Canneberge cranberry mirtilli

Altrove e dintorni, ricette dall'estero

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

Canneberge cranberry mirtilli

Messaggioda Sandra » 28 nov 2006, 8:10

Ho bisogno di aiuto per "saziare" una curiosita'.Secondo le amiche dell'altro continente ed in particolare le canadesi, sono la stessa cosa questi tre frutti?I primi due credo di poter rispondere si ma dopo averle viste e mangiate le canneberge, direi di no, non assomigliano assolutamente ai mirtilli.Grazie Sandra
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 9019
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Canneberge cranberry mirtilli

Messaggioda Paol@ » 28 nov 2006, 10:45

Sandra Vacchi ha scritto:Ho bisogno di aiuto per "saziare" una curiosita'.Secondo le amiche dell'altro continente ed in particolare le canadesi, sono la stessa cosa questi tre frutti?I primi due credo di poter rispondere si ma dopo averle viste e mangiate le canneberge, direi di no, non assomigliano assolutamente ai mirtilli.Grazie Sandra


Ciao Sandra,
non sono 'canadese' ma mi sa' che posso rispondere eloquentemente lo stesso alla tua domanda anche perche' non credo ci siano altre presenze 'canadesi' nel forum :wink: :))
Dunque, come tu hai gia' ben detto..i primi due sono la stessa cosa (nome in francese , suppongo, (canneberge)e inglese (cranberries).
I mirtilli sono tutt'altra cosa.La stagione per i mirtilli e' estiva, per le cranberries e' autunno-invernale, quindi ora e' la stagione ottimale x questo frutto la cui gelatina e' su tutte le tavole nord-americane durante le festivita' del Ringraziamento e del Natale come accompagnamento alla carne di tacchino.

Sai cosa faccio? Vado a fotografarti cio' che ho in casa e poi ti posto qui le foto del prodotto:) :wink: :P
Paol@
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 25 nov 2006, 20:08
Località: Vancouver/Canada

Messaggioda Paol@ » 28 nov 2006, 11:41

eccoti qua qualche fotina fatta or ora Sandra (avevo in casa la materia prima!) :)
cliccare sull'immagine x ingrandire

Cranberries al naturale:
Immagine

Cranberries secche (tipo uvetta)
Immagine

Succo alle cranberries (molto salutare!!) :
Immagine

Mix di cramberries:
Immagine

e per finire, questi sono i ns.BLUEBERRIES, ossia i MIRTILLI.
(raccolti in estate e qui congelati)
Paol@
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 25 nov 2006, 20:08
Località: Vancouver/Canada

Messaggioda Typone » 28 nov 2006, 12:00

Per la "canneberge" (parente dell' "airelle"), guarda qui:

http://www.canneberge.qc.ca/index.html

T.
Typone
 

Messaggioda Sandra » 28 nov 2006, 13:46

Era quello che supponevo, essendo ghiotta di canneberge da quando ho fatto un giro in Canada, mi ero ben resa conto che nulla avevano a che vedere con i mirtilli.In altro forum, ho visto tradurre una salsa di crunberruy con salsa ai mirtilli e mi era venuto un dubbio.
Paola me ne spedisci una tonellata, secche , the, come vuoi , non ho liminti!!! :lol: :lol: :lol: :lol: Grazie Sandra
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 9019
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Messaggioda Typone » 28 nov 2006, 14:45

Sandra Vacchi ha scritto:Era quello che supponevo, essendo ghiotta di canneberge da quando ho fatto un giro in Canada, mi ero ben resa conto che nulla avevano a che vedere con i mirtilli.In altro forum, ho visto tradurre una salsa di crunberruy con salsa ai mirtilli e mi era venuto un dubbio.
Paola me ne spedisci una tonellata, secche , the, come vuoi , non ho liminti!!! :lol: :lol: :lol: :lol: Grazie Sandra

Con l'italiano è complicato...Io ho sentito chiamare il cranberry "mortella" e da allora lo chiamo così, ma mi hanno detto che la mortella è un'altra cosa e che il cranberry si chiama "mirtillo rosso". Boh...Per me si chiama "airelle"... :D
La canneberge invece si chiama solo così a quanto pare, ed è parente del cranberry che sembra più piccolo.

T.
Typone
 

Messaggioda Sandra » 28 nov 2006, 15:00

http://www.biopix.eu/Photo.asp?Language ... toId=18288

Qui l'airelle la chiamano camberge des marais, sembra quindi quella che assomiglia di piu'anche come coltivazione.
In Europa la vera canneberge penso non ci sia.La trovo solo secca raramente, per fortuna!!! :lol: :lol: Sandra
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 9019
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Messaggioda Sandra » 28 nov 2006, 15:04

Ops Errore/canneberge : :oops: :oops: :oops:
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 9019
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Messaggioda Typone » 28 nov 2006, 15:29

Ho spostato qui il canneberge... :lol:

T.
Typone
 

Messaggioda Dida » 28 nov 2006, 16:08

Mi sono documentata ed ecco cosa ho trovato.

Il Mirtillo, pianta spontanea nell'emisfero boreale, appartiene alla Famiglia delle Ericaceae, genere Vaccinium, comprendente circa 130 specie, tra le quali rivestono un certo interesse agronomico principalmente le seguenti:
- Vaccinuim myrtillus o Mirtillo nero: spontaneo in Europa: alto 20-40 cm, con fusti angolosi e ramosi; fiorisce in maggio e fruttifica in luglio-agosto; presenta bacche solitarie o accoppiate, nere, ricoperte da pruina e con polpa colorata. Si trova nelle Alpi e negli Appennini fino all'Abruzzo, fino a circa 2.00 metri; i frutti possono essere consumati freschi o trasformati in marmellate o gelatine.
- Vaccinium vitis idaea o Mirtillo rosso: spontaneo in Europa; alto 10-40 cm, sempreverde, con fiori bianchi o rosa, riuniti in grappoli terminali; produce bacche rosse, acide, amarognole; è diffuso nelle Alpi e nell'Appennino settentrionale.
- Vaccinium uliginosum o Mirtillo blu: spontaneo in Europa, alto 15-25 cm, a foglia caduca, fiori bianco-rosso; produce bacche di color nero-bluastro, pruinose, con succo incolore e insipide.
- Vaccinium corymbosum o Mirtillo gigante americano: spontaneo nel Nord America, è una pianta alta 1-4 m, a foglia caduca, con fiori bianchi o rosati; le bacche riunite in grappoli, sono di colore nero-azzurro, profumate; molto resistente al freddo (fino a -30°C).
- Vaccinium australe o Southeastern highbush blueberry, cui appartengono le prime varietà selezionate.
- Vaccinium oxycoccus o Mortella di palude: spontaneo in Europa e nel Nord America; pianta sempreverde strisciante, con fusti filiformi lunghi 20-30 cm; produce bacche rosse e globose.
- Vaccinium angustifolium: spontaneo nell'America del Nord; ha taglia ridotta (fino a 50 cm) e produce bacche pruinose, di colore blu più o meno scuro, dolci e profumate.
- Vaccinium ashei o Mirtillo conilopide: spontaneo nel Sud degli Stati Uniti, è una pianta alta fino a 6 metri, con bacche nere, senza o quasi pruina, riunite in corti racemi; è meno resistente al freddo del Mirtillo gigante americano.
- Vaccinium macrocarpon o Cranberry o Bacca delle gru o Mirtillo di palude, è una delle tre specie autoctone degli USA. Veniva usato dai Nativi americani sia come cibo sia come medicamento.
Le varietà di mirtillo nero oggi coltivate sono soprattutto quelle derivate dal mirtillo gigante e dal cranberry.

Immagine
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2896
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Messaggioda Typone » 28 nov 2006, 18:43

Wow!

:wink:

T.
Typone
 

Messaggioda mammamamma » 2 dic 2006, 16:06

La sola distinzione che faccio è mirtillo classico o mirtillo nero e cranberry che è il mirtillo rosso, da noi si trovano nei reparti di frutta secca del super o dagli ambulanti del mercato, fresco si trova solo il mirtillo nero coltivato od allevato.
Ciao
Stefania M
Avatar utente
mammamamma
 
Messaggi: 68
Iscritto il: 25 nov 2006, 19:00
Località: Dalmine


Torna a Specialità dal mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee