° angelica delle simili

Pane e Lievitati - Il club dei Panificatori

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

Messaggioda Mariella Ciurleo » 22 giu 2007, 14:07

imercola ha scritto:...le ciliege le ho messe a macerare in alcol da un bel po' di tempo ...


Imma, mi spiegheresti come hai preparato le ciliege?
Pensi che si potrebbero sostituire con le amarene sciroppate?

Un bacio
Mariella
Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono (G. Gaber)
Avatar utente
Mariella Ciurleo
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 4 dic 2006, 8:28
Località: Roma (Q.re Talenti)

Messaggioda imercola » 22 giu 2007, 14:33

mi spiegheresti come hai preparato le ciliege?


Mariella ho semplicemente messo delle ciliege disidratate in un barattolo e le ho coperte di cognac. Le ho fatte cosi' rinvenire in alcol. Prima di usarle aspetto diversi giorni. Ovviamente stesso procedimento lo uso per tutta la frutta secca, tipo prugne, fichi, albicocche, uvetta etc.
Le amarene sciroppate vanno bene; se poi intendi le amarene quarantine, sarebbero il top.
Imma
Si dice che l'appetito vien mangiando, ma in realta' viene a star digiuni. (Toto')

Imma

Il mio blog: http://www.caffeinefor2.blogspot.com

Le mie foto: http://www.flickr.com/photos/8639796@N05/
Avatar utente
imercola
 
Messaggi: 935
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:42
Località: Westhill, Scozia

Messaggioda Mariella Ciurleo » 22 giu 2007, 17:02

imercola ha scritto:
mi spiegheresti come hai preparato le ciliege?


Mariella ho semplicemente messo delle ciliege disidratate in un barattolo e le ho coperte di cognac. Le ho fatte cosi' rinvenire in alcol. Prima di usarle aspetto diversi giorni. Ovviamente stesso procedimento lo uso per tutta la frutta secca, tipo prugne, fichi, albicocche, uvetta etc.
Le amarene sciroppate vanno bene; se poi intendi le amarene quarantine, sarebbero il top.
Imma


Grazie Imma!

Ora però mi devi togliere un'altra curiosità : chiami amarene quarantine quelle fatte macerare nei barattoli al sole?

Ho degli amici che ne fanno tutti gli anni parecchi barattoli e, bontà  loro, mi rendo partecipe della goduria!

Se vanno bene quelle sono a cavallo :<!>^!

Quelle disidratate, invece, non le ho mai viste, ma forse è perchè non le ho mai cercate...
ora provo a farci caso!

Un bacio
Mariella
Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono (G. Gaber)
Avatar utente
Mariella Ciurleo
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 4 dic 2006, 8:28
Località: Roma (Q.re Talenti)

Messaggioda imercola » 22 giu 2007, 17:18

Si le amarene quarantine sono proprio quelle e sono dette cosi' perche' dovrebbero stare al sole 40 giorni!
Io purtroppo so cosa sia la frutta secca perche' qua le amarene quarantine me le scordo ( a meno che la mia santa madre me ne prepari qualche barattolino da portarmi con me accuratamente mimetizzato in valigia ) e quindi, da buona napoletana verace, devo inventarmi qualcosa!
Si dice che l'appetito vien mangiando, ma in realta' viene a star digiuni. (Toto')

Imma

Il mio blog: http://www.caffeinefor2.blogspot.com

Le mie foto: http://www.flickr.com/photos/8639796@N05/
Avatar utente
imercola
 
Messaggi: 935
Iscritto il: 25 nov 2006, 16:42
Località: Westhill, Scozia

Re: angelica delle simili... dubbio

Messaggioda Desideria » 4 giu 2008, 22:14

Resuscito un vecchio thread per farvi partecipi della mia gioia:

Sono riuscita a fare la Torta Angelica! Avevo una paura.... una ricetta delle mmitiche sorelle Simili!

Questo è il risultato:

Immagine

Grazie a tutte/i per i vostri preziosi consigli.
Desideria
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 21 dic 2006, 13:19
Località: Milano

Re: angelica delle simili... dubbio

Messaggioda Rossella » 12 ago 2008, 14:41

Desideria ha scritto:Resuscito un vecchio thread per farvi partecipi della mia gioia:

Sono riuscita a fare la Torta Angelica! Avevo una paura.... una ricetta delle mmitiche sorelle Simili!

Questo è il risultato:


Grazie a tutte/i per i vostri preziosi consigli.

mi accorgo solo adesso...complimenti , e grazie per la condivisione :fiori:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Angelica..delle Sorelle Simili

Messaggioda mieledilavanda » 18 ott 2011, 12:08

(argomento accorpato ad altro già presente)

Ingredienti Lievitino:
135 g farina di forza
13 g di lievito di birra
75 g di acqua

Ingredienti Impasto:
400 g di farina di forza
75 g di zucchero
120 g di latte tiepido
3 tuorli
120 g di burro morbido
1 cucchiaino di sale

Ingredienti Farcitura:
75 g di uva sultanina, ammollata in acqua (1 versione)
o 100 gr di cramberry disidratati (2 versione)
50 g di burro fuso

Ingredienti Glassa:
150g di zucchero a velo
1 albume

Preparazione Lievitino:

In una ciotola piccola facciamo la fontana con la farina, mettiamo l’acqua al centro e sbricioliamo il lievito, facciamolo sciogliere bene e impastiamo.
Lasciamo lievitare il panetto fino al raddoppio (circa un’oretta).
In una ciotola mettiamo la farina, inseriamo al centro il latte, quindi i tuorli e amalgamamiamo, aggiungiamo lo zucchero e lavoriamo ancora, quindi il sale per ultimo.
Uniamo a questo punto il burro morbido (e non sciolto) e battiamo l’impasto finchè si stacca dalle pareti della ciotola.
A questo punto lavoriamo insieme il lievitino e l’impasto brioche e impastiamo finchè i due impasti non saranno perfettamenti amalgamati, (non si deve vedere nessuna striatura biancastra).
Mettiamo l’impasto in una ciotola leggermente imburrata, e lasciamo lievitare fino al raddoppio. (circa 1 ora)

Riprendiamo l’impasto e lo poggiamo sul tavolo infarinato, lo stendiamo senza schiaccialo, con infinita delicatezza, e formiamo un rettangolo di 3 mm di spessore circa. Spennelliamo con burro fuso, e farciamo con l’uvetta, e/o con cioccolato in scaglie o bramberries (come ho fatto io ieri)
Arrotoliamo dal lato più lungo e con un coltello infarinato, tagliamo a metà per il lato lungo. Ricordardiamoci di infarinare la lama ogni tanto per evitare che si appiccichi alla pasta.
Separiamo i due lati aiutandoci con il coltello e giriamoli in modo che la parte tagliata sia rivolta sopra, sovrapponiamo la parte centrale e formiamo una treccia tenendo la parte tagliata sempre verso l’alto.
Avvolgiamo la treccia a spirale e la adagiamo in una teglia a forma di ciambella (come si vede in foto) . Spennelliamo ancora con burro fuso e facciamo lievitare coperta fin quasi al raddoppio, circa 40 minuti.Cuociamo poi a 200° per 20/25 minuti.
Per la Glassa montiamo l’albume con lo zucchero a velo e non appena esce dal forno spostare la torta su una gratella e spennellarla con la glassa e lasciarla asciugare..
o più semplicemente cospargere di zucchero a velo, appena fredda (a me piace di più)


http://blog.giallozafferano.it/mieledilavanda/wp-content/uploads/2011/10/TRECCIA.jpg


Immagine
Avatar utente
mieledilavanda
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 14 ott 2011, 15:14
Località: Puglia

Re: ° angelica delle simili

Messaggioda maria rita » 19 ott 2011, 8:21

ottima amche questa versione.
Ho dato una occhiata al tuo blog: ricette davvero interessanti!
Maria Rita

« Noi atei crediamo di dover agire secondo coscienza per un principio morale, non perché ci aspettiamo una ricompensa in paradiso. »
(Margherita Hack)
Avatar utente
maria rita
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 13 dic 2006, 15:13
Località: Padova

Re: ° angelica delle simili

Messaggioda Luciana_D » 19 ott 2011, 9:59

La vedo solo adesso.Bella :clap: :clap: :clap:
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: ° angelica delle simili

Messaggioda mieledilavanda » 19 ott 2011, 12:17

grazie mille :-)
Avatar utente
mieledilavanda
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 14 ott 2011, 15:14
Località: Puglia

Re: ° angelica delle simili

Messaggioda susyvil » 19 ott 2011, 15:59

Ottima riuscita, brava! D:Do
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: ° angelica delle simili

Messaggioda beasarti » 21 ott 2011, 9:22

Se a qualcuno può essere utile avevo pubblicato qui:

angelica cioccolato e noci

(scusate, non sono capace di mettere il link con la scritta "QUI" come fate voi, a proposito, mi insegnate?) :|?

un passo passo dell'Angelica, nella mia versione nocciole e cioccolato. Nello stesso Thread ci sono altre versioni, come la già citata noci e cioccolato, che apre l'argomento.
Beatrice
Bologna
beasarti
 
Messaggi: 347
Iscritto il: 27 gen 2009, 20:15
Località: Bologna

Re: ° angelica delle simili

Messaggioda Clara » 21 ott 2011, 10:03

beasarti ha scritto:(scusate, non sono capace di mettere il link con la scritta "QUI" come fate voi, a proposito, mi insegnate?) :|?

Bea, prova a dare un'occhiata QUI :D
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6383
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Re: ° angelica delle simili

Messaggioda beasarti » 21 ott 2011, 10:50

Facilissimo!! Grazie!
Beatrice
Bologna
beasarti
 
Messaggi: 347
Iscritto il: 27 gen 2009, 20:15
Località: Bologna

Precedente

Torna a Chi va al mulino...s'infarina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee