ALBUMI D'UOVA - RICETTE RICICLO - RACCOLTA

raccolte varie dolci e salate

Moderatori: Clara, Sandra, Luciana_D, TeresaV, anavlis

ALBUMI D'UOVA - RICETTE RICICLO - RACCOLTA

Messaggioda panini e focacce » 6 dic 2006, 18:29

Non mi ricordo se è di Elena o è presa da un libro di Giovanna, comunque è leggermente modificata

Rocher alla noce di cocco
180 gr farina di noce di cocco
120 gr zucchero
3/4 albumi
estratto di vaniglia
Mescolare tutti gli ingredienti, formare delle palline ed infornare a 200 gradi circa per una decina di minuti

Lydia
Avatar utente
panini e focacce
 
Messaggi: 559
Iscritto il: 28 mar 2008, 22:40

Messaggioda lella » 6 dic 2006, 21:19

ecco qui una raccolta di ricette per riutilizzare gli albumi; in qualcuna manca l'autore, mi spiace
per utilizzare gli albumi

Amanda
tien fede al suo nome

100 gr di zucchero
100 gr di mandorle tritate finemente o farina di mandorle
50 gr di burro
50 gr di farina
4 chiare d'uovo
1/4 bustina di lievito
4 cucchiaini di zucchero a velo (facoltativo)

Mescolare le mandorle tritate, zucchero e farina.
Montare le chiare d'uovo a neve fermissima.
Mescolare delicatamente i due composti, aggiungere il burro fuso ed il lievito.
Versare in uno stampo del diametro di 18 cm imburrato ed infarinato. Far cuocere a forno moderato per trenta minuti.
Levare dallo stampo e lasciar raffreddare. Spolverare di zucchero a velo ( facoltativo)
vita andrulli
matera

ANGELFOOD CAKE
angelfoodcake davvero mondiale, sofficissimo, lo hanno praticamente già spazzolato.

Ho montato bene 9 albumi con 200 gr di zucchero, ho aggiunto, continuando ad usare le fruste, altri 250 gr di zucchero, 200 gr di burro fuso lasciato intiepidire, 220 gr di farina, 1/2 bustina di pane angeli e una bella grattata di limone.
In una teglia sganciabile col buco al centro imburrato e infarinato in forno preriscaldato a 180 gradi per una quarantina di minuti.
Lydia Capasso
Napoli


Questo è l'Angelfood della mitica Altieri!!! Superbo!

ANGEL FOOD

12 albumi d'uovo
1 cucchiaino e ½ di cremor di tartaro (si compra a peso in farmacia)
350 gr. di zucchero (suddivisi in 200 e 150 gr.)
1 cucchiaino e ½ di estratto di vaniglia (o 1 di vanillina in polvere)
1 cucchiaino di aroma di mandorle (facoltativo)
150 gr. di farina per dolci (setacciata)
1 pizzico di sale
Panna montata e frutta e/o salsa di frutta per guarnizione

Questa torta è, probabilmente, la più leggera che esista, in quanto totalmente priva di grassi. La possono tranquillamente mangiare anche le persone che soffrono di colesterolo alto o di intolleranza alle uova e/o ai latticini, in quanto non viene utilizzato nessun tuorlo nè latte.
E' di semplicissima e veloce realizzazione.
Stranamente, mentre da noi è praticamente sconosciuta, è famosissima in USA, dove la vendono già pronta in tutti i supermercati.
Approfittatene se siete a dieta: questo peccato di gola non vi peserà sui fianchi!.
Nota: il "cremor di tartaro" è una sostanza che serve da agente lievitante.
E' una polvere bianca che si acquista in farmacia.

Esecuzione:

In una terrina, battere a neve ferma gli albumi col pizzico di sale e il cremor di tartaro con lo sbattitore elettrico ad alta velocità..
Aggiungere 200 gr.di zucchero (2 cucchiaiate alla volta per incorporare meglio), sbattere costantemente finchè lo zucchero si scioglie.
Aggiungere la vanillina (ed eventualmente l'aroma di mandorla, se desiderata).
Setacciare insieme farina e lo zucchero rimanente.
Versarli a poco a poco nel composto di albumi, finchè la farina viene completamente incorporata.
Versare in uno stampo (possibilmente antiaderente) con apertura a cerniera, col foro centrale (tortiera per dolci a forma di ciambella).
Livellare con una spatola.
Cuocere in forno precedentemente riscaldato a 180 per circa 30/40 minuti.
Il colore dovrà essere leggermente dorato e facendo una lieve pressione col dito sulla superficie, dovrebbe respingerlo, come se fosse una spugna. Invertire lo stampo in un collo di bottiglia e farlo raffreddare completamente, per circa un'ora.
Con una spatola stretta o un coltello staccare dolcemente il dolce dallo stampo e metterlo in un piatto da portata.
Se si desidera, glassare il dolce e guarnirlo con frutta e/o salse di frutta (è divino servito semplicemente con lamponi e panna montata!)

VARIANTE AL CIOCCOLATO: omettere l'eventuale estratto di mandorla ed aumentare l'estratto di vaniglia a 1 cucchiaio.
Ridurre la farina a 100 gr. e setacciare nel composto 50 gr. di cacao amaro in polvere.
Preparare il composto come sopra.

Lingue di gatto
Mescolare, nell'ordine, 100g di burro fuso e raffreddato, 100g de zucchero a velo, 100g di farina, 3 albumi non montati; con la siringa fare dei bastoncini lunghi come un pollice, ben distanziati, (poi si allargano) sulla placca del forno ricoperta con l'apposita carta, cuocere a 180° finchè il bordo è dorato e l'interno giallo chiaro. Con lo stesso impasto si possono fare le coppelle: l'impasto va spalmato sottile a forma di disco; appena tolto dal forno, ogni disco va posato e modellato su una tazza rovesciata, perchè prenda la forma. Le coppelle si servono riempite di macedonia di frutta, gelato, zabaglione...Altra possibilità , le tegole: si procede come per le coppelle, ma i dischi, appena tolti dal forno, vengono messi sul mattarello perchè prendano la forma concava. Arrotolando gli stessi dischi sul manico di un cucchiaio in legno si ottengono le 'sigarette'.
Alda Muratore Luxembourg

Mousse au chocolat (senza panna)
fondere 250 g di cioccolato fondente di ottima qualità (indispensabile: il gusto è dato esclusivamente dal cioccolato!) e quando è raffreddato ma ancora fluido aggiungere con delicatezza 6 albumi montati a neve fermissima con 100 g di zucchero (la faccio spesso per utilizzare gli albumi avanzati, riesce benissimo)
Alda Muratore Luxembourg

dolcetti al cocco
2 chiare d'uovo 100 gr di farina di cocco-100gr di zucchero.mescolare tutto insieme fino a far bagnare bene la farina di cocco. con un cucchiaino prendere il composto e metterlo su carta da forno a piccoli bocconcini.in forno a 140 gradi per 15/20 minuti.squisiti.
Alessandra Ingrasci
Cecina

SFORMATINI DI RICOTTA DI PECORA AL SESAMO

Ingr. per 4 persone:
250 gr di ricotta di pecora, 40 gr di pecorino grattugiato, due albumi.
Per servire: 500 gr di spinaci freschi.
Setacciate bene la ricotta (che deve essere profumata e ben asciutta), aggiungetevi il pecorino e amalgamate bene. Montate a neve gli albumi con mezzo cucchiaino di sale e poi aggiungete delicatamente alla ricotta. Nel frattempo, lavate gli spinaci, eliminate i gambi e spezzettateli grossolanamente.Metteteli in una capace padella a bordi alti con mezzo bicchiere di acqua, sale e olio di oliva.Fate stufare solo per il tempo necessario ad ammorbidirli bene, senza cuocerli troppo (devono risultare ancora un po' voluminosi).
Preparate degli stampini monoporzione imburrandoli e ponendo un cerchietto di carta forno sul fondo. Distribuite dei semi di sesamo sul fondo e riempite col composto di ricotta, livellando bene.Cuocete in forno a bagnomaria (170 gradi) per circa 20 minuti. Sul piatto formate una corona con gli spinaci e ponete al centro lo sformatine
ARANCINI
Ingr, 130 gr di mandorle pelate, 200 gr di zucchero semolato, 200 gr arancia candita, 20 gr di albume, mandorle a lamelle.
Ridurre in polvere le mandorle con lo zucchero. Poi aggiungere l'arancia candita e polverizzare di nuovo. Infine, aggiungere l'albume quanto basta ad ottenere un impasto omogeneo. A questo punto, inseritelo a cucchiaiate in un sac a poche con becco liscio, grandino. Formate dei tronchetti di circa 4 cm di lunghezza e accostateli due a due. Ponete i pasticcini così ottenuti su carta forno, cospargete di mandorle filettate e lasciate riposare per qualche ora. Cuocete in forno a 150 gradi per circa 10-12 minuti.
Elena Di Giovanni Macerata

FOCACCIA ARGENTATA
di Emanuela Bell.
Ingredienti:
5 chiare d'uovo
1 bustina di zucchero vanigliato
125 gr. di zucchero
125 gr. di burro
250 gr. di farina
½ bustina di lievito (anche meno a parer mio)

Sbattere a neve gli albumi, aggiungere poco alla volta lo zucchero vanigliato e lo zucchero semolato. Quando gli albumi saranno ben montati, aggiungere la farina alla quale avrete mescolato il lievito (io l'ho aggiunta setacciandola come per il pan di spagna); aggiungere infine il burro sciolto a vapore. Cuocete a forno caldo per mezz'ora (fate la prova stecchino, deve rimanere molto chiara)

TORTA VELLUTO BIANCO di Stefania Bruzzone

è perfetta per riciclare gli albumi avanzati.
Ingredienti:
200 gr. farina
200 gr. zucchero
100 gr. burro morbido a pezzetti
1/2 bustina lievito vanigliato
2, 5 decilitri latte
4 albumi
1 bustina vanillina
1/2 fialetta essenza mandorle

Mescolare farina, zucchero, lievito e vanillina, incorporare poco per volta burro e latte. Aggiungere anche gli albumi non montati e l'essenza mandorle, continuando a mescolare vigorosamente onde ottenere un composto cremoso ed omogeneo.
Usare una teglia ben imburrata preferibilmente con bordo a cerniera apribile e cuocere x 35 min. a 180°.
Far raffreddare e cospargere di zucchero a velo.

PASTINE DEGLI ANGELI
di Barbara Baldini
Dose x ogni albume
40/50 gr. Zucchero semolato
25 gr. Farina
25 gr. Burro morbido
Un pizzichino di sale
Zucchero in granella q.b.
Nocciole o mandorle q.b.
Inoltre: pirottini di carta medi
Si montano gli albumi a neve fermissima, poi mescolando molto delicatamente, si aggiungono nell'ordine: zucchero, burro e farina, fino ad avere un composto piuttosto gonfio e spumoso.
Poi si mette un cucchiaio di composto in ogni pirottino e si guarnisce con 1 nocciolina opp. 1 mandorla e lo zucchero in granella e si cucina in forno ventilato a 150°c x ca. 20 min.
Le pastine devono risultare appena dorate all'esterno e rimanere bianche all'interno.


Ti interesserebbero dei biscotti tipo i baicoli veneziani?
baicoli veneziani
650 g farina 0
80 g burro
80 g zucchero
1/2 cubetto di lievito di birra
2 albumi
3 dl latte
1 cucchiaino di malto d'orzo
1 pizzico di sale
Lievitino:
Sciogliere il malto e il lievito in 1 dl di latte intiepidito (preso dal totale). Aggiungere 100 g di farina impastare e formare una palla. Fare un taglio a croce sulla superficie della pasta e metterla a lievitare in una ciotola unta coperta da un telo per 30 minuti o finche' raddoppia.
Quando il lievitino e ' pronto mescolarci il resto del latte tiepido, gli albumi leggermente sbattuti (ma non a neve), lo zucchero e il burro morbido, e impastare con la restante farina. Appena formato un impasto grumoso lasciar riposare 20 minuti coperto. Poi riprendere ad impastare aggiungendo il sale e quando la pasta e' liscia ed elastica formare due pani allungati e farli lievitare coperti finche' raddoppiano (circa 2 ore). Infornarli (forno preriscladato a 170C) e far cuocere finche' dorati ma non scuri. Far raffreddare su una gratella poi avvolgerli in un telo bianco e far riposare un paio di giorni.
Affettare le pagnottelle ormai rafferme a fettine sottilissime, di sbieco, e tostarle a 150 C finche' ben asciutte e croccanti. Devono diventare di un bel colore nocciola chiaro.
manuela cooperman

flourless chocolate cookie1.jpg
cliccare sulla foto di Imercola
flourless chocolate cookie.jpg
cliccare sulla foto di Imercola


FLOURLESS CHOCOLATE CHEWIES


1, 3 kg zucchero a velo
170 gr cacao amaro
15 gr sale
15 ml di estratto di vaniglia ( io preferisco quello di limone)
12 bianchi d'uovo
800 gr di noci a pezzetti
Mescolare tutti gli ingredienti (tranne le noci) - e' preferibile usare lo sbattitore elettrico - per due minuti. aggiungere le noci, mescolare bene.
con il cucchiaio per fare le palline da gelato, versare il composto su una teglia da forno ricoperta da carta da forno. distanziare bene i biscotti!!!!
infornare - a forno agia' caldo - a 200 gradi per 7 mintui, non un minuto piu' ne un minuto meno. Saranno croccanti fuori e "gommosi" dentro.
NOTA: siccome ne verranno molti, si possono congelare cosi come sono prima di infornarli : gia' disposti sulal teglia e pronti da cuocere!:slurp
A risentirci presto.
BON APPETIT!

Imercola


Qui si chiamano anche "Beacon Hill Cookies" (Beacon Hill e' una bellissima zona di Boston, con splendide case di epoca vittoriana.
magari puo' interessarti questa versione, senza zucchero a parte quello contenuto nel cioccolato stesso.
2 albumi di uova grosse
1 pizzico di cremor tartaro oppure qualche goccia di limone
170 g cioccolato fondente
2 ml estratto di vaniglia
80 g noci spezzettate

Si montano gli albumi (tenuti a temperatura ambiente) a neve molto ferma, aggiungendo verso la fine il cremor tartaro o il limone (per mantenere stabile la struttura degli albumi montati). Si scioglie il cioccolato a bagnomaria, vi si mescola la vaniglia e si aggiunge agli albumi mescolando delicatamente dal basso verso l'alto . Si aggiungono le noci allo stesso modo.
Si mette a cucchiaiate distanziando bene su teglie ricoperte di carta forno e si cuociono in forno preriscaldato a 180C per 10-12 minuti.
manuela cooperman


_________________

Schneebusserle
per 45 biscotti:
50g canditi all'arancia (o al cedro) 4 bianchi d'uovo - un pizzico di sale - 250g zucchero
250g nocciole tritate - pacchetto di ostie piccole - mandorle intere per decorare
Trita finemente i canditi. Monta i bianchi a neve ben ferma con un pizzico di sale, poi incorpora lentamente lo zucchero, le nocciole e i canditi.
Metti su una teglia le ostie e su ognuna 1c di composto. Al centro, decora con una mandorla intera. Fai cuocere in forno a 140° per 25 minuti ca. Sforna i biscotti e lasciali raffreddare su una gratelle. In una scatola di latta si conservano fino a 8 settimane. Se non hai le ostie, puoi farli anche senza.
Il composto deve essere abbastanza solido: il mio era molto morbido per cui durante la cottura si sono un pò aperti, ma il gusto è sempre eccezionale!

"Biscotti ossi de morto
lella garbellotto
lella
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 25 nov 2006, 20:51
Località: pioltello(mi)

Messaggioda Rossella » 7 dic 2006, 7:23

Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14282
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda Rossella » 7 dic 2006, 9:04

La pavlova?
Immagine

dunque ho seguito i consigli di Adriano:
200gr di albumi, 200gr di zucchero semolato, 200gr di zucchero a velo, mezzo cucchiaio di amido di mais miscelato con lo zucchero a velo, 1 cucchiaino di aceto o succo di limone unito a metà  montata insieme ad un pizzico di sale. Gli zuccheri vanno inseriti a sviluppo avvenuto.
----------
quando si forma la crosta schiaccia delicatamente con un cucchiaio per lesionarla, di modo che si asciughi un pò anche dentro.
----------
cottura 130 - 140°, sportello semichiuso.
----------
per vedere come fare prendete spunto da questo sito:

pavlova
Immagine

Lo scambio è sempre produttivo e ci piacerebbe che fosse reciproco, trovo sia giusto riconoscere il lavoro di chi si impegna in un progetto. Metti anche tu il nostro logo sul tuo blog, lo troverai nella stanza dedicata alle presentazioni QUI
Avatar utente
Rossella
AMMINISTRATORE
 
Messaggi: 14282
Iscritto il: 4 ago 2006, 8:13
Località: Caltagirone

Messaggioda manuela » 13 dic 2006, 0:19

Questa e' una ricetta straniera, quindi non so se vada bene aggiungerla qui; pero' permette di utilizzare un bel numero di albumi...


Crema di limone

succo e parte gialla della scorza di 4 limoni (non trattati)
350 g zucchero
450 g acqua
1 uovo
6 albumi


Portare l'acqua appena a bollore. Mettere le scorze in una ciotola di vetro, versarvi sopra l'acqua bollente, coprire e lasciare in infusione una notte. Il giorno dopo filtrare l'acqua eliminando le scorze e alll'acqua aromatizzata aggiungere il succo dei limoni passato al colino, lo zucchero e l'uovo e gli albumi ben amalgamati. Mescolare e far addensare su fuoco dolce. Man mano assumera' un bel colore paglierino traslucido e diventera' di consistenza cremosa.
Il risultato finale e' del tutto simile al lemon curd, praticamente indistinguibile, ma molto meno pesante usando un solo tuorlo e niente burro.
La uso in ricette che prevedono il lemon curd, conservandola in frigo, per pochi giorni.

Fonte: Ricetta originale di N.K.M. Lee in The Cook's Own Book Boston, Munroe and Francis; New York, Charles E. Francis, and David Felt [etc.] 1832.
http://digital.lib.msu.edu/projects/coo ... k/coow.pdf
manuela cooperman
manuela
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 27 nov 2006, 7:41
Località: USA

Messaggioda luvi » 6 lug 2007, 14:00

mi avanzavano 4 albumi dalla lavorazione degli ultimi biscotti così ho fatto questa ricetta usando due stampi multiporzione da sei muffins

PASTINE DEGLI ANGELI di Barbara Baldini
Dose x ogni albume
40/50 gr. Zucchero semolato
25 gr. Farina
25 gr. Burro morbido
Un pizzichino di sale
Zucchero in granella q.b.
Nocciole o mandorle q.b.
Inoltre: pirottini di carta medi
Si montano gli albumi a neve fermissima, poi mescolando molto delicatamente, si aggiungono nell'ordine: zucchero, burro e farina, fino ad avere un composto piuttosto gonfio e spumoso.
Poi si mette un cucchiaio di composto in ogni pirottino e si guarnisce con 1 nocciolina opp. 1 mandorla e lo zucchero in granella e si cucina in forno ventilato a 150°c x ca. 20 min.
Le pastine devono risultare appena dorate all'esterno e rimanere bianche all'interno.


Immagine
Immagine
sono davvero soffici... pur non avendo messo alcun lievito , un solo cucchiaio di impasto nella cottura ha riempito lo spazio di un muffin.:D
luvi
 

Messaggioda milli » 2 ago 2007, 15:24

Non so se può essere utile un piccolo trucco che ho visto in una trasmissione di Nigella.
Lei consigliava di surgelare, in bustine da due, gli albumi avanzati e quando ne aveva un numero sufficiente faceva una pavlova o altro.
Questa cosa mi ha colpito perchè non pensavo che gli albumi congelati si potessero montare.
Avatar utente
milli
 
Messaggi: 96
Iscritto il: 23 giu 2007, 9:06
Località: Tivoli

Messaggioda ila » 3 ago 2007, 8:16

Io non li ho mai surgelati, anche perchè devo dire che ho sempre un po'di farina di mandorle o nocciole in casa e con gli albumi ne approfitto subito per fare dei biscotti...mamma quanto sono golosa :roll:
Comunque buono a sapersi :wink:
Immagine

Le mie FOTO
Il mio blog
Avatar utente
ila
 
Messaggi: 717
Iscritto il: 12 dic 2006, 15:09

Messaggioda panini e focacce » 3 set 2007, 11:55

Stelline di cannella di natalia

(il 3D originale è qui

3 albumi freschi
1 piz di sale
250 g zucchero a velo
1 cucchiaio e mezzo di cannella in polvere
Mezzo cucchiaio di succo di limone
350 g di mandorle macinate

Montare gli albumi a neve ferma con il sale.
Aggiungere lo zucchero a velo.
Da questo composto togliere 1 dl che servirà per la glassa.

Aggiungere al resto del composto la cannella il limone le mandorle.
Fromare un pala e stendere la pasta o su una pellicola trasparente o con l'aiuto di un pò di zucchero semlato sul tavolo.
Ricavare le stelline col tagliapasta e decorare con la glassa.

Lasciar riposare 5-6 ore o tutta la notte.

Cuocere per 2-3 minuti a 250°
Avatar utente
panini e focacce
 
Messaggi: 559
Iscritto il: 28 mar 2008, 22:40

Messaggioda luvi » 14 ott 2007, 13:04

lella ha scritto:
ANGELFOOD CAKE
angelfoodcake davvero mondiale, sofficissimo, lo hanno praticamente già  spazzolato.

Ho montato bene 9 albumi con 200 gr di zucchero, ho aggiunto, continuando ad usare le fruste, altri 250 gr di zucchero, 200 gr di burro fuso lasciato intiepidire, 220 gr di farina, 1/2 bustina di pane angeli e una bella grattata di limone.
In una teglia sganciabile col buco al centro imburrato e infarinato in forno preriscaldato a 180 gradi per una quarantina di minuti.
Lydia Capasso
Napoli



Stamattina ho fatto questa torta.
Avevo 8 albumi avanzati dalla lavorazione del mio Latte Brulè così ho adattato la ricetta originale al numero dei miei albumi. Ho usatao uno stampo col buco a cerniera imburrandolo e infarinandolo. Ho usato il Kenwood per montare il tutto.

Ingredienti

8 albumi
178 gr zucchero
222gr zucchero da aggiungere in un secondo tempo
178 gr burro fuso e intiepidito
195 gr farina
7 gr lievito bertolini ( un po' meno di mezza bustina)
buccia grattugiata di un limone ( non l'ho messa perchè non l'avevo)

Ho cotto in forno ventilato a 180°C per 40 min.
Il dolce risulta sofficissimo e dopo 15 min è uscito dallo stampo senza problemi.
Non l'ho ancora assaggiato , per ora le prime foto.
luvi
 

Messaggioda Barbara » 15 ott 2007, 9:08

lella ha scritto:TORTA GIANDUIOTTA Barbara

Se qualcuno può correggere.... la Gianduiotta è una delle pochissime mie realizzazioni... grassie! :lol: :lol: Probabilmente a Babette è piaciuta e l'ha trascritta dimendicando l'autore...

Quattro quarti mascarpone e albumi Barbara
250g mascarpone
250g zucchero
250g farina setacciata
300g albumi (*)
50g cacao amaro
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale

Montare a neve (non fermissima) 250g di albumi e tenere da parte.
Mescolare il mascarpone con lo zucchero, unire il cacao, la farina setacciata con il lievito, il sale, gli albumi montati a neve ed ulteriori 50g di albumi.
Infornare a 170° per 50'.
Io ho usato uno stampo tondo (diam. 20 cm) in silicone, quindi non ho dovuto imburrare e credo i tempi di cottura siano stati più veloci del solito; per temperature e tempo di cottura sappiatevi regolare.
(*) Gli albumi inizialmente erano pari peso degli altri ingredienti, ma siccome alla fine il composto mi sembrava troppo denso
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 379
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda luvi » 22 nov 2007, 17:10

luvi ha scritto:mi avanzavano 4 albumi dalla lavorazione degli ultimi biscotti così ho fatto questa ricetta usando due stampi multiporzione da sei muffins

[color=darkblue]PASTINE DEGLI ANGELI di Barbara Baldini

avevo 3 albumi e ho rifatto la solita ricetta ma ho sostituito lo zucchero con zucchero di canna, poi ho messo tre nocciole intere per tortino e spolverato con cacao amaro.
Sono venuti 6 tortini: una delizia!

Immagine
luvi
 

Messaggioda luvi » 12 dic 2007, 14:43

luvi ha scritto:
luvi ha scritto:mi avanzavano 4 albumi dalla lavorazione degli ultimi biscotti così ho fatto questa ricetta usando due stampi multiporzione da sei muffins

PASTINE DEGLI ANGELI di Barbara Baldini
Dose x ogni albume
40/50 gr. Zucchero semolato
25 gr. Farina
25 gr. Burro morbido
Un pizzichino di sale
Zucchero in granella q.b.
Nocciole o mandorle q.b.
Inoltre: pirottini di carta medi
Si montano gli albumi a neve fermissima, poi mescolando molto delicatamente, si aggiungono nell'ordine: zucchero, burro e farina, fino ad avere un composto piuttosto gonfio e spumoso.
Poi si mette un cucchiaio di composto in ogni pirottino e si guarnisce con 1 nocciolina opp. 1 mandorla e lo zucchero in granella e si cucina in forno ventilato a 150°c x ca. 20 min.
Le pastine devono risultare appena dorate all'esterno e rimanere bianche all'interno.



:D ennesima variante di questa ricetta, sempre 4 albumi da riciclare... questa volta ho usato zucchero di canna: 40 gr per ciascun albume e ho sostituito una piccola parte della farina con 2 cucchiaini rasi di cacao amaro in modo da ottenere sempre 100 gr di "farina/cacao"
in superficie una spolverata di mandorle a scaglie.

Buoni buoni e soffici.
ecco la foto
Immagine
luvi
 

Messaggioda Barbara » 12 dic 2007, 16:18

luvi ha scritto:....avevo 3 albumi e ho rifatto la solita ricetta...


Vabbè.. dovrò provvedere a ricomprare gli albumi in tetrapack... belle ed invoglianti Luvi!
Barbara
______________________________________
Un giorno senza un sorriso, è un giorno perso (Charlie Chaplin)

http://ricettebarbare.blogspot.com/
Avatar utente
Barbara
 
Messaggi: 379
Iscritto il: 27 nov 2006, 9:59
Località: Trieste

Messaggioda luvi » 12 dic 2007, 18:22

:shock: no Barbara.. io faccio ciclicamente il Creme Caramel e avanzano albumi... il bello è organizzarsi con preparazioni alternate..:D
luvi
 

Re:

Messaggioda luvi » 28 mar 2008, 23:24

luvi ha scritto:mi avanzavano 4 albumi dalla lavorazione degli ultimi biscotti così ho fatto questa ricetta usando due stampi multiporzione da sei muffins

PASTINE DEGLI ANGELI di Barbara Baldini
Dose x ogni albume
40/50 gr. Zucchero semolato
25 gr. Farina
25 gr. Burro morbido
Un pizzichino di sale
Zucchero in granella q.b.
Nocciole o mandorle q.b.
Inoltre: pirottini di carta medi
Si montano gli albumi a neve fermissima, poi mescolando molto delicatamente, si aggiungono nell'ordine: zucchero, burro e farina, fino ad avere un composto piuttosto gonfio e spumoso.
Poi si mette un cucchiaio di composto in ogni pirottino e si guarnisce con 1 nocciolina opp. 1 mandorla e lo zucchero in granella e si cucina in forno ventilato a 150°c x ca. 20 min.
Le pastine devono risultare appena dorate all'esterno e rimanere bianche all'interno.



ecco la nuova variante con un piccolo cucchiaino di marmellata di frutti di bosco e un po' di granella di zucchero.
Immagine
Immagine
luvi
 

Re:

Messaggioda luvi » 16 apr 2008, 10:35

lella ha scritto:
ANGELFOOD CAKE
angelfoodcake davvero mondiale, sofficissimo, lo hanno praticamente già spazzolato.

Ho montato bene 9 albumi con 200 gr di zucchero, ho aggiunto, continuando ad usare le fruste, altri 250 gr di zucchero, 200 gr di burro fuso lasciato intiepidire, 220 gr di farina, 1/2 bustina di pane angeli e una bella grattata di limone.
In una teglia sganciabile col buco al centro imburrato e infarinato in forno preriscaldato a 180 gradi per una quarantina di minuti.
Lydia Capasso
Napoli


ieri l'ho rifatto con le dosi esatte indicate dalla ricetta, è sempre una bontà!
Immagine


porto a galla questo post interessantissimo anche per gli iscritti più recenti.:D
luvi
 

Re: RACCOLTA: RICETTE RICICLO ALBUMI D'UOVA

Messaggioda Sandra » 9 nov 2008, 22:07

Ho il congelatore pieno di albumi e con Chantal abbiamo pensato di cominciare ad elimininarli.Problema,le ricette sopra riportate necessitano a parte l'Angel food di pochi albumi,quindi eliminate,l'angel tre l'altro richiede uno stampo che non ho.Danix3 saggiamente mi ha consigliato di fare delle banalissime meringhe,fino ad ora le pochissime prove fatte hanno sempre, in cottura ,dato risultati piu' che mediocri,quindi temevo :(
Gli albumi 6 erano pero' congelati ed alle ore 20 non si puo' aspettare che scongelino da soli,quindi abbiamo deciso di buttarli nel microonde,posizione scongelo,per 5 minuti circa.Con nostra somma gioia si sono scongelati ma soprattutto montati benissimo :D
Ancora incredule ,abbiamo preparato le meringhe dando loro una non forma,come fanno qui i fornai che le vendono per le merende dei bambini,delle meringone deformi,fatte buttando con un cucchiaione la meringa sulla placca del forno coperta di carta :D
Ed ecco dopo 3 ore di cottura a 90°con il forno in fessura cosa abbiamo ottenuto.Ne mancano gia' tre mangiate dalla cucciola questa mattina appena sveglia :D

Immagine
Fatte con meringa all'italiana, zucchero a velo e non semolato e poco limone

Morale:
Gli albumi si congelano
Gli albumi si scongelano al micronde
Non é a volte necessario scervellarsi tanto,le idee piu' semplici possono dare grandi soddisfazioni
Se si sbaglia piu' volte non é detto che vada sempre male,é meglio riprovare
Non é mai troppo tardi,ho 60 anni :lol: :lol: :lol:

Se volete vedere delle belle meringhe guardate quelle di Barbara
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 9016
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: RICETTE RICICLO ALBUMI D'UOVA - RACCOLTA

Messaggioda Sandra » 22 apr 2009, 21:23

Qualcuno ha mai fatto un angel food riuscito alla perfezione ?
Questa sera avevo lo stampo comperato a New York,tanti albumi congelati ,ho voluto provare .Ho seguito un po’ la ricetta sul forum ma visto che non sono esperta avevo bisogno di qualcosa spiegato passo passo.Ho girato per blog e siti italiani e francesi ed ho poi battezzato il mio ,quello spiegato meglio !!
Bhe no ,o ero distratta io o era spiegato da cani.Fatto sta ‘ che é uscita un’immonda ciofeca.Tra l’altro temo di aver comperato uno stampo enorme :24 cm di diametro 11 cm di altezza.
Il fondo amovibile non combacia bene,una parte di impasto troppo liquido é uscito e mi ha sporcato il forno. |^.^| Avevo visto che era leggermente ondulato ma era l’ultimo nell’unico negozio dove l’ho trovato,sembra strano ma forse non é piu’ di moda l’angel food quindi difficile trovare stampi :lol:

Ho sbagliato anche le dosi,c’era scritto 1 tazza e ¾ di albumi ,ho tralasciato 1 ed ho messo solo ¾.Fierissima dei misurini che Vacchi mi ha comperato sempre a New York con misura in cup e cl mi sono detta che non potevo sbagliare,seee !!Non so leggere altro che !!

Non possiedo cremor tartaro,in Francia dal farmacista é consiedrato un veleno ed al super non c'é,ho messo qualche goccia di limone dopo aver letto che era sufficiente :D

Insomma se ci fosse qualcuno che lo sa fare ,quello senza tuorli ne materie grasse gli sarei infinitamente grato di trascrivermi la ricetta e mettersi a disposizione di una pasticcera incapace :lol: :lol:
Ho ancora tanti albumi congelati ma quando finisce la scorta saro' fritta ce ne vogliono almeno 12/15 :D ,non posso sbagliare due volte :oops:
Grazie!!!!! *smk*
E quando ne ho voglia faccio anche qualche foto:
http://www.flickr.com/photos/43807393@N00/
Avatar utente
Sandra
MODERATORE
 
Messaggi: 9016
Iscritto il: 25 nov 2006, 15:56
Località: vence(francia)

Re: RACCOLTA: RICETTE RICICLO ALBUMI D'UOVA

Messaggioda ugo » 26 apr 2009, 18:14

Sandra ha scritto:
Morale:
Gli albumi si congelano
Gli albumi si scongelano al micronde
Non é a volte necessario scervellarsi tanto,le idee piu' semplici possono dare grandi soddisfazioni


:

Grazie!Utilissima notizia
Ugo
Ciò che esisteva ai tempi di Careme,esiste ancor oggi ed esisterà per quanto tempo sarà dato alla cucina di vivere.
A.Escoffier Novembre 1902
Avatar utente
ugo
 
Messaggi: 740
Iscritto il: 11 gen 2008, 17:43

Prossimo

Torna a Raccolte

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

About us

Panperfocaccia.eu, è un forum di cucina ricco di ricette e procedimenti, qui troverete tante persone come voi che hanno voglia di imparare e condividere.

Nelle prime forme di vita urbana dell’Homo sapiens, così come nei laboratori degli scienziati del XXI secolo, passando per le vivaci città rinascimentali, le nuove idee nascono sempre attraverso lo scambio di informazioni e il confronto fra individui.
È proprio questa circolazione “liquida” di conoscenza che permette di esplorare nuovi orizzonti e di creare innovazione. Quando si condivide una comune cultura civica con migliaia di altre persone, le buone idee tendono a riversarsi da una mente all'altra, ecco che si verifica Uno scambio di buone idee!

Steven Johnson - uno scambio di buone idee