L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Altrove e dintorni, ricette dall'estero

Moderatori: Sandra, Luciana_D, Clara, Donna, Patriziaf, anavlis

L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Sandra » 22 gen 2011, 22:28

Immagine

Qualche notizia QUI

Traduzione /riassunto liberissimo :D

L' aligot é una preparazione culinaria rurale dell'Aubrac nell'Altopiano del Massiccio Centrale che si è diffusa nell'ultimo quarto del XX secolo in tutto il Massiccio Centrale ed in tutta la Francia .La parola deriva da aliqu'ot aligot, a sua volta derivato dal latino che significa qualcosa ,aliquod .

Storia
Questo piatto è stato originariamente realizzato con pezzi di pane fresco e con la toma. Raccontano che i monaci del Aubrac lo servivano, ai pellegrini che attraversavano le montagne della via Podiensis per andare a Saint-Jacques de Compostela.
Aligot ora è preparato con patate. Una purea che si fa mescolando le patate con la panna, il burro e toma fresca, quasi sempre con un po 'd'aglio schiacciato o tritato. La purea deve essere lavorata fino ad ottenere una consistenza elastica Originariamente, l' aligot veniva fatto e consumato nei fienili, casolari, rifugi (o il burons Mazuc) dove si allevavano vacche produttrici di latte da formaggio.
Aligot era una volta il piatto di sussistenza della famiglia, ora è diventato per alcuni un piatto delle grandi occasioni.
 
E' a volte chiamato il "nastro di amicizia" perche deve fare nastro per la sua elasticita. Il Larousse gastronomico(edizione 1997, sotto l'egida di un comitato presieduto dallo chef gourmet Joël Robuchon) riferisce che si prepa anche "un aligot dolce", che verrebbe bagnato con rum e flambé.

Legenda

Una leggenda dell Aubrac fa riferimento alla creazione dell' aligot dalla riunione di tre Vescovi delle diocesi di Rodez (Aveyron) Saint-Flour (Cantal) e Mende (Lozère), al crocevia di tre dipartimenti. Ai pasti, tutti avrebbero fornito un ingrediente: Fourme Rouergue, patate dell'Haut Pays d'Auvergne, burro, latte e dal « savoir faire » della regione del Gevaudan, sarebbe cosi' nato questo piatto tipico dell' Aubrac .La croce, detta la "croce di tre vescovi" , che rappresenta la congiunzione di tre diocesi (e dipartimenti), viene cosi' associata a questa leggenda.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=NUrF1urv9jQ&NR=1[/youtube]
[youtube1]http://www.youtube.com/watch?v=6gynAN2sIiQ[/youtube1]
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Sandra » 22 gen 2011, 22:29

La ricetta di Robuchon che ho seguito .....poi :D

Intanto altra foto che si commenta da sola,io non sono riuscita a fare tanto... :lol: :lol: :lol:

Immagine
Trovata:QUI

L'AUBRAC

La produzione della Toma
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Clara » 23 gen 2011, 12:28

Che bontà deve essere, gli ingredienti mi piacciono e così bello filante è un'attrazione pura per me D:Do
Grazie Sandra :D
clara
***********
Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (Saint-Exupéry)
Avatar utente
Clara
MODERATORE
 
Messaggi: 6384
Iscritto il: 30 nov 2006, 18:46
Località: Rivoli/to

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda miao » 23 gen 2011, 15:14

quoto Clara e' una pura bonta' poi ci dai la tua ricetta per fare la toma' vu le vu'?grazie!!! *smk*
il mio blog
Siate sempre allegri!!
Annamaria
Avatar utente
miao
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: 14 feb 2008, 8:17
Località: Caserta

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Sandra » 23 gen 2011, 18:50

Clara ha scritto:Che bontà deve essere, gli ingredienti mi piacciono e così bello filante è un'attrazione pura per me D:Do
Grazie Sandra :D

Tu Clara la toma fresca piemontese dovresti trovarla facilmente :D
Annamaria il video per la fabbricazione della toma e per farvi vedere la bellezza dei posti.Non ci penso neppure di farla io. :lol: Pensa che nel filmato si dice che solo quello che spezza il caglio ha le conoscenze e la manualita' per farlo :lol: :lol: Questa é arte,non é come fare il formaggio fresco o la labna!!! :lol: :lol: :lol:
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Luciana_D » 23 gen 2011, 22:46

Deve avere una consistenza gommosa.Mi attira :D
Luciana
In tutte le cose e' la passione che fa la differenza.
Testarda




Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioniQUI
Avatar utente
Luciana_D
MODERATORE
 
Messaggi: 11828
Iscritto il: 10 apr 2008, 18:24
Località: Pendolare tra Kuwait City e Velletri

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Sandra » 23 gen 2011, 23:42

Luciana_D ha scritto:Deve avere una consistenza gommosa.Mi attira :D

L'aligot od il formaggio?L'aligot non deve assolutamente essere gommoso,deve filare ed essere morbidissimo!! :D Quando é freddo puo' diventare gommoso ma non é freddo che lo si consuma :D
Domani metto la ricetta ed i trucchi :D
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda titione06 » 24 gen 2011, 10:48

mi piace molto molto L'ALIGOT e favoloso
l'abbiamo manggiato con il mio marito quando siamo andate dans L AUBRAC <hay
Christiane
titione06
 
Messaggi: 882
Iscritto il: 25 nov 2010, 18:04
Località: BIOT in FRANCIA

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda stroliga » 24 gen 2011, 11:08

Moi aussi, je l'aime beaucoup !
L'ho mangiato due anni fa a Laguiole, cercando coltelli *smk*
****************************
Licia
“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto, ma da quelle che non avete fatto.
Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele.
Esplorate. Sognate. Scoprite.” (Mark Twain)

“Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non sarà sprecato: è quello il posto in cui devono stare.E adesso metteteci sotto le fondamenta.” David Thoreau
Avatar utente
stroliga
 
Messaggi: 1274
Iscritto il: 14 lug 2007, 8:27
Località: Bugliaga dentro - VCO

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Sandra » 24 gen 2011, 13:21

stroliga ha scritto:Moi aussi, je l'aime beaucoup !
L'ho mangiato due anni fa a Laguiole, cercando coltelli *smk*

Licia secondo me con una buona toma fresca delle vacchette viste nelle foto sarebbe buonissima :D
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda stroliga » 24 gen 2011, 14:39

Sandra ha scritto:
stroliga ha scritto:Moi aussi, je l'aime beaucoup !
L'ho mangiato due anni fa a Laguiole, cercando coltelli *smk*

Licia secondo me con una buona toma fresca delle vacchette viste nelle foto sarebbe buonissima :D

Ne ho giusto portate a casa due :mrgreen:
****************************
Licia
“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto, ma da quelle che non avete fatto.
Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele.
Esplorate. Sognate. Scoprite.” (Mark Twain)

“Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non sarà sprecato: è quello il posto in cui devono stare.E adesso metteteci sotto le fondamenta.” David Thoreau
Avatar utente
stroliga
 
Messaggi: 1274
Iscritto il: 14 lug 2007, 8:27
Località: Bugliaga dentro - VCO

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda nicodvb » 24 gen 2011, 15:33

Sandra,
quella crema ha un aspetto fantastico
Che mondo sarebbe senza ricotta?
file excel con le ricette dei grandi lievitati: http://dl.dropbox.com/u/69660061/lievitati.xls
Avatar utente
nicodvb
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 23 dic 2008, 12:34
Località: Bologna

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Sandra » 24 gen 2011, 17:45

Ecco la ricetta...

Aligot

da Tout Rebouchon edizione Perrin,un libro senza immagini ma talmente ben spiegato che é addirittura di una precisone maniacale.Questa ricetta che ho tradotto ne é un esempio...


Questo piatto del sud del Massiccio centrale si accompagna spesso a salsicce o braciole di maiale alla griglia.Tradizionalmente si prepara in estate nei burons,capanne dove i pastori preparano il formaggio.

Ingredienti
Per 4 persone

500 gr di patate a pasta ferma
300 gr di tome fresca
80 gr di burro molto freddo
40 cl di panna liquida
3 grattugiate di noce moscata
2 spicchi di aglio senza il germe e schiacciato
sale
pepe
Un gran tegame,un piccolo tegame, un passaverdura a griglia fine

Preparazione 25 minuti
Cottura 35

Lavate le patate e non pelatele.In un tegame grande mettete le patate e ricopritele con due litri di acqua fredda e salata con un cucchiaio di sale.Fate cuocere a piccolo bollore:le patate saranno cotte quando piantanto la lama di un coltello questa ne uscira' facilmente (25 minuti circa)
Durante questo tempo tagliate la toma a dadini di ½ cm.
In un tegamino ,scaldate la crema.Quando comincera' a bollire incorporate la noce moscata.Mettere in attesa.
Quando le patate saranno cotte,mettete uno scolapasta nel lavello.Con una ramina mettete le patate nello scolapasta,conservando l'acqua di cottura nel tegame e fatele scolare bene.
Appoggiate lo schiaccia legumi con griglia fine su un'insalatiera.Pelate le patate e schiacciatele.
Gettate circa la meta' dell'acqua di cottura del tegame(dovra' rimanere tanta acqua da permettere di mettere a bagnomaria l'insalatiera che dovra' avere acqua calda fino a meta')Accendete il fuoco e mettete l'insalatiera nel tegame.
Tagliate a pezzetti il burro freddissimo .Mescolate la purea di patate due o tre minuti.Mettete i dadi di burro nell'insalatiera mescolando bene.Quando sara' fuso aggiungete la meta' della panna calda,l'aglio e la meta' del formaggio.mescolate 2-3 minuti finche' il formaggio non sara' fuso e ben mescolato alla purea.Versate l'altra meta' della panna calda ed il resto del formaggio.Mescolate ancora 2 minuti.
Assaggiate,salate,pepate se necessario.

PS questo l'ho letto altrove,non mescolate troppo o troppo velocemente,sollevate la spatola di legno piuttosto che girare in modo da non fare diventare il composto grumoso e non rompere l'elasticita.In poche parole ha scritto tanto ma mancava ancora qualcosa... :lol: :lol:
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda susyvil » 24 gen 2011, 18:26

Sandra, ne immagino la bontà !!! :-P o :p :-P o :p :-P o :p....
Assunta
" Cucinare è un modo di dare"- ( Michel Bourdin)
http://www.lacuocadentro.com
Avatar utente
susyvil
 
Messaggi: 2790
Iscritto il: 25 ago 2009, 17:29
Località: Villammare (SA)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda ugo » 25 gen 2011, 7:51

Grazie!!!
Ben spiegato,attraente insomma...viene già voglia di ritornare in Francia.
Buona giornata
:saluto:
Ciò che esisteva ai tempi di Careme,esiste ancor oggi ed esisterà per quanto tempo sarà dato alla cucina di vivere.
A.Escoffier Novembre 1902
Avatar utente
ugo
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 11 gen 2008, 17:43

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Sandra » 11 apr 2012, 17:29

Che voglia!!!! :D
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda ZeroVisibility » 11 apr 2012, 17:42

Sandra ha scritto:500 gr di patate a pasta ferma
300 gr di tome fresca
80 gr di burro molto freddo
40 cl di panna liquida


Bellissimo... deve essere di un buono.... :shock: D:Do
Ma.... 50% di patate e 50% di materia grassa.... Il mio fegato mi prrenderebbe a schiaffi.... :roll: :lol: :mrgreen:
Ettore
"guida poco...che devi bere"
Avatar utente
ZeroVisibility
 
Messaggi: 1061
Iscritto il: 15 lug 2007, 20:02
Località: milano nord/ovest

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Sandra » 11 apr 2012, 17:46

Fregatene Ettore la soddisfazione ed il piacere del palato faranno stare zitto il tuo fegato :D
Lo scopersi un giorno d'inverno in un piccolo bistrot vicino al consolato d'Italia a parigi me ne innamorai :D
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 8430
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda Rossella » 11 apr 2012, 18:36

Questo piatto mi era sfuggito, :-::!
se trovassi l'elemento "principe" me ne fregherei del mio fegato :lol: :lol:
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 12648
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Re: L'aligot dell' Aubrac (Francia)

Messaggioda cinzia cipri' » 6 mar 2016, 23:31

ma questa è una cosa fgavolosa! ma come ho fatto a perdermela?
Avatar utente
cinzia cipri'
 
Messaggi: 6231
Iscritto il: 27 mar 2008, 12:03
Località: Palermo

Prossimo

Torna a Specialità dal mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee