Che ne pensate dell'olio di vinacciolo?

Dubbi, consigli, attrezzi & c

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Che ne pensate dell'olio di vinacciolo?

Messaggioda nicodvb » 24 feb 2011, 16:13

Come da titolo. Vorrei una vostra opinione sull'olio di vinacciolo. Ha un sapore netto? E se sì di che tipo? Ha delle note dolci come dicono?
O è solo uno dei tanti oli di semi senza alcun carattere?
Che ne pensate del suo uso nei dolci?

Io con l'olio di oliva non riesco proprio ad entrare in sintonia, neanche con quello dei miei genitori. Non posso farea meno di considerarlo
eccessivamente sopravvalutato.

Da un amante sfegatato del burro! ;-))
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Che ne pensate dell'olio di vinacciolo?

Messaggioda Sandra » 24 feb 2011, 20:58

QUIne fa un cenno Ettore.la mia esperienza é solo per il suo uso per la cottura della fondue bourguignonne,ha il vantaggio di non fare troppa puzza e di non dare un sapore particolare alla carne che comunque dopo va condita con le varie salse.Non l'ho mai assaggiato neppure crudo,forse dovrei per dare un parere ,credo di averne in casa una bottiglia.
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Che ne pensate dell'olio di vinacciolo?

Messaggioda maria rita » 25 feb 2011, 10:31

Non sono in grado di aiutarti: uso sempre e solo olio EVo perchè sono "nordica" con gusti schiettamente "terroni". Ho la fortuna di approvigionarmi da un amico che produce olio di eccezionale qualità, tutti quelli che lo assaggiano a casa mia mi chiedono di procurarglielo. Metto il burro solo nei dolci. Uso l'olio di semi, per la precisione di arachidi, solo per le fritture dolci che comunque faccio solo in occasione del carnevale. Gli oli d'oliva non sono tutti uguali, esattamente come per i vini, possibile che non ne trovi uno che ti piace? oltretutto hanno tante proprietà organolettiche veramente apprezzabili.
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Re: Che ne pensate dell'olio di vinacciolo?

Messaggioda nicodvb » 25 feb 2011, 13:01

mi ci vorrebbe un olio con il sapore di burro ;-)) ;-)) ;-)) *smk*.

Con tutta la ricerca che si fa sugli alimenti mi stupisce che nessuno abbia mai cercato di far produrre alle mucche e alle pecore latte senza colesterolo.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Che ne pensate dell'olio di vinacciolo?

Messaggioda tittipolla » 28 feb 2011, 15:47

tittipolla
 
Messaggi: 168
Iscritto il: 17 mar 2009, 13:20
Località: varese

Re: Che ne pensate dell'olio di vinacciolo?

Messaggioda nicodvb » 28 feb 2011, 16:02

tittipolla ha scritto:Perchè non provare il burrolì:
http://www.alimentipedia.it/Curiosita/B ... rsino.html


con olio di oliva e burro di cacao (che non sa di niente)? È tutto il contrario di quello che voglio: un burro che sa di olio...
Oltretutto Montersino mi sta troppo antipatico.
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna


Torna a Carabattole e pignate

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee