai a tenerlo sodo con quella percentuale, fammi sapere come lo trovi.

Infatti.L'ho trovato notevolmente piu' idratato del solito.
Per reagire attende 90' buoni se non due ore e poi scatta in avanti :lol:
Domani allora ripeto aumentando a 20%


Con gli scarti oggi ho fatto una focaccia integrale/ceci di Antonino Esposito.Poi ve la mostro :D


poi? quando? dai, dicci tutto! e del sapore!

Sono indecisa sul sapore perche' il mix di farine non era quello della ricetta originale che prevedeva 60%farro e 40% ceci.
Ho messo integrale e ceci.Ha un sapore particolare che non mi esalta ma lo scarto del lievito ha funzionato :lol: + 1,5gr LdB

Immagine

Dopo la lievitatura in teglia ho messo un filo d'olio,sesamo e fatto le fossette.Potevo fare a meno dell'olio.Con l'integrale non va :?

Mi chiedo che tipo di alveolatura produrrebbe questo lievito in un panettone e come ci si dovrebbe regolare vista l'idratazione.
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda ziaFania » 22 set 2010, 7:45

Alle tue domande non posso rispondere ma ti posso dire che la tua focaccia sembra molto bella. :D
Avatar utente
ziaFania
 
Messaggi: 221
Iscritto il: 14 ago 2010, 17:18
Località: San Diego

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 22 set 2010, 8:15

ziaFania ha scritto:Alle tue domande non posso rispondere ma ti posso dire che la tua focaccia sembra molto bella. :D

Grazie Ste :D E' molto panosa per essere una focaccia.
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 22 set 2010, 8:45

Integrale e ceci? che combinazione insolita. Con tutti quei ceci non poteva proprio venire più alta.

Lo scopo di questo esperimento è proprio di ottenere un lievito che non soffra nei dolci, quindi il panettone è il banco di prova ideale.
Io proverei ad usarlo come al solito, ma facendo la biga con una parte dello zucchero della ricetta in modo da mantenere l'equilibrio raggiunto. Mi risparmierei la legatura che potrebbe avere degli effetti collaterali e ridurrei l'idratazione della biga per renderla soda come al solito. Che ne pensi?

Sono arrivato al 25% di idratazione per i due lilì, ma ho dovuto togliere un po' di acqua per mantenere la consistenza. La cosa incredibile è che il PH è sceso a 3.5, quindi al di sotto della soglia della morte del S. cerevisiae (ldb) che è 3.7. Mi sembra una prova che i lieviti presenti in quesa coltura sono altri, ma non mi convince l'acidità perchè è segno di una notevole attività dei lattobacilli (niente in contrario, ma mi aspettavo che morissero per primi... meglio così :wink: ).
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 22 set 2010, 8:58

nicodvb ha scritto:Integrale e ceci? che combinazione insolita. Con tutti quei ceci non poteva proprio venire più alta.

Lo scopo di questo esperimento è proprio di ottenere un lievito che non soffra nei dolci, quindi il panettone è il banco di prova ideale.
Io proverei ad usarlo come al solito, ma facendo la biga con una parte dello zucchero della ricetta in modo da mantenere l'equilibrio raggiunto. Mi risparmierei la legatura che potrebbe avere degli effetti collaterali e ridurrei l'idratazione della biga per renderla soda come al solito. Che ne pensi?

Sono arrivato al 25% di idratazione per i due lilì, ma ho dovuto togliere un po' di acqua per mantenere la consistenza. La cosa incredibile è che il PH è sceso a 3.5, quindi al di sotto della soglia della morte del S. cerevisiae (ldb) che è 3.7. Mi sembra una prova che i lieviti presenti in quesa coltura sono altri, ma non mi convince l'acidità perchè è segno di una notevole attività dei lattobacilli (niente in contrario, ma mi aspettavo che morissero per primi... meglio così :wink: ).

E se,per ridurre l'idratazione,riducessimo l'acqua nel rinfresco...diciamo del 50% ??
Casomai dopo avere raggiunto il 30% di zucchero..... e' un'idea :D Nono.Calo anche io l'acqua e la porto al 50% 8))
In quanto al discorso PH non m'intrometto perche' parlo meglio lo swahili :lol:
Vado a rinfrescare e fotografo la creatura :wink:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 22 set 2010, 9:05

Luciana_D ha scritto:E se,per ridurre l'idratazione,riducessimo l'acqua nel rinfresco...diciamo del 50% ??
Casomai dopo avere raggiunto il 30% di zucchero..... e' un'idea :D Nono.Calo anche io l'acqua e la porto al 50% 8))
In quanto al discorso PH non m'intrometto perche' parlo meglio lo swahili :lol:
Vado a rinfrescare e fotografo la creatura :wink:


anche, buona idea :D
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 22 set 2010, 10:02

Ho rinfrescato con il 75% dell'acqua perche' 50% era troppo poco.Non si amalgamava bene
Quindi 100grLM+100farina+37.5gr di acqua+20gr zucchero
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 22 set 2010, 10:10

Luciana_D ha scritto:Ho rinfrescato con il 75% dell'acqua perche' 50% era troppo poco.Non si amalgamava bene
Quindi 100grLM+100farina+37.5gr di acqua+20gr zucchero


che strano! in questi giorni abbiamo osservato il contrario. Usi manitoba? Vabbè che la uso anche io.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 22 set 2010, 11:00

nicodvb ha scritto:
Luciana_D ha scritto:Ho rinfrescato con il 75% dell'acqua perche' 50% era troppo poco.Non si amalgamava bene
Quindi 100grLM+100farina+37.5gr di acqua+20gr zucchero


che strano! in questi giorni abbiamo osservato il contrario. Usi manitoba? Vabbè che la uso anche io.

Niente manitoba ma la T45 francese che equivale alla 00.10gr di proteine
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 22 set 2010, 17:05

Oggi cresce piu' pigramente. come mai? :? Forse perche' piu' asciutto di ieri?
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 22 set 2010, 17:18

Luciana_D ha scritto:Oggi cresce piu' pigramente. come mai? :? Forse perche' piu' asciutto di ieri?


bisognerebbe chiederglielo :lol: .
Io ho notato il contrario: se lo faccio più sodo cresce prima di quando è più liquido. La consistenza ottimale per il mio è quella di un impasto senza zucchero all'80% di idratazione.
C'è anche da dire che se hai usato meno acqua hai creato un ambiente a pressione osmotica maggiore, quindi con maggior sforzo. Hai anche aumentato lo zucchero?
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 22 set 2010, 17:20

nicodvb ha scritto:
Luciana_D ha scritto:Oggi cresce piu' pigramente. come mai? :? Forse perche' piu' asciutto di ieri?


bisognerebbe chiederglielo :lol: .
Io ho notato il contrario: se lo faccio più sodo cresce prima di quando è più liquido. La consistenza ottimale per il mio è quella di un impasto senza zucchero all'80% di idratazione.
C'è anche da dire che se hai usato meno acqua hai creato un ambiente a pressione osmotica maggiore, quindi con maggior sforzo. Hai anche aumentato lo zucchero?[/quote]
Si ;-)) a 20%
Il poretto sta faticando :lol:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda Luciana_D » 22 set 2010, 18:13

Eccolo

Immagine

Oggi e' deludente :?
Ma le tue foto? :wink:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11829
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Coltura lievito osmotollerante

Messaggioda nicodvb » 22 set 2010, 20:08

In effetti il tuo è raddoppiato lentamente, comunque è meglio continuare per vedere come va.
Oggi ho trovato la consistenza giusta del mio: 36 gr di lievito, 8+1 di zucchero+sale sciolti in 20 di acqua calda e 36 di farina (sto usando la spadoni per pizza perché ho finito la manitoba e sto aspettando la Rieper gialla). È praticamente un impasto incordato ma fluido, proprio quello che mi serviva.

Le foto non le ho fatte perché non metto le tacche e fra di noi non mi sembra che servano *smk* .
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

PrecedenteProssimo

Torna a La bottega degli esperimenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee