/ il colore della farina

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

/ il colore della farina

Messaggioda paolotta » 28 ago 2007, 13:17

Finalemente sono riuscita a trovare la farina Cap...o, ma il sacco mi sembra blu. Considerando che per averla devo chiedere una cortesia ad una persona che a sua volta ne deve chidere un'altra, mi potreste illuminare sulla Cap...o rossa e su quella blu?

Grazie
Che se cala il caldo inforno... se no...acqua e frutta
paolotta
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 27 nov 2006, 13:16
Località: NAPOLI

Re: il colore della farina

Messaggioda robertopotito » 29 ago 2007, 8:16

paolotta ha scritto:Finalemente sono riuscita a trovare la farina Cap...o, ma il sacco mi sembra blu. Considerando che per averla devo chiedere una cortesia ad una persona che a sua volta ne deve chidere un'altra, mi potreste illuminare sulla Cap...o rossa e su quella blu?

Grazie
Che se cala il caldo inforno... se no...acqua e frutta

Lydia, Elisabetta e napoli girls!!!!
aspettiamo chiarimenti!!!
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda Rossella » 29 ago 2007, 8:49

Lydia ha scritto:
Mi sorge un dubbio, so che esiste anche un pacco blu "pizzeria", potrebbe essere quello che hai tu, però dovrebbe esserci la dicitura "pizzeria"


ho fatto questa domanda a bollicina, qui la riporto fedelmente:

la blu pizzeria(c'è anche la blu normale ma è un'altra cosa) ha un w intorno ai 240-260 ed è meno forte della rossa che è rinforzata con grani probabilmente americani e quindi più adatta a pizze a lunghissima lievitazione soprattutto in frigo o per spezzare altre farine. Tra l'altro da Michele usa la caputo blu pizzeria anche per 20 ore a temperatura ambiente, perchè per questo tipo di pizze il rilassamento del glutine è essenziale. Ovviamente facendo qualche adattamento anche la rossa si può usare a temperatura ambiente.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda paolotta » 29 ago 2007, 8:56

Ciao Lydia, ma tu dove la trovi la Caputo Rossa?
io devo chiedere al pasticciere sotto casa e poichè sono timida lo faccio fare al fruttivendolo con cui ho molta più confidenza :oops: :oops: .
Cara, visto che mi trovo in argomento sai per caso dove prendere la phyllo, Elisabetta parlave della phyllo buitoni, ma io non l'ho mai vista.
Un bacio
paolotta
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 27 nov 2006, 13:16
Località: NAPOLI

Messaggioda elisabetta » 29 ago 2007, 15:25

Paola, la phillo la trovo al Conad e all'Auchan, ma forse, essendo un prodotto di nicchia non ce l'hanno tutti i supermercati.Io la chiedo quasi tutte le settimane perchè sono l'unica a comprarla qui.Se ti serve un pò di Caputo rossa posso dartene 3-4 chili, ma come posso mandartela?
Avatar utente
elisabetta
 
Messaggi: 1155
Iscritto il: 26 nov 2006, 17:02
Località: vico equense

Messaggioda paolotta » 30 ago 2007, 18:58

Grazie Eli, ma proverò prima con il pasticciere sotto casa. Ho un Conad vicino l'ufficio, ci proverò lunedì. Il vecchio fornitore è in zona Montesanto ed è troppo lontano.
Un bacione.
paolotta
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 27 nov 2006, 13:16
Località: NAPOLI


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee