La Brusela

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

La Brusela

Messaggioda Dida » 28 ott 2013, 11:11

La brusela

Ingredienti:
500 gr. di pasta da pane – 100 gr. di zucchero – 1 mela – 1 pera – 4 fichi secchi – 4 cucchiaiate di uvetta sultanina o due manciate di acini dì uva fresca, meglio se bianca – farina bianca 00 – burro

Preparare la frutta mettendo l’uvetta in una ciotola e coprendola con acqua tiepida oppure lavare, asciugare e tagliare in due gli acini d’uva levando i semini. Sbucciare pera e mela e tagliarle a dadini non troppo piccoli. Tagliare a piccoli pezzi anche i fichi secchi.
Mettere la pasta del pane in una ciotola e amalgamarvi tutto la frutta, scolare e asciugare l’uvetta e aggiungere anch’essa. Porre l’impasto in una tortiera, unta di burro e spolverizzata di farina, e far lievitare per circa un’ora o due in luogo tiepido e al riparo da correnti d’aria. Trascorso questo tempo spolverizzare la superficie del dolce con lo zucchero e irroratelo con del burro fuso. Passare in forno già caldo a 200 gradi per circa 25/30 minuti (si consiglia la prova stecchino). Si serve tiepida o fredda.

E’ un tipico dolce autunnale che si preparava con la frutta che si aveva a disposizione. Se si faceva a settembre si usavano i fichi freschi con la buccia, quelli piccoli che si trovavano negli orti e nelle campagne. C’è chi ci aggiunge anche noci e nocciole.
Una volta veniva preparata usando un misto di farine (bianca, di segale, di mais o altra a disposizione) visto che la farina bianca era usata soprattutto per il pane dei ricchi.
Era tradizione preparare il dolce a casa e poi portarlo al forno del panificio a cuocere perché i forni casalinghi, della cucina a legna, non cuocevano ad alte temperature. Ogni massaia metteva un segno distintivo sulla propria torta così da non confonderla con quella delle altre.
Daniela Mari Griner



In amore, come in cucina, ciò che è fatto troppo in fretta è fatto male.
Anonimo
Avatar utente
Dida
 
Messaggi: 2203
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:04
Località: Casorezzo MI

Re: La Brusela

Messaggioda Rossella » 28 ott 2013, 16:26

Ecco i dolci che fanno la "storia" ^rodrigo^
Grazie Dida *smk*
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: La Brusela

Messaggioda anavlis » 29 ott 2013, 10:18

Queste sono le ricette che preferisco! :clap: :clap: Grazie : Thumbup :
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10430
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: La Brusela

Messaggioda Luciana_D » 29 ott 2013, 10:59

L'assaggerei volentieri !!! ^rodrigo^ in barba a tutti i dolci complicati che continuo a fare :lol:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11827
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: La Brusela

Messaggioda Patriziaf » 30 ott 2017, 17:40

Bella preparazione.e questo è il momento per farla :wink:
Patrizia
Avatar utente
Patriziaf
MODERATORE
 
Messaggi: 2641
Iscritto il: 22 lug 2012, 20:15
Località: Cisterna di Latina


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee