L'amatriciana di Niko Romito

Ricette

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Caris » 3 mar 2014, 22:35

Piatto fondamentale a Roma ma anche in tutto il centro Italia, l'amatriciana è stata reniterpretata da Niko Romito per renderla più leggera ed esaltarne il gusto.
Ho preso la ricetta dal nuovo sito di Unforketable (alcune basi sono gratuite e davvero molto utili!) e l'ho trovata molto valida, sia per la sgrassatura del guanciale che per l'utilizzo del suo "contrappunto dolce ", come lo chiama Romito, ovvero l'utilizzo di un pochino di aceto balsamico.
davvero molto buona!

Per due persone (dice lui..a casa mia si raddoppia quasi :D)


200g di rigatoni
200g di guanciale
30g di cipolla
10g di aceto balsamico
200g di conserva di pomodoro
sale grosso
peperoncino

Procedimento

Su un tagliere puliamo il guanciale, eliminando la cotenna e la parte con il pepe. Ricaviamo 4 fette, 2 spesse e 2 più sottili, e tagliamole a cubetti. Affettiamo sottilmente la cipolla e tritiamola. Cuociamo il guanciale separatamente eliminando il grasso (ovvero facendo scolare il guanciale cotto su un colino poggiato sopra una terrina_ vedrete da voi il grasso che ne vien fuori). Mettiamo una padella antiaderente sul fuoco, aggiungiamo un filo di olio e la cipolla tritata. Lasciamo stufare la cipolla fino a quando diventa trasparente. Uniamo il guanciale più spesso e sfumiamo con l’aceto balsamico. Lasciamo andare 1 minuto e aggiungiamo il pomodoro (io non ho aggiunto sale perché era già sapido, regolatevi). Cuociamo per circa 5 minuti. Mettiamo sul fuoco una pentola con abbondante acqua. Quando raggiunge l’ebollizione, saliamo e buttiamo la pasta. Lasciamo cuocere per il tempo necessario (circa 8 minuti), e poi scoliamo direttamente nella padella con la salsa. Cuociamo ancora in padella, lasciando che la pasta si insaporisca e mettiamo nei piatti. Finiamo con il guanciale più sottile croccante e il pecorino (Il guanciale p§u sottile è croccante perché una volta che ha subito la stessa sgrassatura di quello più spesso, viene rimesso sul fuoco, in padella, per una seconda cottura rapida che lo renda ben croccante. Ricapitoliamo quindi: guanciale sottile tagliato in striscioline, messo in un padellino antiaderente, cotto per un minuto o due, messo a sgrassare su un colino, rimesso sul fuoco per donare croccantezza e direttamente nel piatto)
Allegati
DSC_1818.jpg
DSC_1819.jpg
DSC_1820.jpg
Avatar utente
Caris
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 12 gen 2014, 20:12

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Luciana_D » 4 mar 2014, 7:29

Molto bella Caris e supergolosa :clap: :clap: :clap:
E' uno dei condimenti che preferiamo :D
La provero' certamente perche' si discosta dalla procedura che mi e' stata insegnata (passata+aceto e cipolla tritata)
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Rossella » 4 mar 2014, 7:40

I puristi si scandalizzeranno Mariagrazia, aceto, cipolla, scolatura del grasso e quant'altro :cool:
Da provare, e lo farò, sebbene adoro l'amatriciana cosi com'è, anche se sono dell'idea che un piatto può essere sempre "migliorato" senza nulla togliere alla ricetta originale :wink:
Differenza tra l'una e l'altra? La presenza dell'aceto m'incuriosisce...
Grazie chère : Thumbup :
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Donna » 4 mar 2014, 8:05

MIo marito sara´felicissimo di scoprire che la sua tecnica e´la stessa che suggerisce Nico Romito :wink:
Devo chiedergli dove ha trovato questi consigli, naturlamente omette l´aceto balsamico che secondo me deve essere proprio di ottima qualita´e non quelli "falsi" che si trovano in commercio....
Quando venite a trovarmi in Abruzzo per andare al ristorante di Nico Romito? thank you
"Voglio un cibo educato. Un solo aggettivo, che non ha bisogno di tante parole di contorno. Così ci riprenderemo il diritto al cibo, e non il suo rovescio. Questo è quanto (basta)". ´
Andrea Segre´(Cibo)
Avatar utente
Donna
MODERATORE
 
Messaggi: 3322
Iscritto il: 30 gen 2007, 14:02

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Luciana_D » 4 mar 2014, 9:59

Credo che la presenza del balsamico dia quella marcia in piu' :wink:
Provero' a breve : Chessygrin :
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda politiz29 » 4 mar 2014, 11:49

sarà pure vero che i puristi si scandalizzeranno... ma a volte delle leggere modifiche a ricette tradizionali, possono dare quel qualcosa in più di inaspettato.
Quando un paio di settimane fa sono stato fuori per lavoro, una sera a cena in una trattoria di Latina, hanno servito un tris di primi tutti favolosi, uno dei quali dei fusilli alla amatriciana dove il guanciale veniva sfumato con una grappa aromatizzata (non ricordo il particolare però)... fatto sta che erano veramente superlativi.
Ma per dirla proprio tutta... ad un paio di colleghi (su 18) quella caratteristica non è piaciuta.
Grazie Caris *smk*
Ma vi pare che si debba fare una vita mangiando da malato... per morire sano???Immagine

Immagine

Meglio l'ira del leone... che l'amicizia delle iene
saluti, Tiziano (il leone)
prima legge universale della termodinamica di Mancuso: kill shfortunat, a pingghia 'ngul pur assttat
Avatar utente
politiz29
 
Messaggi: 649
Iscritto il: 15 mar 2010, 11:51
Località: Pordenone

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Danidanidani » 4 mar 2014, 12:10

Sinceramente io sono una purista...ma credo che questa versione vada provata.
Il risultato è stato quello di farmi venire una gran voglia di spaghetti (no bucatini) alla matriciana (no amatriciana,anche se ormai è diventata di uso comune).Il sugo con guanciale appena rosolato in padella (guai a cipolla...) sfumato con poco vino bianco (e anche qua ci sono discussioni...io preferisco senza),aggiunta di pomodori,nessun altro tipo di grassi e spaghetti conditi col sugo e completati con abbondante pecorino.
Inoltre a mio avviso,la rosolatura dei pezzetti di guanciale che lo chef mette sopra la pasta,rende la parte magra dei pezzetti di guanciale dura come sassolini...
*smk* *smk*
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2803
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Caris » 5 mar 2014, 9:16

io in generale l'amatricana (c'è differenza fra amtriciana e matricianae per l'roginaria presenza o meno del pomodoro) la faccio in maniera diversa, sicuramente senza cipolla. però ho assaggiato la cucina di Romito e sono rimasta senza parole. Quindi quando ho visto il suo sito e le ricette mi sono messa lì a cercare di capirecosa e perchè lo fa. Nel senso che spesso gli chef spaizzano (in negativo e in positivo eh) ma i suoi piatti sono di livello così elevato che con lui mi metto e ascolto:)
Detto questo, il piatto era buono e lasciava una sensazione di più leggerezza in bocca! Non ho ravvisato una perdita di sapore (che di solito accompagno allo sgrassamento, è vero). Anzi. L'aceto è poco, giusto una goccia, però dona un retrogusto leggerissimo, affatto invadente.


per il guanciale,ovviamente bisogna stare attenti alla doppia cottura ma in genere lui tiene bene. Il guanciale croccante l'ho visto usare anche da altri e secondo me è pruoi buono . Diverso sarebbe se usassimo la pancetta (che comunque per struttura diventa più dura del guanciale in cottura, anche alla prima).

Secondo me è un piatto da provaresia per fare confronti con i nostri metodi tradizionali, sia per poi magari applicare certi "trucchetti" (brutta parola, lo so) da chef in altre situazioni!
Avatar utente
Caris
 
Messaggi: 235
Iscritto il: 12 gen 2014, 20:12

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Rossella » 5 mar 2014, 9:59

Secondo me è un piatto da provaresia per fare confronti con i nostri metodi tradizionali, sia per poi magari applicare certi "trucchetti" (brutta parola, lo so) da chef in altre situazioni!

Concordo! :wink:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda Danidanidani » 5 mar 2014, 10:19

Rossella ha scritto:
Secondo me è un piatto da provaresia per fare confronti con i nostri metodi tradizionali, sia per poi magari applicare certi "trucchetti" (brutta parola, lo so) da chef in altre situazioni!

Concordo! :wink:


anche io... : Thumbup :
Daniela Del Castillo
le mie foto qui:
http://www.flickr.com/photos/8594434@N08/?saved=1
Immagine
Avatar utente
Danidanidani
 
Messaggi: 2803
Iscritto il: 26 nov 2006, 0:01
Località: Macerata Feltria

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda cinzia cipri' » 7 lug 2015, 16:04

up!
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda anavlis » 8 lug 2015, 8:37

Mi era sfuggita :shock: la nota acida dell'aceto convince anche me, anche se concordo con Donatella... ma se non è vero balsamico, meglio una goccia di buon aceto. Questi aceti al caramello, simil balsamico, sono terribili!
Proverò anch'io la ricetta proposta da Caris. Grazie *smk* però nella stagione giusta.
silvana


L’ironia è una dichiarazione di dignità, un’affermazione della superiorità dell’uomo su ciò che gli capita. (Romain Gary)
Avatar utente
anavlis
MODERATORE
 
Messaggi: 10428
Iscritto il: 8 apr 2007, 8:38
Località: palermo

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda miao » 8 lug 2015, 9:02

Mi ha fatto venir voglia ieri sera e l'ho fatta , pero con del maiale sotto vuoto che avevo in frigo di Roccella Jonica molto magro, tanto i grassi li abbiamo aboliti, in compenso era cosparso di peperoncino abbondante, ho poi messo una goccia di aceto balsamico nel sughetto e condito gli spaghetti , devo dire che ci e' piaciuto molto, avevo dimenticato che dovevo andare al coro e cosi' li ho mangiato in serata riscaldati nella padella del sughetto una bonta' :-P o :p: e non mangiavamo pasta da giorni e questa pietanza e' stata ok : Thumbup : grazie Caris thank you
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: L'amatriciana di Niko Romito

Messaggioda cinzia cipri' » 10 lug 2015, 14:02

fatta ieri sera per chi è venuto a cena
Un grande successo per quest'amatriciana!
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo


Torna a Dalla padella alla brace

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee