Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Ricette di pasticceria

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Messaggioda raravis » 5 nov 2010, 13:26

Più o meno.
Senza burro e senza olio- quindi perfetto per gli intolleranti ai latticini.
Però, penso che un po' di olio ci sia- e sia quello delle nocciole, frullate.
In ogni caso, un gran dolce, molto connotato dal territorio (Langhe) e di grande sostanza.
La fonte è la Cucina del Corriere della Sera, metto prima la ricetta originale e poi tutte le modifiche che ho fatto via via (copio incollo dal blog, perchè è un po' lungo riscrivere tutto, specie oggi che non ho tempo... scusate lo stile ultra colloquiale)

Immagine
per 4 persone
4 uova
150 g di zucchero di canna
150 g di farina integrale
50 g di farina 00
50 g di nocciole del Piemonte, già sgusciate (se poi sono di quelle a km 13 della Licia, ancora meglio)
50 g di cioccolato fondente (70%) oppure 50 g di gocce di cioccolato
10 g di cacao in polvere
20 g di biscotti sbriciolati
sale
burro per lo stampo
(io ho aggiunto un cucchaino di lievito per dolci)

per lo sciroppo
2 dl di Malvasia
80 g di zucchero semolato

per la glassa
100 g di zucchero a velo
2 cucchiai di Malvasia

Procedimento
Tritate molto finemente le nocciole nel mixer e spezzettate il cioccolato (potete anche usare delle gocce, se preferite). Lavorate i tuorli con metà dello zucchero, fino ad ottenere una crema soffice; da parte montate gli albumi, aggiungete lo zucchero rimasto e amalgamateli al composto dei tuorli; in ultimo, unite le farine setacciate col cacao e, alla fine, i pezzettetti di cioccolato. Mescolate bene e versate il tutto in uno stampo da plum cake precedentemente imburrato e cosparso di briciole di biscotti.
In forno statico a 190 gradi per 20 minuti; poi incidete con un coltello la superficie del dolce nel senso della lunghezza, così da permettergli di aprirsi e proseguite la cottura per altri 15 minuti. Sfornate e lasciate intiepidire su una gratella.
Preparate lo sciroppo
Portare ad ebollizione il vino con lo zucchero, quindi spennellare tutto il dolce con lo sciroppo ottenuto. Lasciar raffreddare completamente il dolce
Per la glassa
Amalgamare lo zucchero a velo con il vino e stendere la glassa sul dolce. Lasciar raffreddare per alcune ore

Immagine

Miei cambiamenti

- la farina: la prima volta che ho preparato questo dolce, era perchè dovevo far fuori mezzo kg di farina integrale. Che, naturalmente, si è persa nei meandri della dispensa. E così, ho usato solo farina 00. L'ho poi rifatto con gli ingredienti originali e, in effetti, son due cose diverse. Però, sono ugualmente buone. Intendo dire che se non avete la farina integrale, potete anche provare con quella bianca e il risultato è comunque soddisfacente.

- i biscotti sbriciolati: ho usato le gocciole che mangiamo a colazione. Ma anche una galletta potrebbe andar bene o, meglio ancora, i pezzettini dei frollini che rimangono sul fondo della biscottiera: così, ricicliamo anche gli avanzi e ci mettiamo la coscienza in pace

- il Malvasia: questa è una ricetta di territorio (Langhe) e quindi il Malvasia è quello di Casorzo. Stavolta, ci sono andata vicino, perchè la cantina della famiglia del marito è più o meno in zona e quindi il loro Malvasia parla comunque piemontese, e pure langarolo: ma se avete altri passiti, vanno bene ugualmente

procedimento

- il nome: a battesimo, è "torta" ed in effetti non è propriamente un "cake". Se l'ho ribattezzato così è solo per la forma, che è anche quella dell'originale, ma del cake non ha nè gli ingredienti (manca il burro) nè la lavorazione.

- gli ingredienti originali non prevedono il lievito, il che è proprio di certi cake: io, però, un cucchiaino lo metto sempre e così ho fatto anche questa volta: lievito per dolci, setacciato insieme al cacao e ale farine

- anche se dalla ricetta sembrerebbe il contrario, non montate troppo gli albumi: è un consiglio dato da Santin, tempo fa, a cui mi sono sempre scrupolosamente attenuta (ogni tanto, dò retta a qualcuno) constatando ogni volta che il Maestro aveva ragione. Più monti, prima, più devi smontare dopo, per cercare di amalgamare l'albume al composto- e addio sofficità. Fate così: appena gli albumi non scivolano lungo i bordi del contenitore usato per montarli, aggiungete lo zucchero, a cucchiaiate, sempre montando. Appena lo zucchero è bene amalgamato, unite due cucchiai di albume al vostro composto, mescolando bene, per ammorbidire il tutto: e poi, un cucchiaio per volta, aggiungetelo al resto, incorporandolo dal basso verso l'alto, perchè non smonti.

- cottura: a 190 gradi, forno statico, un cake impiega 40 minuti a cuocere, nel mio forno. A volte, è necessario che copra la superficie con un foglio di alluminio, per evitare che scurisca. Non condivido - e difatti, ho saltato il passaggio- il taglio longitudinale del cake, per due motivi: in primis, perchè di solito il cake si "spacca" da solo. Di sicuro c'è una spiegazione, che ha a che fare con il rapporto fra la forza della spinta e quella della massa etc etc, ma come sapete, la scienza in cucina e cosa buona e giusta- e se sta fuori dalla mia, ancora di più. Ma soprattutto mi è stato insegnato che quando si cuociono dei lievitati guai ad aprire il forno, specie nella prima fase di cottura. Secondo me, 20 minuti son troppo pochi per un simile azzardo- e così ho lasciato perdere. Anche perchè non ho ancora capito l'utilità del procedimento...

- sciroppo: la ricetta non lo dice, ma voi dovere fare uno sciroppo: quindi, non basta portare il vino ad ebollizione, ma bisogna anche farlo bollire per un po, fino a quando si addensa e prende un colore traslucido: casseruolino dal fondo normale (non spesso, che sennò non la finite più), fornello più piccolo, fiamma media, occhi puntato sullo sciroppo e qualche minuto di cottura, dal bollore. Appena vedete che si è ridotto di volume e si è addensato, è pronto

- glassa: non l'ho messa. Quello che vedete nella foto è l'effetto dello sciroppo, e a me piaceva così. Anche perchè le dosi indicate dalla ricetta sono per una glassa "lenta", se mi passate il termine, non bella densa come quelle solite- e alora mi sembrava di fare un doppione. Se siete particolarmente amanti dello zucchero, nulla vi vieta il doppio strato.

Personalmente, questo è il classico dolce da dopocena, dopo teatro, dopo cinema, dopo tutto, insomma: d'obbligo è un bicchiere di vino liquoroso o di Porto, visto che il cioccolato c'è e si sente e un po' di freddo fuori, perchè un propriamente estivo non è. Però, fidatevi, è uno spettacolo...
ciao
alessandra
raravis
 
Messaggi: 128
Iscritto il: 10 apr 2008, 20:44

Re: Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Messaggioda Sandra » 8 nov 2010, 9:59

Mentre ero in cucina per i cavoli miei :) ,mi é sfuggito questo cake per intolleranti a quasi tutto :lol: !!Perfetto per la raccolta ricette dietetiche :) Grazie!!!
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8435
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Messaggioda Luciana_D » 8 nov 2010, 10:47

Era sfuggito anche a me!!!! :(
Ha un aspetto molto goloso .Grazie Alessandra :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Messaggioda misskelly » 10 nov 2010, 8:42

Beh...che dire....si può fare.....deve essere buonissimo .......lo farò senz'altro però non metterò la glassa sopra.....Grazie D:Do D:Do D:Do
Giovanna ...e Spike Immagine
Avatar utente
misskelly
 
Messaggi: 1962
Iscritto il: 25 mar 2008, 17:45
Località: ISERNIA

Re: Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Messaggioda Mapi » 10 nov 2010, 9:37

Che voglia, Ale!!!! : Chef :
La gente non vuole trovare solo la pappa pronta, vuole anche essere imboccata.

Maria Pia Bruscia
http://www.laapplepiedimarypie.blogspot.com
Avatar utente
Mapi
 
Messaggi: 142
Iscritto il: 4 dic 2006, 10:21

Re: Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Messaggioda ugo » 14 nov 2010, 16:02

Grazie anche da parte mia.
Buono,interessante ed anche ottimamente fotografato!Brava
Me le sogno delle messe a fuoco macro senza profondità di campo:molto eleganti.
Io ho una digitale da quttro soldi e ,comunque,non mi applico... :D
:saluto:
Ciò che esisteva ai tempi di Careme,esiste ancor oggi ed esisterà per quanto tempo sarà dato alla cucina di vivere.
A.Escoffier Novembre 1902
Avatar utente
ugo
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 11 gen 2008, 17:43

Re: Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Messaggioda raravis » 14 nov 2010, 18:53

ugo ha scritto:Grazie anche da parte mia.
Buono,interessante ed anche ottimamente fotografato!Brava
Me le sogno delle messe a fuoco macro senza profondità di campo:molto eleganti.
Io ho una digitale da quttro soldi e ,comunque,non mi applico... :D
:saluto:

se è per questo, nemmeno io: fa tutto mio marito :D :D
gli giro i complimenti, grazie
ciao
ale
raravis
 
Messaggi: 128
Iscritto il: 10 apr 2008, 20:44

Re: Cake nocciole cioccolato e sciroppo di malvasia senza grassi

Messaggioda jane » 14 nov 2010, 20:47

Grazie Alessandra, mi interessa la tua ricetta *smk*
Immagine
Avatar utente
jane
 
Messaggi: 1119
Iscritto il: 16 ott 2007, 21:45
Località: France, Isère, vicino a Vienne


Torna a Doce Doce

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee