Arancine

Ricette

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

Arancine

Messaggioda Rossella » 25 nov 2006, 23:34

Immagine

Immagine



Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Arancine

ingredienti


1 chilo di riso cotto al dente e messo a scolare raccogliendo in una ciotola l'ultima acqua di scolatura del riso(l'amido che contiene farà da collante per la panatura)
100gr. di burro,
6 uova
200gr. di parmigiano
1/2 bustina di zafferano(secondo il gusto)

Cuocere il riso al dente aggiungendo nell'acqua di cottura lo zafferano e il sale, metterlo a scolare raccogliendo in una ciotola l'ultima acqua di scolatura del riso,(l'amido che contiene farà da collante per la panatura)
aggiungere di seguito a caldo, 100gr. di burro, appena il riso si sarà raffreddato aggiungere 6 uova gradualmente, 200gr. di parmigiano, ed infine qualche mestolo del sugo della carne che avremo gia preparato in precedentemente.

ripieno

800gr, di carne mista tra vitello e maiale(che sia tenera da potersi alla fine sfilacciare)
estratto di pomodoro
cipolla
sale pepe
sedano
carota
cacio cavallo fresco tagliato a cubetti

Altri possibili rpieni aggiuntivi:
pisellini primavera cotti al burro
beschamella soda, burro e formaggio
spinaci e formaggio

procedimento

In un grande tegame soffriggete la cipolla tritata, aggiungete la carne, sale pepe, sfumate con mezzo bicchiere di vino lasciate che si consumi e aggiungete l'estratto di pomodoro diluito con acqua, lasciate cuocere a fuoco lento finchè la carne sarà talmente tenera da potersi sfilacciare.

Prendete un pò dell'impasto fatto con il riso e fatene una conchetta, versate in essa un pò di ripieno, qualche dadino di caciocavallo fresco e coprite con altro riso, formando una palla.
Bagnate la palla di riso con l'acqua che avrete conservato dalla scolatura del riso, e susseguentemente nella mollica di pane e friggete in olio caldo.


Le arancine sono una delle classiche preparazioni a base di riso nella cucina tipica siciliana. Possono degnamente sostituire il primo piatto perchè in definitiva si tratta di un timbaletto di riso. Sono una specialità palermitana, ma vengono fatte, con qualche variante, in tutta l'isola. Nella Sicilia orientale, a Messina e a Catania soprattutto, è d'uso prepararli a forma ovaloide. Nel resto dell'isola, invece, la forma è rotonda, simile ad una arancia, dalla quale appunto prende il nome per analogia. Diversi anche i ripieni: con un tocco di formaggio nel catanese, con cipolla e vino bianco nell'ennese e con cacio, senza zafferano, nel ragusano.

Ringrazio Anna, (in questa particolare occasione è lei che mi ha aiutata)da lei ho appreso e imparato molto della cucina palermitana, tradizioni di famiglia che conservo gelosamente e che porto nel cuore oltre che in cucina!:-)
Ultima modifica di Rossella il 24 apr 2007, 13:59, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda chouchie » 2 dic 2006, 7:20

Rossella,
con questa quantità quante persone sfamo? considera che le faccio piccoline, sono un antipasto... giovedi' ho la serata italiana al club... saranno circa 50.

grazie!
chouchie
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 27 nov 2006, 16:52

Messaggioda Rocca » 2 dic 2006, 15:42

Carissima Rossella,

Che meraviglia!!!! Ti ringrazio moltissimo...conserveròanch'io molto gelosamente la tua ricetta, perchè ho sempre gustato con molto piacere questa ricetta siciliana, senza mai saperne i segreti.

un abbraccio
Stefano Rocca

piango le cose umanamente amate
Carlo de' Dottori, Aristodemo, Atto III, scena III
Rocca
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 27 nov 2006, 14:34

Messaggioda Rossella » 2 dic 2006, 17:29

chouchie ha scritto:Rossella,
con questa quantità quante persone sfamo? considera che le faccio piccoline, sono un antipasto... giovedi' ho la serata italiana al club... saranno circa 50.

grazie!

Con quella quantità d'impasto vengono 25 arancine, secondo me dovresti aumentare la dose, diciamo un kilo e mezzo di riso.
buon lavoro :wink:
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda carlam » 3 gen 2007, 17:50

Ieri ho fatto le arancine di rossella ma c 'è un segreto per riuscire a formare l'arancina senza che il riso si attacchi alle mani?
Certo che il sapore è eccezzionale!
Immagine
carla
Avatar utente
carlam
 
Messaggi: 27
Iscritto il: 2 gen 2007, 9:04
Località: brescia

Messaggioda Rossella » 3 gen 2007, 18:10

carlam ha scritto:Ieri ho fatto le arancine di rossella ma c 'è un segreto per riuscire a formare l'arancina senza che il riso si attacchi alle mani?
Certo che il sapore è eccezzionale!
Immagine

Grazie innanzi tutto :oops:
e poi nessun particolare segreto, lavo le mani piuttosto spesso tra un'arancina e l'altra, solo pratica ti assicuro :wink:
Sbaglio o la panatura mi sembra debole, (hai fatto una foto del piatto finito?)se cosi fosse la prossima volta pana un pò di più, oppure pana due volte, potrebbe dipendere dal tipo di pan grattato utilizzato o perchè non hai bagnato sufficentemente con l'acqua di cottura del riso, il filmatino lo hai visto vero?
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Ospite » 3 gen 2007, 18:12

Che meraviglia.
Alcuni dicono di non usare l'uovo nemmeno sotto tortura. Io non so.
Ospite
 

Messaggioda Rossella » 3 gen 2007, 18:28

vulkanino ha scritto:Che meraviglia.
Alcuni dicono di non usare l'uovo nemmeno sotto tortura. Io non so.

l'uovo dentro l'impasto dici?
E'solo una questione di scuola, io li ho imparati da mia suocera Palermitana DOC te lo assicuro, non ritengo ne io e ne lei essere detentrici di verità  in cucina, ma è la sua ricetta delle arancine che si tramandano da piùdi un secolo nella sua famiglia.
Posso consigliarti di leggere un libro molto interessante sulla cultura siciliana
i sapori della memoria, viaggio in Sicilia, di Pippo Perni.
ma potrei menzionartene tanti altri.
Ultima modifica di Rossella il 3 gen 2007, 18:41, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda carlam » 3 gen 2007, 18:32

Infatti le dovevo passare due volte nella panatura comunque nel friggerle non si sono aperte.
Una parte le ho surgelate perchè anche facendole metà dose erano sempre tante , spariranno la prossima venuta di mia figlia!
carla
Avatar utente
carlam
 
Messaggi: 27
Iscritto il: 2 gen 2007, 9:04
Località: brescia

Messaggioda Danidanidani » 3 gen 2007, 18:38

Rossella ha scritto:
vulkanino ha scritto:Che meraviglia.
Alcuni dicono di non usare l'uovo nemmeno sotto tortura. Io non so.

l'uovo dentro l'impasto dici?
E'solo una questione di scuola, io li ho imparati da mia suocera Palermitana DOC te lo assicuro, non ritengo ne io e ne lei essere sia detentrice di verità in cucina, ma è la sua ricetta delle arancine che si tramandano da parecchi anni nella sua famiglia.


Anche io metto le uova, il burro e il parmigiano nel riso, proprio come Rossella...e anche a me è stato insegnato così da mia suocera (messinese).L'unica differenza è che mia suocera non metteva lo zafferano e neanche io lo adopero. :D :D :D
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 3214
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Messaggioda Rossella » 4 gen 2007, 8:53

Danidanidani ha scritto:
Rossella ha scritto:
vulkanino ha scritto:Che meraviglia.
Alcuni dicono di non usare l'uovo nemmeno sotto tortura. Io non so.

l'uovo dentro l'impasto dici?
E'solo una questione di scuola, io li ho imparati da mia suocera Palermitana DOC te lo assicuro, non ritengo ne io e ne lei essere sia detentrice di verità in cucina, ma è la sua ricetta delle arancine che si tramandano da parecchi anni nella sua famiglia.


Anche io metto le uova, il burro e il parmigiano nel riso, proprio come Rossella...e anche a me è stato insegnato così da mia suocera (messinese).L'unica differenza è che mia suocera non metteva lo zafferano e neanche io lo adopero. :D :D :D

Mia suocera fa proprio questo, lei mette solo zafferano, io aggiungo un mestolo di sugo, naturalmente è solo una questione di gusto, pensa nella zona del Ragusano il riso veniva cotto nel brodo di pollo aromatizzato con lo zafferano, paese che vai usanza che trovi. :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Danidanidani » 4 gen 2007, 10:50

Rossella ha scritto:
Danidanidani ha scritto:
Rossella ha scritto:
vulkanino ha scritto:Che meraviglia.
Alcuni dicono di non usare l'uovo nemmeno sotto tortura. Io non so.

l'uovo dentro l'impasto dici?
E'solo una questione di scuola, io li ho imparati da mia suocera Palermitana DOC te lo assicuro, non ritengo ne io e ne lei essere sia detentrice di verità  in cucina, ma è la sua ricetta delle arancine che si tramandano da parecchi anni nella sua famiglia.


Anche io metto le uova, il burro e il parmigiano nel riso, proprio come Rossella...e anche a me è stato insegnato così da mia suocera (messinese).L'unica differenza è che mia suocera non metteva lo zafferano e neanche io lo adopero. :D :D :D

Mia suocera fa proprio questo, lei mette solo zafferano, io aggiungo un mestolo di sugo, naturalmente è solo una questione di gusto, pensa nella zona del Ragusano il riso veniva cotto nel brodo di pollo aromatizzato con lo zafferano, paese che vai usanza che trovi. :wink:



Verissimo Rossella.Tanto pere continuare a parlare un po', mia nonna paterna, originaria di Ragusa e poi vissuta a Siracusa e a Messina, faceva gli arancini (a proposito, da me si usa il maschile...) a partire dal riso cotto col brodo di pollo, come dici, ma a mo' di risotto...non metteva però zafferano e neppure uova nel risotto, solo parmigiano.Devo dire che così li ricordo soltanto e li ho visti fare da lei, ma non li ho mai preparati.Prima o poi li farò.Insomma, mi sono tornati tanti ricordi...bacione Daniela
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 3214
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Messaggioda Ospite » 4 gen 2007, 11:00

Rossella ha scritto:Posso consigliarti di leggere un libro molto interessante sulla cultura siciliana
i sapori della memoria, viaggio in Sicilia, di Pippo Perni.
ma potrei menzionartene tanti altri.


In Internet non lo trovo, ho trovato solo questo: http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?shop=2057&c=RRBRWGDFRKAVU

Sei sicura del titolo/autore?

Amo molto la Sicilia e con i siciliani mi trovo sempre benissimo, non può essere un caso! A proposito, già che ci sono, una volta a Palermo ho comprato una specie di salsetta per fare gli spaghetti, una cosa strepitosa. Era fatta con olio, capperi, pomodori secchi, carote tagliate julienne e non so che altri intrugli, ma un dosaggio così perfetto che a distanza di tempo ancora mi manca! Sai mica come si chiama quell'intruglio e come si può acquistare a distanza??

Grazie.
Ospite
 

Messaggioda Rossella » 4 gen 2007, 11:06

vulkanino ha scritto:
Rossella ha scritto:Posso consigliarti di leggere un libro molto interessante sulla cultura siciliana
i sapori della memoria, viaggio in Sicilia, di Pippo Perni.
ma potrei menzionartene tanti altri.


In Internet non lo trovo, ho trovato solo questo: http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?shop=2057&c=RRBRWGDFRKAVU

Sei sicura del titolo/autore?

Amo molto la Sicilia e con i siciliani mi trovo sempre benissimo, non può essere un caso! A proposito, già che ci sono, una volta a Palermo ho comprato una specie di salsetta per fare gli spaghetti, una cosa strepitosa. Era fatta con olio, capperi, pomodori secchi, carote tagliate julienne e non so che altri intrugli, ma un dosaggio così perfetto che a distanza di tempo ancora mi manca! Sai mica come si chiama quell'intruglio e come si può acquistare a distanza??

Grazie.


Pippo Perni
I sapori della memoria
viaggio in sicilia

Agorà edizioni

per l'intruglio puoi fartelo da te, perchè non ci provi?
se poi vuoi, in rete credo ci siano diversi siti Siciliani che vendono di queste salse, faccio un giro, se trovo qualcosa te lo dico.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Rossella » 4 gen 2007, 11:09

Rossella ha scritto:Pippo Perni
I sapori della memoria
viaggio in sicilia

Agorà edizioni

Direzione editoriale e sede operativa
Piazza Garibaldi 11
19038 Sarzana(La Spezia) tel.e fax 0187626354
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda M.Giovanna » 20 mar 2007, 10:59

Che tipo di riso utilizzi? Io in genere cuocio il riso per assorbimento, tipo risotto, perchè ho sempre paura che non si compatti :roll:
M.Giovanna
 
Messaggi: 272
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:36

Messaggioda Rossella » 20 mar 2007, 11:21

M.Giovanna ha scritto:Che tipo di riso utilizzi? Io in genere cuocio il riso per assorbimento, tipo risotto, perchè ho sempre paura che non si compatti :roll:

Mi trovo bene con il il roma il tipo con chicco grosso mi raccomando.
baci
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda M.Giovanna » 20 mar 2007, 11:31

Grazie :wink:
M.Giovanna
 
Messaggi: 272
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:36

Messaggioda M.Giovanna » 7 giu 2007, 19:43

Stò per cuocere la cane, cortesemente Ross mi indicheresti il quantitativo di estratto che utilizzi e diluito con quanta acqua?
M.Giovanna
 
Messaggi: 272
Iscritto il: 25 nov 2006, 17:36

Messaggioda Rossella » 7 giu 2007, 20:01

M.Giovanna ha scritto:Stàper cuocere la cane, cortesemente Ross mi indicheresti il quantitativo di estratto che utilizzi e diluito con quanta acqua?

due scatole di estratto da 125 gr. possono bastare e una bottiglia di pomodoro se c'è l'hai mettila, allunga e cuoci.
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14273
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Prossimo

Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: magpie-crawler e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee