° Biove,Pane al brie,Panmarino,Streghe "Sorelle Simili

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

° Biove,Pane al brie,Panmarino,Streghe "Sorelle Simili

Messaggioda Clara » 31 mar 2007, 22:29

Come promesso, ecco il mio reportage dal corso delle sorelle Simili, bravissime e simpaticissime.
Non ho potuto fare molte foto purtroppo perchè eravamo in molti.
Alcune foto sono perciò delle mie esecuzioni.

BIOVE TORINESI

[Immagine

Immagine
Immagine

Immagine

Immagine
Ingredienti:

1 kg di farina (anche di forza)
35 gr lievito di birra
18 gr di sale
40 gr di strutto
10 gr di malto
600 gr di acqua

Fare la fontana con la farina, sbriciolare e sciogliere al centro lo lievito con quasi tutta l'acqua, unire il malto e scioglierlo, raccogliere a poco a poco la farina e aggiungere il sale, infine lo strutto. Unire il resto della farina e se necessario il resto dell'acqua.
Lavorare 8-10 minuti poi far riposare in una ciotola coperta e precedentemente unta con un poco di strutto, per circa 20-25 minuti.
Dividere l'impasto in 4 parti, arrotondarli e stenderli fino ad ottenere un rettangolo abbastanza sottile, arrotolare lento dal lato lungo, metterlo in posizione verticale sulla spianatoia e spianare nuovamente formando una striscia lunga e sottile.
Arrotolare la striscia, premendo ai lati per evitare che si formino le punte, sino ad ottenere una chiocciola. Far lievitare dividendo le forme con un canovaccio infarinato, punta contro punta, per 35-45 minuti.
Dividere i pezzi in due per la lunghezza della chiocciola con un coltello di legno o una raspa di plastica, appoggiarli sulla teglia con il taglio verso l'alto e praticare dei tagli con una lametta sulla superficie.
Infornare in forno già caldo a 200° per 25-30 minuti.

PANE AL BRIE

Immagine
ingredienti
fondo:
300 gr di farina
150 gr di acqua
3 gr di lievito di birra
Impastare questi ingredienti e lievitare 10-12 ore

Impasto
200 gr di farina
170 gr di acqua
150 gr di formaggio brie
15 gr di lievito
5 gr di malto d'orzo
10 gr di sale

Tagliare il brie a dadini compresa la scorza. Mettere l'acqua, il lievito e il malto nella ciotola del fondo sminuzzandolo bene e manipolandolo fino ad ottenere un composto fluido, tipo poltiglia, metterlo al centro della fontana che avrete fatto sul tavolo, aggiungere a poco a poco la farina, il sale e per ultimo il formaggio. Impastare finche sarà ben amalgamato, senza battere. L'impasto deve essere tenero ma non appiccicoso. Coprire e far lievitare 20/30 minuti. Dividere l'impasto a metà e formare due ovali da porre sulla teglia. Far lievitare altri 30/40 minuti.
Prima di infornare cospargere i due filoni con uno strato leggero e omogeneo di farina e incidere la superficie con 4 tagli verticali. Infornare a 210/220° per circa 20 minuti.

PANMARINO

Immagine

Ingredienti
150gr di farina
15 gr di lievito di birra
85 gr di acqua
Amalgamare questi ingredienti e far raddoppiare (30 minuti circa) in modo da formare il lievitino

300 gr di farina
175 gr di acqua o latte
2 cucchiai rasi di rosmarino tritato (o pepe verde schiacciato)
2 cucchiai di olio evo
2 cucchiaini di sale
Sale grosso marino facoltativo

Fare la fontana, mettere al centro tutti gli ingredienti ad eccezione del sale grosso, e unendo il lievitino spezzettato.
Amalgamare bene poi prendere a poco a poco la farina, il sale e terminare l'impasto. Lavorare e battere per 8/10 minuti fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico ma non appiccicoso. Porre in una ciotola unta con olio e far raddoppiare per circa un'ora e mezza. Rovesciare sul tavolo e formare una palla, con una lama incidere sulla cupola una stella a sei punte e far lievitare per 40/50 minuti nella teglia. Prima di infornare mettere un poco di sale grosso nel taglio. Infornare a 210° per 10' , abbassare a 190° per 15 minuti, trasferire sulla griglia ed abbassare a 170/180° per altri 15 minuti.


STREGHE

Immagine

Immagine

Ingredienti:
500 gr di farina 0 o 00
250 gr di acqua
50 gr di strutto
25 gr di lievito di birra
12 gr di sale
Olio evo
Olio di semi

Formare la fontana sul tavolo e sciogliere al centro prima lo lievito con l'acqua, aggiungere poco per volta la farina, unendo il sale e poi lo strutto, lavorare e battere l'impasto per 8-10 minuti. Far riposare coperto per 45-50 minuti.
Ungere le teglie con l'olio di semi. Prendere un pezzo di pasta, tirare leggermente, mettere un po' di farina su metà della pasta, ripiegare e tirare sottile, stendere sulla teglia. Pennellare con olio di oliva, salare, tagliare con la rotella e cuocere in forno a 200°/210°
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6383
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Messaggioda Mar-Arg » 31 mar 2007, 23:53

:shock: :shock: :shock: :shock: :D :D :D :roll: :roll: :roll: :roll: que espectáculo!!!
Avatar utente
Mar-Arg
 
Messaggi: 53
Iscritto il: 7 mar 2007, 14:52

Messaggioda lella » 1 apr 2007, 7:55

Grazie Clara!
lella garbellotto
lella
 
Messaggi: 68
Iscritto il: 25 nov 2006, 20:51
Località: pioltello(mi)

Messaggioda Sandra » 1 apr 2007, 8:13

Grazie Clara!!!

Fantastico!!!!



Sandra
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Messaggioda Clara » 1 apr 2007, 9:19

Grazie a chi mi ha sistemato le foto in modo più logico! :oops: :D :D
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6383
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Messaggioda Rossella » 1 apr 2007, 9:28

Clara ha scritto:Grazie a chi mi ha sistemato le foto in modo più logico! :oops: :D :D

grazie a te per avere pensato a noi :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda francesca » 1 apr 2007, 19:07

Grazie, checchè se ne dica sono proprio bravissime, e le loro ricette una garanzia!
francesca
Avatar utente
francesca
 
Messaggi: 256
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:58
Località: lonato del garda

Messaggioda pikkolin@ » 2 apr 2007, 7:33

Che bel reportage, grazie 1000!
pikkolin@
 
Messaggi: 232
Iscritto il: 9 gen 2007, 14:40
Località: Roma

Messaggioda Mapi » 3 apr 2007, 10:53

Slurp!
A un altro corso le Simili hanno proposto un pane alla frutta secca, da gustare con i formaggi stagionati, che è semplicemente delizioso.

Riporto la ricetta:

PANE ALLA FRUTTA (Sorelle Simili)

Lievitino al raddoppio:
150 g di farina 0 di forza, 140 g di latte tiepido, 20 g di lievito.
Impastare a fontana in una ciotola (è molto morbido, quasi un poolish)

Impasto
350 g di farina 0 di forza, 50 g di burro fuso, 2 cucchiaini di sale, 1 cucchiaino di zucchero, 140 g di latte tiepido, 150 g di prugne secche ammollate per 30 minuti, 150 g di albicocche secche ammollate per 30 minuti, 150 g di banane tagliate a metà e a tronchetti (oppure sostituire con fichi secchi).

Sminuzzare il lievitino unendo il latte (direttamente in ciotola), e battendo finchè sarà ben amalgamato, unire in 2/3 volte la farina sempre battendo, unire il sale, lo zucchero e per ultimo il burro fuso sempre battendo. Rovesciare sul tavolo, lavorare e battere per 8/10 minuti. Rimettere nella ciotola, schiacciarlo un pò dentro la ciotola, e fare riposare per circa 45 minuti fino al raddoppio.

Rovesciare sul tavolo, fare un filone, dividere in 3 parti e fare con ogni parte un filone lungo circa 25/30 cm. Con un matterello spianarli fino ad averli alti circa 15 cm. (non si parla di spessore, ma di altezza del rettangolo: bisogna ottenere tre rettangoli, con base 25/30 cm, altezza 15 cm, e spessore circa 1 cm. Questi rettangoli li riempi con la frutta dal lato lungo, come indicato nella ricetta, e poi li arrotoli. ottenuti i cilindri, formi il treccione.). Disporre sopra ognuno di loro un tipo di frutta, formando una prima fila lungo il lato lungo, lasciando circa 1 cm e mezzo di pasta scoperta, poi una seconda fila a circa 1 cm di distanza. Fare lo stesso con il resto della frutta. Arrotolare e allungare premendo, e formare una treccia. Lievitare 50/60 minuti, pennellare con l'uovo battuto e cuocere a 200° per 20 minuti, poi abbassare a 180° per altri 15/20 minuti, se diventa troppo rossa coprire. Raffreddare per circa 2 ore e poi rimettere in forno a 17° per circa 15 minuti. Se lo fate in anticipo tenete quest'ultimo passaggio per quando lo servite.
----------------

Io l'ho preparato prima con i fichi secchi al posto delle banane e poi con l'uvetta, sempre al posto delle banane. Trovo però che 20 g di lievito di birra siano troppi e quando l'ho rifatto (l'altro ieri) ho fatto il lievitino al raddoppio usando mezzo cubetto di l.d.b.: èlievitato perfettamente lo stesso.

Siccome non ho modo di scaldare il pane per 15' prima di servirlo, ho allungato la cottura a 180 C di 10 minuti (quindi 20' a 200°C e 30' a 180°C). Davvero squisito, sia con il gorgonzola che da solo.
La gente non vuole trovare solo la pappa pronta, vuole anche essere imboccata.

Maria Pia Bruscia
http://www.laapplepiedimarypie.blogspot.com
Avatar utente
Mapi
 
Messaggi: 142
Iscritto il: 4 dic 2006, 10:21

Messaggioda GRAN CANARIA » 4 apr 2007, 11:19

una autentica MARAVILLA.
GRAN CANARIA
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 20 feb 2007, 21:06
Località: GRAN CANARIA (CANARIAS)

Messaggioda ila » 6 apr 2007, 21:59

Clara dove e quando hai fatto il corso? La settimana scorsa ne ho fatto uno anche io... :D
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda Clara » 9 apr 2007, 17:35

ila ha scritto:Clara dove e quando hai fatto il corso? La settimana scorsa ne ho fatto uno anche io... :D



Ho seguito la lezione di giovedi 29 marzo qui a Rivoli, alla scuola Maggiorana.

Mi sono già prenotata per la prossima lezione che sarà a fine ottobre :D
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6383
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Messaggioda robertopotito » 11 apr 2007, 15:25

grazie!!! bellissimo reportage e ricette interessanti!!!
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda biarob » 12 apr 2007, 11:38

Grazie Clara, il panmarino e il pane al briè non li ho mai fatti ai loro corsi! *smk*
roberta
Avatar utente
biarob
 
Messaggi: 226
Iscritto il: 27 nov 2006, 8:07
Località: scanzorosciate (bg)

Messaggioda luvi » 12 apr 2007, 18:31

:D dalla ricetta delle simili.. i miei mini Biove...
li dovrei fare più alti.. ma quando taglio a metà il "rotolino" mi si schiaccia.. mi sa che dovrei usare un attrezzo più tagliente o tagliarli quando la lievitazione è meno avanzata...
altra domanda: il taglio una volta divisi in due è uno solo centrale o tre.. dalla foto mi è venuto un dubbio..



altre foto sulle mie pagine di flickr..:D

ma devo avere sempre avere problemi con la pezzatura? o troppo piccoli o troppo giganti?! :shock: :D
luvi
 

Messaggioda robertopotito » 13 apr 2007, 6:34

luvi ha scritto::D dalla ricetta delle simili.. i miei mini Biove...
li dovrei fare più alti.. ma quando taglio a metà il "rotolino" mi si schiaccia.. mi sa che dovrei usare un attrezzo più tagliente o tagliarli quando la lievitazione è meno avanzata...
altra domanda: il taglio una volta divisi in due è uno solo centrale o tre.. dalla foto mi è venuto un dubbio..

altre foto sulle mie pagine di flickr..:D

ma devo avere sempre avere problemi con la pezzatura? o troppo piccoli o troppo giganti?! :shock: :D


bellissime!!!!
Roberto Potito
Finchè la barca va tu non remareee...finchèla barca va...lasciala andareee..(Orietta Berti)
robertopotito
 
Messaggi: 446
Iscritto il: 28 nov 2006, 7:38

Messaggioda ila » 13 apr 2007, 6:44

Luvi al corso che ho fatto io con le simili per tagliare il pane e non spatasciarlo lo incidevano molto bene prima con una lametta o cutter, e usavano la spatola solo per l'ultimo taglio altrimenti tendeva a sgonfiarsi. e poi puoi provare a fare i rotolini più...rotoloni, più ciccioni così­ anhe se un pò si abbassano rimangono più grossi...
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 695
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda luvi » 13 apr 2007, 11:14

:D
avevo immaginato.. anche se dalle foto del libro si vedeva solo la spatola di plastica appoggiata a fine incisione..:D

Poi proverò..:D
luvi
 

Messaggioda Rossella » 8 ott 2007, 18:33

biove.jpg
Silvana, questo è per te :wink:
Era da tanto tempo che non facevo il biove, stamane Anne me ne ha messo voglia, avevo gia deciso di panificare, cosi ho preso il mio lievituzzo beddu e ci ho fatto i biove :lol:
con metà dose ho utulizzato 200gr. di lm.ho commesso un errore, ossia ho fatto solamente due tagli invece che tre :result^


ancora grazie Clara, per questo magnifico 3d :wink:
Immagine
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Anne » 9 ott 2007, 14:54

ma che belli che sono!
quando sarògrande :lol: anch'io proverò a fare il lm...
Avatar utente
Anne
 
Messaggi: 159
Iscritto il: 24 apr 2007, 9:24

Prossimo

Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee