Brioche di Natale all'uvetta e pinoli.

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Brioche di Natale all'uvetta e pinoli.

Messaggioda Etta » 21 dic 2012, 16:05

Anche senza lm ricordiamo il Natale...brioche di Natale,dal blog di Paoletta..
Avatar utente
Etta
 
Messaggi: 1058
Iscritto il: 5 lug 2007, 14:04
Località: Milano

Re: Brioche di Natale

Messaggioda nicodvb » 21 dic 2012, 16:08

Immagine

:clap: :clap: :clap: :clap:
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Brioche di Natale

Messaggioda nicodvb » 21 dic 2012, 16:09

Si può vivere felicemente anche senza mostriciattoli in frigo :mrgreen:
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: Brioche di Natale

Messaggioda Etta » 21 dic 2012, 16:16

E senza stress di rinfreschi e bagnetti...
Avatar utente
Etta
 
Messaggi: 1058
Iscritto il: 5 lug 2007, 14:04
Località: Milano

Re: Brioche di Natale

Messaggioda Rossella » 21 dic 2012, 16:21

Etta ha scritto:Anche senza lm ricordiamo il Natale...brioche di Natale,dal blog di Paoletta..


Assolutamente si :wink:
E, la ricetta... :piedino
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Brioche di Natale

Messaggioda miao » 21 dic 2012, 17:54

Rossella ha scritto:
Etta ha scritto:Anche senza lm ricordiamo il Natale...brioche di Natale,dal blog di Paoletta..


Assolutamente si :wink:
E, la ricetta... :piedino

infatti : orologio:
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3590
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: Brioche di Natale

Messaggioda Etta » 21 dic 2012, 18:07

Ops...pensavo bastasse aver citato la fonte da cui ho attinto la ricetta.Non e' cosi'?
Avatar utente
Etta
 
Messaggi: 1058
Iscritto il: 5 lug 2007, 14:04
Località: Milano

Re: Brioche di Natale

Messaggioda Etta » 21 dic 2012, 18:13

Allora,Brioche di Natale all'uvetta e pinoli di Paoletta..ingredienti: biga di 12 ore 100 gr manitoba,50 gr acqua,1.5 gr lievito di birra .Impasto: 380 gr farina W330/350,125 gr latte,65 gr acqua,120 grzucchero,100 gr burro,1 uovo,1 tuorlo,8 gr lievito di birra,5 gr sale,semi vaniglia,aromi vari,1 cucch. rum,200 gr uvetta.1 albume per spennellare e pinoli q.b.per decorare.Il metodo e' il solito di Adriano.Una volta finito l'impasto o si mette in frigo per 8 ore oppure si lascia a t.amb.per 1 ora,poi si divide in 2 parti uguali,si avvolge con i pollici 1 volta sola,attendere 10 min allungare i 2 pezzi,alvvolgerli tra loro a formare un treccione.Imburrare un plumcake 30x10.5 cm,adagiarvi l treccione e coprire con pellicola.Attendere che l'impasto superi 2 dita il bordo,spennellare con albume e decorare con pinoli.Forno 200 gradi per 15 min.,coprire con foglio alluminio e abbassare a 170 gradi per 35/40 min.Prova stecchino.
Avatar utente
Etta
 
Messaggi: 1058
Iscritto il: 5 lug 2007, 14:04
Località: Milano

Re: Brioche di Natale

Messaggioda Rossella » 21 dic 2012, 18:44

Etta ha scritto:Ops...pensavo bastasse aver citato la fonte da cui ho attinto la ricetta.Non e' cosi'?

Aggiungendo il link di riferimento :wink:
E' giusto riportare anche la ricetta, diventa più semplice e di immediata consultazione, sopratutto se poi da essa, ne scaturiscono domande e confronti. :D

Dal blog di anice e cannella

LA BRIOCHE DI NATALE ALL'UVETTA E PINOLI


Ingredienti:
150 gr di lievito madre (in sostituzione fate una biga 12 ore prima con 100 gr di manitoba, 50 gr di acqua e 1,5 gr di lievito di birra fresco, lasciata fermentare a 18°)
380 gr di farina W330/350 (in alternativa manitoba del supermercato)
125 gr di latte
65 gr di acqua
120 gr di zucchero
100 gr di burro
1 uovo
1 tuorlo
8 gr di lievo di birra fresco
5 gr di sale
1 cucchiaio di rhum
1 cucchiaino di estratto di vaniglia home-made (in alternativa i semini di una bacca)
la buccia di un'arancia grattugiata

200 gr di uvetta
pinoli
1 albume

Procedimento:


Mettere in ammollo l'uvetta in acqua tiepida con qualche cucchiaio di rhum.
Sciogliere nella planetaria il lievito madre (rinfrescato due volte) o la biga a pezzettini, nell'acqua e latte, usando la foglia.
Aggiungere il lievito di birra sbriciolato, e tanta farina, presa dal totale, quanto basta per ottenere un impasto morbido, amalgamare. Unire un tuorlo, 30 gr di zucchero e subito dopo un po' di farina quanta ne serve per ridare all'impasto una consistenza morbida.
Ad assorbimento di uovo e zucchero, proseguire con l'altro tuorlo, 40 gr di zucchero e ancora un po' di farina.
Continuare con l'albume rimasto, 50 gr di zucchero, il sale aggiungendo poca alla volta tutta la farina riservandone un cucchiaio.
Incordare l'impasto con la foglia.
Dividere il burro in tre parti e aggiungerlo in tre riprese, la seconda ad assorbimento della prima parte e così via.
Unire il rhum poco alla volta, la buccia grattugiata dell'arancia e la vaniglia. Ad assorbimento unire la farina rimasta ed incordare l'impasto.
Togliere la foglia e usare il gancio per inserire l'uvetta ben strizzata e asciugata. Quando questa sarà ben distribuita, avrete due strade:
1. formare una palla con l'impasto, metterlo in un contenitore, coprirlo con pellicola e lasciarlo in frigo circa 8 ore. In questo caso tirarlo fuori al mattino, e lasciarlo a temperatura ambiente circa 1 ora e mezza prima di proseguire.
2. lasciar puntare l'impasto 1 ora in un contenitore coperto da pellicola, poi spezzare in due pezzi uguali (pesarli!) avvolgerli (una sola volta) con i pollici senza serrare troppo, il Maestro spiega qui, attendere 10' allungare i due pezzi, avvolgerli tra loro a formare un treccione.
Imburrare uno stampo antiaderente da plumcake da 30 x 10,5 cm. adagiarvi il treccione e coprire con pellicola. Attendere che superi il bordo di due dita circa, spennellare con un albume, decorare con pinoli e infornare a 200° per i primi 15', coprire con un foglio di alluminio se la superficie si è ben dorata e proseguire la cottura a 170° per altri 35'/40'.
Fare la prova stecchino al centro, deve uscire asciutto e non deve trovare resistenza quando si infila.


Read more: http://aniceecannella.blogspot.com/2010 ... z2Fi4732U4
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: Brioche di Natale all'uvetta e pinoli.

Messaggioda Etta » 21 dic 2012, 21:02

Grazie Rossella...cosi e' bellissimo,io sono anni luce da questo.
Avatar utente
Etta
 
Messaggi: 1058
Iscritto il: 5 lug 2007, 14:04
Località: Milano

Re: Brioche di Natale all'uvetta e pinoli.

Messaggioda Rossella » 21 dic 2012, 21:15

Etta ha scritto:Grazie Rossella...cosi e' bellissimo,io sono anni luce da questo.

Di nulla cara :saluto:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone


Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee