° BRIOCHES DI LUCERNA SOFFICISSIME

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° BRIOCHES DI LUCERNA SOFFICISSIME

Messaggioda robertopotito » 14 mag 2007, 9:43

BRIOCHES DI LUCERNA SOFFICISSIME

INGREDIENTI

1 kg di farina forte (Manitoba)
350 gr di latte intero a temperatura ambiente
20 gr di lievito di birra freschissimo
10 gr di malto in polvere o liquido
140 gr di uova intere
280 gr di burro morbido
230 gr di zucchero semolato
limone grattugiato
vaniglina

ESECUZIONE

Sciogliere il lievito, il malto e lo zucchero nel latte e miscelare con la farina.Mescolare il sale con le uova e aggiungere al preparato precedente.
Dopo avere intriso per bene gli ingredienti avviate l’impasto, lavoratelo per almeno una decina di minuti: risulterà alquanto sodo e consistente.
Copritelo con un panno leggermente umido e fatelo riposare per circa 30 minuti (più a lungo va bene, ma minor tempo no).
Riprendete l'impasto ed unitevi il burro in almeno tre riprese: non aggiungetene altro se la quantità precedente non sarà stata adeguatamente assorbita.
Tale procedura, secondo la mia esperienza, è consigliabile ogni volta che è necessario incorporare una quantità di grassi agli impasti lievitati; questo accorgimento consente di non appesantire l'impasto fin dall'inizio, permettendo un migliore sviluppo del prodotto nel corso della lievitazione ed in cottura.

A questo punto, impastare energicamente e con pazienza per almeno una ventina di minuti, sbattendo ripetutamente l’impasto su di una superficie leggermente infarinata, facendo attenzione che l'impasto non si "strappi"(non raggiunga il punto di rottura); dovrete continuare a lavorare fino a quando l'impasto non si presenterà estremamente liscio e vellutato pur mantenendo una buona consistenza.

A questo punto, ungerlo con del burro e riporlo in una terrina capiente coperta da pellicola trasparente.
Fare lievitare per circa un’ora e trenta fino a quando l’impasto non avrà raddoppiato il proprio volume.
A lievitazione avvenuta, riprendere l’impasto e forgiarlo della forma desiderata (piccoli panini, panettoncini etc).

Lucidare le forme con uovo sbattuto e fare lievitare nuovamente.Infornare a 180° fino a quando le brioches non avranno terminato la lievitazione e non appena avranno cominciato ad assumere una leggera colorazione, estrarle dal forno e farle intiepidire, tagliare la calotta superficiale e guarnire con crema pasticcera mista a frutta secca e/o uva sultanina o canditi.

Infornare per altri cinque o sei minuti e lucidare con gel per torte a raffreddamento ultimato.
In alternativa, è possibile anche, una volta che le brioches avranno terminato la lievitazione e prima che alcune di esse vengano infornate, cospargerne la superficie con dello “streusel” (farina, zucchero e burro ammorbidito in parti uguali e lavorati con la forchetta).

ecco qualche foto:

ImmagineImmagine

ImmagineImmagine

Immagine
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda benedetta lugli » 14 mag 2007, 9:56

Roberto grazie, mi si struggono in bocca! :-P<^
Cucino per amore
Avatar utente
benedetta lugli
 
Messaggi: 403
Iscritto il: 27 nov 2006, 21:34
Località: firenze

Messaggioda M.Giovanna » 14 mag 2007, 9:59

Grazie Roberto, il peso delle uova è con il guscio o senza?
M.Giovanna
 
Messaggi: 269
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:36

Messaggioda robertopotito » 14 mag 2007, 10:25

senza
ciao cara!!!
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda M.Giovanna » 14 mag 2007, 11:41

Grazie Roberto :wink:
M.Giovanna
 
Messaggi: 269
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:36

Messaggioda pikkolin@ » 14 mag 2007, 13:19

Mamma mia! Una più invitante dell'altra: non saprei quale fare per prima!
pikkolin@
 
Messaggi: 232
Iscritto il: 9 gen 2007, 14:40
Località: Roma

Messaggioda maria rita » 14 mag 2007, 13:31

Che meraviglia!
La dieta dovrà aspettare ancora un po'
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Messaggioda Rossella » 14 mag 2007, 22:00

Sono a dieta... :sigh:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda robertopotito » 16 mag 2007, 8:51

Rossella ha scritto:Sono a dieta... :sigh:


ma se sei una piuma???
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda mammamamma » 16 mag 2007, 10:09

Con la dose iniziale quanti dolcetti ottieni?
Che voglia ........ :P
Stefania M
Avatar utente
mammamamma
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 25 nov 2006, 19:00
Località: Dalmine

Messaggioda robertopotito » 16 mag 2007, 16:35

ciao carissima,
ottieni circa una ventina di pezzi:ovviamente il numero dipende anche dalla grandezza delle forme.Comunque, si possono tranquillamente congelare...
bacioni
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda piero » 17 mag 2007, 9:50

...che spettacolo per gli occhi...e non oso pensare il piacere per il palato.

Salvo e metto in cantiere.

btw: Roberto, ho letto da qualche altro topic che sei abiti a Roma: in quale zona? (non si sa mai...magari stai a 30 metri da casa mia...scambi culinari reali, oltre che virtuali, fanno sempre piacere :wink: )
Ciao
piero
 
Messaggi: 96
Iscritto il: 24 apr 2007, 10:39
Località: Roma


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee