Cantucci di Prato

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Stefano S. » 5 ott 2008, 20:32

Sì Rossella, presente!
Mi ha fatto vedere riportare la ricetta, e soprattutto sapere che è piaciuta.
Come quella di Benedetta Lugli, viene da uno dei libri di Paolo Petroni (lo avevo spiegato fin dall'inizio, ma nel tempo si è persa questa parte), e ci ho aggiunto le mie considerazioni.
Il Petroni (al secolo Paolo Petroni, giornalista che ha scritto diversi libri sulla cucina toscana e fiorentina) ne dà diverse versioni che ho provato, così come altre da altri libri, e alla fine questa è quella che mi piace di più. Ce ne sono alcune senza burro, ma i biscotti risultano più 'vetrosi' e duri; quella piccola quantità di burro dona invece una piacevole friabilità.
:saluto:
Stefano S.
 
Messaggi: 220
Iscritto il: 1 giu 2008, 15:56

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Rossella » 5 ott 2008, 20:46

Stefano S. ha scritto:Sì Rossella, presente!
Mi ha fatto vedere riportare la ricetta, e soprattutto sapere che è piaciuta.
Come quella di Benedetta Lugli, viene da uno dei libri di Paolo Petroni (lo avevo spiegato fin dall'inizio, ma nel tempo si è persa questa parte), e ci ho aggiunto le mie considerazioni.

aggiungerò alla ricetta la provenienza... grazie :D
Stefano S. ha scritto:S
Il Petroni (al secolo Paolo Petroni, giornalista che ha scritto diversi libri sulla cucina toscana e fiorentina) ne dà diverse versioni che ho provato, così come altre da altri libri, e alla fine questa è quella che mi piace di più. Ce ne sono alcune senza burro, ma i biscotti risultano più 'vetrosi' e duri; quella piccola quantità di burro dona invece una piacevole friabilità.
:saluto:

esattamente cosi,ripeto,sono fantastici!!!!
grazie. :saluto:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Luciana_D » 6 ott 2008, 6:54

Rossella ha scritto:
lucyweb ha scritto:Permettetemi di proporre questa ricetta

In un unica parola li definirei PARADISIACI.La ricetta e' di Stefano Spilli e anche la spiegazione.
.

Grazie Lucy, *smk* Stefano Spilli è anche un nostro amico del forum,sono certa che gli farà piacere,conosco i suoi cantuccini provati diversi anni fà,eccezionali veramente!!!
Belli i tuoi cantuccini Ila,complimenti per la foto!!!
grazie *smk*

Quale onore :P ....... siete tutti fantastici e non sai la felicita' di essere qui con voi ad imparare.Era tanto che non provavo un tale entusiasmo ed e' la prima volta che lo provo in cucina.
Grazie di cuore a tutti perche' questo forum e' speciale davvero ^timid!
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda ila » 6 ott 2008, 14:22

Visto che per i cantucci ne ho provata una di Petroni devo per forza provare anche le altre di lui, anche perche' altre ricette provate le ho trovate buonissime!
Quindi la prossima volta parto con quella con il burro! :D
Immagine

Le mie FOTO
Il mio blog
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Cantucci, tozzetti...

Messaggioda Cosmopolita » 30 ott 2009, 17:56

Argomento accorpato a similare come da regolamento
Immagine

...chiamateli come vi pare :)
Grazie al trucchetto del tappetino in silicone consigliatomi da Cinzia, sono finalmente riuscita ad ottenere una base non bruciacchiata ma uniforme.

La ricetta l'ho presa da un libro di cucina campana (l'ho modificata un po'). La pratica di formare dei filoncini, tagliarli diagonalmente per poi bis-cottarli pare sia diffusa in tutta Italia.
In questi biscottini ci sono le nocciole invece delle mandorle (come è ovvio che sia data la regione), e dovrebbero essere tostate e frantumate grossolanamente prima di essere inserite nell'impasto ma io le ho aggiunte intere. Inoltre prevede l'ammoniaca che permette ai biscotti di conservarsi più a lungo oltre a renderli più croccanti.

Ecco la ricetta:
Farina, 800g
Uova, 5
Latte, 20 ml
Olio Evo, 70 ml
Ammoniaca per dolci, 2 cucchiaini
Zucchero, 450 g
Nocciole sgusciate, 400/450 g
Buccia grattata di un’arancia


La prima cosa da fare è tostare leggermente le nocciole. Accendere il forno e portarlo alla temperatura di 160°, infornate le nocciole per circa 7-8 minuti, poi lasciatele freddare.

In una capace terrina sbattere, montando bene, le uova con lo zucchero e la buccia grattata di una grossa arancia. Aggiungere l’ammoniaca per dolci sciolta in ½ tazzina da caffè (20 ml) di latte tiepido e, sempre continuando a sbattere con le fruste, l’olio extra vergine d’oliva.

A questo punto aggiungere anche la farina e, aiutandovi con una spatola di legno, amalgamate per pochi minuti, completando con l’aggiunta delle nocciole. Impastare quel tanto che basta per rendere la pasta omogenea.
Otterrete un impasto abbastanza morbido ed appiccicoso quindi, versatelo su un piano infarinato e, senza lavorarlo ulteriormente formate dei filoncini aiutandovi appunto con della farina. Formate dei filoncini larghi circa 3 cm e alti un dito posizionandoli direttamente sulla palacca da forno foderata con carta forno, sistemandoli ben distanziati poiché in cottura cresceranno abbastanza.
Mettete la placca nel forno già caldo a 180° e lasciateli cuocere per circa 25-30 minuti, fino a quando avranno assunto un bel corore oro chiaro. Togliete i filoncini dal forno ( portate la temperatura a 160°) deponeteli con una spatola su una gratella e lasciateli intepidire per circa 15 minuti, poi con l’ausilio di un coletello ben affilato e dalla lama liscia, tagliateli a fettine regolari di circa 1 cm mantenendo il taglio con un’inclinazione di 45°. Sistemate i cantuccini sulla placca e rimetteteli in forno per circa 10 minti, fino a quando saranno ben secchi. Fateli raffreddare su una gratella e teneteli chiusi in una scatola di latta dove si conserveranno per molti giorni.



Immagine

I più buoni mangiati fino ad ora, la prossima volta utilizzerò le mandorle.

:saluto:
Avatar utente
Cosmopolita
 
Messaggi: 174
Iscritto il: 4 set 2008, 10:33
Località: Roma

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Luciana_D » 30 ott 2009, 18:53

Bellissimi Antonella. :D
Grazie e bentornata *smk*
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda susyvil » 30 ott 2009, 18:57

Davvero belli Antonella! :D ....ed immagino buonissimi! D:Do
Dalle mie parti vengono chiamati "freselline" e si preparano specialmente nel periodo di Pasqua, io utilizzo una ricetta molto antica che
si tramanda da madre in figlia! :saluto:
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Luciana_D » 30 ott 2009, 19:35

susyvil ha scritto:Davvero belli Antonella! :D ....ed immagino buonissimi! D:Do
Dalle mie parti vengono chiamati "freselline" e si preparano specialmente nel periodo di Pasqua, io utilizzo una ricetta molto antica che
si tramanda da madre in figlia! :saluto:

Ti va di condividerla? :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda bewiched » 30 ott 2009, 19:42

huau!!i cantucci di Antonella li voglio fare domani!poco fa il forno ha ripreso vita!!!!sono troppo contenta!domani li faccio!
Avatar utente
bewiched
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 7 ott 2009, 6:41

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda susyvil » 30 ott 2009, 21:03

Luciana_D ha scritto:
susyvil ha scritto:Davvero belli Antonella! :D ....ed immagino buonissimi! D:Do
Dalle mie parti vengono chiamati "freselline" e si preparano specialmente nel periodo di Pasqua, io utilizzo una ricetta molto antica che
si tramanda da madre in figlia! :saluto:

Ti va di condividerla? :D

Certo Luciana!
come ti dicevo è una ricetta molto antica....ed anche i suoi ingredienti!

"FRESELLINE"


1 Kg di farina
400 gr di zucchero
200 gr di sugna
8 uova + 1 per pennellare
18 gr di cremore di tartaro
12 gr di bicarbonato
buccia grattugiata di limone
poco latte per sciogliere le polveri lievitanti
500 gr di mandorle, oppure nocciole o noci

Il procedimento è lo stesso che ha descritto Antonella, l'unica differenza è che si spennellano i filoncini con l'uovo battuto prima di infornare.
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Cosmopolita » 30 ott 2009, 21:17

Scusate, non ho pensato di ricercare un argomento simile ed ho fatto fare a voi il lavoro di accorpamento fisch^gif


susyvil ha scritto: Certo Luciana!
come ti dicevo è una ricetta molto antica....ed anche i suoi ingredienti!

"FRESELLINE"

1 Kg di farina
400 gr di zucchero
200 gr di sugna
8 uova + 1 per pennellare
18 gr di cremore di tartaro
12 gr di bicarbonato
buccia grattugiata di limone
poco latte per sciogliere le polveri lievitanti
500 gr di mandorle, oppure nocciole o noci

Il procedimento è lo stesso che ha descritto Antonella, l'unica differenza è che si spennellano i filoncini con l'uovo battuto prima di infornare.


Le modifiche di cui parlavo nella ricetta, ho sostituito proprio lo strutto con l'olio. Nel libro vengono chiamate paste secche irpine.
Avatar utente
Cosmopolita
 
Messaggi: 174
Iscritto il: 4 set 2008, 10:33
Località: Roma

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda maria rita » 11 apr 2010, 11:55

aggiungo anche la mia ricetta, o meglio la ricetta che diede a mia madre una sua amica tanti anni fa.Li ho fatti ieri pomeriggio e dopocena li abbiamo inzuppati con lo zibibbo.

ingredienti:
gr.500 farina
gr. 300 zucchero
gr.150 burro
un pizzico di sale
buccia grattugiata di un limone
gr. 250 mandorle (ho trovato delle mandorle pugliesi eccezionali)
4 uova

Ho impastato tutti gli ingredienti aggiungendo da ultimo le mandorle e curando che fossero ben distribuite ( a manciatine mentre l'impastatrice andava a bassa velocità). Ho posto una mezz'ora in frigo perchè l'impasto era piuttosto morbido.
Ho formato tre filoncini e li ho disposti nella placca per lungo.
La mia placca non attacca assolutamente.
Li ho cotti a 180° per 20' circa.
Li ho tagliati prima che si indurissero all'aria sbriciolandosi.
Quindi li ho rimessi in forno coricati di fianco per altri 5' circa.
Li ho messi a sventare sul tagliere di legno finchè on erano del tutto freddi, stamane ho riposto quelli rimasti nella biscottiera di metallo.
Ultima modifica di maria rita il 11 apr 2010, 14:06, modificato 1 volta in totale.
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Luciana_D » 11 apr 2010, 12:32

maria rita ha scritto:aggiungo anche la mia ricetta, o meglio la ricetta che diede a mia madre una sua amica tanti anni fa.Li ho fatti ieri pomeriggio e dopocena li abbiamo inzuppati con lo zibibbo.

ingredienti:
gr.500 farina
gr. 300 zucchero
gr.150 burro
un pizzico di sale
buccia grattugiata di un limone
gr. 250 mandorle (ho trovato delle mandorle pugliesi eccezionali)
Ho impastato tutti gli ingredienti aggiungendo da ultimo le mandorle e curando che fossero ben distribuite ( a manciatine mentre l'impastatrice andava a bassa velocità). Ho posto una mezz'ora in frigo perchè l'impasto era piuttosto morbido. Ho formato tre filoncini e li ho disposti nella placca per lungo. La mia placca non attacca assolutamente. Li ho cotti a 180° per 20' circa. Li ho tagliati prima che si indurissero all'aria sbriciolandosi. Quindi li ho rimessi in forno coricati di fianco per altri 5' circa. Li ho messi a sventare sul tagliere di legno finchè on erano del tutto freddi, stamane ho riposto quelli rimasti nella biscottiera di metallo.


Ecco,questa e' la garanzia della loro bonta' :lol: :lol:
Grazie maria Rita :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda maria rita » 11 apr 2010, 14:07

grazie a te. Ho aggiunto le uova...che avevo dimenticato :saluto:
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda susyvil » 24 dic 2011, 0:19

Immagine

Immagine

Aggiungo la ricetta di Giovanni Pina, tratta dal suo libro "Dolci-Manuale pratico di pasticceria", più realizzo ricette di quest'uomo...e più me ne innamoro!!! : Love :


Ingredienti:
Mandorle grezze 375 g
Zucchero 295 g
Farina 00 375 g
Farina di mandorle 50 g
Burro 50 g
Miele d'acacia 25 g
Tuorli 35 g
Uova 110 g
Latte in polvere 50 g
Ammoniaca per dolci 2 g
Scorza grattugiata d'arancia
Uovo sbattuto per pennellare

In una ciotola mescolate 25 g di zucchero con la farina di mandorle e impastateli con il burro e il miele.
In un altro recipiente impastate 135 g di zucchero, il latte in polvere, i tuorli, le uova, l'ammoniaca, la scorza d'arancia e la farina.
Unite i due impasti e lavorate senza montare fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Miscelate lo zucchero rimasto con le mandorle ed unitele all'impasto, lavorandolo fino ad incorporarle.
Ricavate dall'impasto dieci pastelli dal peso di 135 g ciascuno, e formate dei cilindri del diametro di 2 cm.
Adagiate i rotoli di impasto su teglie rivestite con carta forno, inumiditeli con l'uovo sbattuto e cospargeteli con zucchero.
Cuoceteli in forno statico preriscaldato a 180° per circa 15/17 minuti.
Toglieteli dal forno e dopo qualche minuto tagliate delle losanghe della larghezza di un centimetro.
Rimettete i biscotti in forno e lasciateli asciugare per altri 3 minuti.
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda rosanna » 24 dic 2011, 1:38

Susy sono troppo belli e bucano lo schermo :saluto:
Rosanna

L’uomo è viator, pellegrino o fuggiasco. Ogni cammino è infine verso una casa. E la casa, dove abito, è il luogo dove sono accolto e amato. Altrimenti fuggo e vado vagando. La casa di ognuno è chi lo ama. E chiunque ama è casa dell’amato. Il nostro camminare è sempre un «cercare» amore, unico luogo dove ci sentiamo di casa e possiamo riposare.
(Silvano Fausti sj)
Avatar utente
rosanna
 
Messaggi: 4410
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:21
Località: NAPOLI

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda anavlis » 24 dic 2011, 8:24

Assunta sono perfetti :clap: :clap: e la ricetta di Pina mi sembra la più calibrata. Mette meno burro, aggiunge il miele, e nell'impasto la farina di mandorla, che secondo me ci vuole proprio.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10426
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Gaudia » 24 dic 2011, 21:45

Immagine

Ecco quelli che ho fatto l'altro ieri; la ricetta è di Luca Montersino e sono deliziosi; la metterò al più presto.
Ma i tuoi mi attirano molto Assunta e li proverò presto; e poi Pina è una garanzia
Avatar utente
Gaudia
 
Messaggi: 2093
Iscritto il: 30 ott 2009, 0:17

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda Luciana_D » 25 dic 2011, 8:08

Accidenti che cantucci :clap: :clap: :clap:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Cantucci di Prato

Messaggioda anavlis » 28 dic 2011, 15:04

anche i tuoi sono interessanti : WohoW :
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10426
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

PrecedenteProssimo

Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee